Family blog di viaggi con bambini, dedicato alle famiglie globetrotter che amano viaggiare con i bambini – Tre cuori e una valigia

Articoli

3 giorni a Praga con i bambini: diario di viaggio

Visitare Praga con i bambini è facile e divertente.

Cosa fare, cosa vedere, come non annoiare i piccoli, piccole dritte di viaggio per una tra le più belle città europee.

La meravigliosa Praga

La meravigliosa Praga

Ecco il nostro diario di viaggio per conciliare la voglia di visitare dei grandi con la necessità di svago dei più piccoli.

PRAGA GIORNO 1

La nostra scoperta di Praga inizia con una tappa gastronomica: i trdelník, o semplicemente trdlo.

negozi tipici in cui trovare il Trdlo

negozi tipici in cui trovare il Trdlo

Trdlo

Trdlo

Non potete lasciare Praga senza assaggiare il famoso manicotto di Boemia: questo dolce cilindrico e cavo, cotto sulla carbonella tipica di Praga, viene riempito a vostro piacimento con cioccolato, pistacchio, crema o gelato.

Assaggiato la prima volta crea dipendenza nei grandi e nei piccini!

Partiamo dalla Piazza Vecchia (Staroměstské náměstíè), uno dei luoghi turistici più importanti di Praga.

Piazza Vecchia (Staroměstské náměstíè)

Piazza Vecchia (Staroměstské náměstíè)

E’ piena di bar, ristoranti, interamente pedonale (il vostro piccolo potrà correre tranquillo senza pericolo), animata da carrozze trainate da cavalli, artisti di strada che catturano l’attenzione dei bambini con bolle giganti di sapone.

Aspettiamo piacevolmente che gli apostoli escano dall’Orologio Astronomico (Staroměstský Orloj) : il “Corteo degli Apostoli” è un meccanismo che, allo scoccare di ogni ora, mette in movimento delle figure rappresentanti appunto i 12 Apostoli .

Orologio Astronomico (Staroměstský Orloj)

Orologio Astronomico (Staroměstský Orloj)

Sulla piazza si affacciano numerosi edifici importanti: la Chiesa di San Nicola, Palazzo Kinský, il Municipio della Città Vecchia con il  famoso sopracitato orologio astronomico.

giocando sulla Piazza Vecchia (Staroměstské náměstíè)

giocando sulla Piazza Vecchia (Staroměstské náměstíè)

Ci dirigiamo verso il più famoso e amato monumento della capitale della Repubblica Ceca: ponte Carlo (in ceco Karlův most)  lo storico ponte in pietra sulla Moldava che collega la Città Vecchia al quartiere di Malá Strana.
Anche questo è tutto pedonale, con il passeggino è un piacere visitare Praga.

ponte Carlo (in ceco Karlův most)

ponte Carlo (in ceco Karlův most)

Una vista impagabile dalle sue torri (preferite quella con la vista sul Castello) alla sua estremità sulla destra troverete un grazioso parco giochi per una pausa.

Pranzo in un locale tipico per deliziarci con la cucina ceca e la squisita birra scura.

Deliziosa birra scura in un birrificio locale

Deliziosa birra scura in un birrificio locale

Il menù vedrete che è più o meno lo stesso in quasi tutti i locali, con grande varietà di carne e di verdura.
Noi abbiamo sempre scelto un piatto nuovo per noi e uno collaudato che piacesse al nostro piccolino.
Il gulasch (non è cosi piccante come quello ungherese) servito spesso con gnocchi di pane o gnocchi di patate (preferiti dal nostro bimbo) o servito in ciotole di pane e poi stinco, bistecche di carne di manzo e di maiale e patate (viva i purè per i più piccoli).

Il gulasch

Il gulasch

Proseguiamo raggiungendo il muro di Lennon : originariamente esso era un semplice muro della città, ma verso gli anni ’80 divenne un simbolo di pace e libertà soprattutto per i giovani che iniziarono a riempirlo con graffiti e disegni ispirati a John Lennon, nonché con frasi tratte da canzoni dei Beatles.
Non dimenticate i pennarelli per aggiungere la vostra firma o un’impronta colorata al muro e giocate a cercare l’immagine di Lennon tra gli altri disegni.

Muro di Lennon

Muro di Lennon

Raggiungiamo la vicina isola di Kampa (Na Kampě) che offre un bellissimo parco verde in cui sono state installate due sculture del famoso artista ceco David Černý (“Bronze Babies”) .

Bronze Babies

Bronze Babies

Giochiamo tra le statue dei bambini giganti, le bolle di sapone e ci rilassiamo sdraiandoci nel verde.
Quasi tutte le aeree verdi, tranne alcuni giardini, sono tutte interamente calpestabili per pic nic e grandi corse a piedi scalzi.

rincorrendo le bolle di sapone a Kampa

rincorrendo le bolle di sapone a Kampa

Partiamo alla scoperta di Petřín: la collina si presenta con una serie di sentieri in mezzo ad una fitta vegetazione, raggiungiamo la cima con la simpatica funicolare in partenza ogni 10 minuti e utilizzando il semplice biglietto dei mezzi pubblici.

Ci divertiamo tantissimo dentro al labirinto di specchi e torniamo anche noi bambini.

Altra attrazione della collina è la torre panoramica, imitazione (più piccola) della Tour Eiffel da cui si gode una bella vista sulla città.

Sosta gelato e torniamo giù alla partenza della funicolare dove c’è un attrezzato parco giochi, una fontana, tavoli e sedie, bagni con fasciatoi, molto pulito.

sosta gelato a Petrin

sosta gelato a Petrin

Cena in centro.

PRAGA GIORNO 2

Metro e tram ci conducono al Castello di Praga (Pražský Hrad) .

mezzi pubblici in Praga

mezzi pubblici in Praga

Con un’aerea complessiva di quasi 70.000 metri quadrati è il più grande castello a corpo unico del mondo. All’interno del complesso si trovano, fra gli altri edifici, la Cattedrale di San Vito, il Convento di San Giorgio, la Basilica di San Giorgio, il Palazzo Reale, il Vicolo d’Oro, la Pinacoteca del Castello di Praga, la torre Daliborka e il Belvedere.
Ci sono due biglietti per 2 tipi diversi di visite, ma già con il percorso breve ne avrete abbastanza.
I bambini sotto i 6 anni entrano gratuitamente.

Dedichiamo gran parte della giornata all’interno del complesso, il tempo scorre veloce tra foto e lunghe file.

Noi scegliamo di visitare gli interni approfittando della nanna del piccolo e gli spazi esterni invece quando è sveglio, gestendo meglio le sue esigenze e non annoiandolo troppo.

Gli interni della Cattedrale lasciano a bocca aperta, mentre dal vicolo d’oro non aspettatevi troppo, non l’abbiamo trovato così imperdibile ma è compreso nel biglietto.

Stupendi invece i giardini, che ci regalano una pausa dalla folla e dalla calura.

Vista dai giardini

Vista dai giardini

Se avete tempo può essere divertente un giro nel famoso Museo del Giocattolo.

A mezzogiorno fatevi spazio tra i turisti per il cambio della guardia, che avviene nel primo cortile (ingresso principale), con tanto di fanfara.
Non pomposo come quello di Buckingham Palace, ma da vedere se siete lì.

Pausa in centro per il quotidiano trdlo con gelato, una vera dipendenza!

Dopo cena è immancabile una tappa al fascinoso Ponte Carlo, i violini dei musicisti di strada che echeggiano mentre il tramonto colora il cielo dietro al Castello è un momento davvero magico.

Aspettate che il ponte venga illuminato dai lampioncini, per godervi ancora qualche attimo dell’atmosfera da fiaba di Praga.

Vista spettacolare del Castello dal Ponte Carlo

Vista spettacolare del Castello dal Ponte Carlo

PRAGA GIORNO 3

Ci dirigiamo verso Piazza San Venceslao (Václavské náměstí) con i suoi viali pieni di negozi ma siamo già attratti dal profumo per le stade delle salsicce sulle griglie e ci concediamo una tappa per assaporarne una, intrattenuti dalle immancabili bolle di sapone giganti degli artisti di strada.

Ancora in centro, ripercorriamo Ponte Carlo e aspettiamo l’orario per l’escursione sul fiume Moldava,  scegliamo quella da 50 minuti ma le alternative sono molte.

Anche i più piccoli saranno interessati : oltre al panorama di Praga avvistiamo pesci, papere e numerosi candidi cigni, un’oretta scarsa di relax ce la meritavamo tutta.

Escursione sul fiume Moldava

Escursione sul fiume Moldava

Torniamo lungo fiume per il pranzo e raggiungiamo a piedi il Letná Park (Letenské sady), splendido parco cittadino con panorama fantastico sulla città vecchia e sulla Moldava.

Scelta azzeccatissima: Il piccolo finalmente è libero di correre nel verde e giocare a raccogliere pigne mentre mamma e papà sorseggiano una birra.

Qui troverete 3 birrerie, un parco giochi, panchine e tavoli, e cosa più importante in estate tanta ombra.

Ci rilassiamo sull’erba fino a cena, la Birreria del Letna Park è uno dei luoghi più frequentati dai praghesi. Dalla vista e dall’ottima birra capirete perché .

Relax in Letna Park

Relax in Letna Park

Abbiamo vissuto un’estiva Praga economica, rilassata, molto verde e non troppo caotica.

Ultimo accorgimento: ricordate di avere sempre a portata di mano il nome dei monumenti in Ceco, non esistono traduzioni né sui cartelli, né sulle metro.

Aeroporti baby friendly: promosso l’aeroporto di Praga

Nella nostra lista degli aeroporti baby friendly spicca sicuramente quello della città di Praga.

In attesa del volo Wizz Air che ci riporti in Italia dopo il nostro viaggio, ci intratteniamo piacevolmente nel Terminal 2 del piccolo ma attrezzato aeroporto di Praga.

Il Václav Havel Airport Prague ha introdotto un’innovazione nei servizi per i viaggiatori più piccoli con un programma che rende più facile il viaggio per le famiglie con bambini.

Tutte le attività per bambini sono contrassegnate da un’etichetta della mascotte: la simpatica ape Mr. B.

aeroporto di Praga

I negozi per bambini, ristoranti che offrono menu per bambini, aree giochi e baby rooms sono tutte riconoscibili dal simbolo di Mr. B.

Passati i controlli di sicurezza raggiungiamo agevolmente con ascensore la baby room (matky s detmi) al piano superiore, dove regna il silenzio, un’atmosfera surreale.

Varcata la porta troviamo un ambiente tranquillo, c’è una discreta privacy in quanto è una camera chiusa senza vetrate, tappetone colorato, tavolino e sedie per i piccoli, giochi, fasciatoio, forno a microonde e lettini per la nanna.

aeroporto di Praga

Le baby rooms sono presenti sia al Terminal 1 che al Terminal 2 e in entrambi si trovano mini aree giochi per bimbi.

Per i bambini più grandi potrebbe essere divertente utilizzare il tempo prima della partenza giocando agli scacchi giganti, situati nell’area pubblica delle partenze del Terminal 2.

All’aeroporto Václav Havel di Praga troverete fasciatoi nella maggior parte dei bagni delle donne e degli uomini, sia nell’area pubblica che in quella limitata.

Mangia, Praga, ama: una città da fiaba

Una città dal fascino impareggiabile, che risulta molto piacevole da visitare per grandi e piccini.

La capitale della repubblica ceca è una città tranquilla, non troppo dispersiva, ricca di fascino, di storia e di golosità dietro ogni angolo.

Apprezzerete il cibo, la birra, la rilassatezza, le viuzze silenziose, gli scenari mozzafiato.

Piazza della Città Vecchia

Piazza della Città Vecchia

Grandi aree verdi e parchi giochi, lunghi tratti pedonali, tram storici e carrozze trainate da cavalli: Praga risulta una meta ideale per i bambini.

MEZZI PUBBLICI

Il trasporto pubblico è tra i migliori d’Europa: metropolitana (3 linee gialla, rossa e verde) tram e autobus sono utilizzati dai due terzi della popolazione cittadina e servono la maggior parte della città e la periferia.

La capitale è organizzata con scivoli, ascensori ed anche percorsi speciali per carrozzine, sedie a rotelle e biciclette.

scale mobili in metro

scale mobili in metro

E’ normale scendere le ripidissime scale mobili della metro con i bambini e gli altri passeggeri aiutano sempre volentieri le mamme con i bimbi piccoli.

PARCHI E AREE VERDI

Praga ha numerosi parchi, sia in centro che in periferia.

C’è sempre un’oasi nelle vicinanze per poter fuggire dai turisti e dal rumore della città o dove portare i vostri bambini quando desiderano una piccola pausa tra il verde e le aree gioco.

Kampa: di parchi giochi ce ne sono addirittura due.

nei Giardini di Kampa

nei Giardini di Kampa

Petrin: veduta meravigliosa di Praga. Malastrana vi accoglierà con il suo verde, i suoi boschi, l’aria fresca. All’inizio della funicolare un meraviglioso parco giochi con scivoli, sabbiere, panchine, bagni con fasciatoi .

giocando con la sabbia nei parchi giochi di Petrin

giocando con la sabbia nei parchi giochi di Petrin

Letná Park: si fa una piacevole camminata in un parco e da qui si può ammirare la città in una nuova prospettiva, grandi spazi verdi frequentati da skate e parco giochi.

nei Giardini di Letna Park

nei Giardini di Letna Park

Alla fine di ponte Carlo: sula destra troverete un piccolo parco giochi.

alla fine di Ponte Carlo

alla fine di Ponte Carlo

L’isola dei bambini (Dětský ostrov): purtroppo adesso é chiuso per ristrutturazioni.

Se vuoi saperne di più leggi i nostri 3 GIORNI A PRAGA CON I BAMBINI: DIARIO DI VIAGGIO

Naxos, primo viaggio con bebè

Naxos è la stata la nostra scelta per “il battesimo di viaggio” del nostro piccolino. Vi spieghiamo perché abbiamo scelto l’isola più grande e più estesa delle Cicladi e perché rifaremmo questa scelta.

Il primo viaggio con il bebè è sempre una scelta importante: è il battesimo del volo, il battesimo della vacanza, sono le prove generali da cui dipenderanno probabilmente gli altri viaggi.

Eravamo diventati viaggiatori genitori, volevamo una meta estiva non troppo costosa, vicina, soleggiata, una località dal mare cristallino, non troppo impegnativa: la Grecia!

E Naxos è stata la scelta ideale.

Naxos
Naxos

Tra le diverse possibilità per raggiungerla, complici anche gli orari di volo e il prezzo dei biglietti, decidiamo di arrivarci partendo dalla meravigliosa Santorini.

Un aliscafo veloce della Seajets ci porta comodamente in 1 ora e mezza sulla meravigliosa Naxos.

I soli bagagli a mano ci agevolano non poco l’imbarco e lo sbarco, sulla nave li lascerete in stiva divisi per destinazione quindi fate attenzione.

Naxos ci riempie gli occhi con i suoi colori: il bianco delle case, il fucsia delle bouganville, il turchese del mare, il giallo dorato delle sue spiagge.

particolari in Naxos
particolari in Naxos
case tipiche Naxos
case tipiche Naxos

Abbiamo trascorso poco meno di una settimana sull’isola, con tanta voglia di tornare.

E’ un’isola della Grecia autentica, fatta di taverne sul mare e spiagge incontaminate, in alcuni tratti vi può capitare addirittura di essere soli.

taverna tipica
taverna tipica
spiaggia al tramonto
cenando in spiaggia al tramonto

Rilassante è l’aggettivo ricorrente di Naxos quando ricordiamo quel viaggio, fatto di tramonti e lunghe passeggiate sulla spiaggia, di piacevoli tappe nelle taverne e lunghe pennichelle, tra una poppata e l’altra, sotto l’ombrellone.

LE SPIAGGE MIGLIORI PER I BAMBINI

L’isola di Naxos offre una vasta scelta di spiagge per tutti i gusti ma sicuramente il tratto di costa più bello e adatto ai più piccoli è quello della costa occidentale, lungo, ampio e riparato dal vento.

pranzo con vista

Ecco quelle da cui siamo rimasti ammaliati, in ordine di distanza dal paese principale.

AGIOS GEORGIOS (Chora)

Se scegliete di dormire a Chora, il paese principale dell’isola, questa è la spiaggia più vicina e di riferimento. Essendo situata in una baia è sempre riparata dal vento Meltemi e le sue spiagge di sabbia fine e il mare digradante la rendono ideale per i bambini.

AGIOS PROKOPIOS

E’ la spiaggia che ci ha conquistato, che abbiamo amato di più, a pochi passi dal nostro monolocale immerso nel verde e vicino alle tante taverne accoglienti e pittoresche.
La spiaggia che ha visto il nostro piccolino gattonare, il primo bagnetto al mare, il nostro cuore è qui.
Considerata tra le 10 spiagge più belle della Grecia, ha un mare turchese e una spiaggia dorata dalla sabbia che non si appiccica.
La spiaggia libera si alterna agli stabilimenti, poco invasivi ed economici.

Agios Prokopios
Agios Prokopios
Agios Prokopios
Agios Prokopios

AGIA ANNA

E’ la prosecuzione di Agios Prokopios, la spiaggia si fa più fine ed è leggermente meno riparata quando soffia il vento.
Il colore del mare è sempre di un azzurro cristallino e con una semplice passeggiata si arriva ad una bianca chiesetta da cui ammirare il tramonto.
I lettini e ombrelloni si alternano anche qui a lunghi tratti di spiaggia libera.

Agia Anna
Agia Anna
Chiesetta di Agia Anna
chiesetta di Agia Anna

PLAKA

Se volete una spiaggia leggermente più selvaggia scegliete Plaka. Perdetevi tra le sue dune nella parte più meridionale, vi sembrerà di essere soli.
Come le precedenti adattissima per i bambini.

Mediamente abbiamo pagato meno di 10 euro per 2 lettini e ombrellone in paglia in media stagione.

DOVE DORMIRE CON I BAMBINI

Essendo la più grande delle Cicladi non avrete difficoltà a trovare un alloggio.

Noi abbiamo optato per uno tra i deliziosi Studios (camere con angolo cottura) che distava una breve passeggiata a piedi da Agios Prokopios.

In genere quasi tutte le sistemazioni si offrono di venirvi a prendere al porto e riaccompagnarvi, solitamente servizio compreso nel prezzo della camera. Abbiamo piacevolmente beneficiato di questo comodo servizio.

TRASPORTI SULL’ISOLA

Se scegliete le spiagge della costa ovest non sarà necessario l’affitto dell’auto, potrete investire i costi del noleggio in qualche notte in più.

Noi ci siamo spostati con i mezzi pubblici : economici, comodi, veloci, puliti. La linea Chora – Agios Prokopios – Agia Anna – Plaka è molto efficiente e i bus partono ogni mezz’ora. I biglietti non li emette l’autista ma li potete acquistare in ogni tabaccaio o negozio di souvenirs (noi ne abbiamo acquistati un po’, e li tenevamo sempre dietro in modo da poter improvvisare la giornata) .;

Vedrete che i km tra una spiaggia e l’altra non sono poi così tanti, ci è spesso capitato di fare lunghe passeggiate da Agios Prokopios ad Agia Anna con il pupo che dormiva nel marsupio.

DOVE MANGIARE CON I BAMBINI

L’isola offre una vasta scelta di taverne tradizionali, quelle più scenografiche sono sul mare.

Ci siamo innamorati subito dei colori dei localini, dei graziosi tavoli in legno con tovaglie a quadrettoni.

taverna tipica
taverna tipica

Ci siamo affezionati in particolare ad un locale vicino ad Agios Prokopios: la Traditional Greek Tavern Giannoulis, una taverna tradizionale a conduzione familiare che serve piatti tipici con un sottofondo di musiche greche. Mentre a pranzo preferivamo uno spuntino in spiaggia, la sera siamo tornati quasi sempre qui: piatti ottimi, prezzi onesti, dolce e ouzo sempre offerto.

Ovunque troverete seggioloni e gentilezza, i tempi nel servire talvolta sono lenti e rilassati, quindi non abbiate fretta! Ma in fin dei conti siamo in vacanza, ed è piacevole lasciarsi alle spalle la frenesia che ci accompagna tutti i giorni.

particolare di una taverna
particolare di una taverna

Tra i piatti che abbiamo provato ci sentiamo di consigliare la fresca insalata greca dove un’oliva tira l’altra, il Souvlaki ovvero spiedini di carne di maiale cotti alla brace, la Moussaka uno sformato a base di melanzane, patate, carne macinata, besciamella e formaggio, Gyros Pita una piadina rotonda alla piastra e farcita con straccetti di carne di agnello, pollo o maiale, la salsa Tzatziki molto famosa ma dal sapore particolare a base di cetriolo e yogurt e poi i dolci Kadaifi e Baklava, a base di pasta filo, miele e frutta secca davvero dolcissimi .

polpo alla griglia
polpo alla griglia

Mamma e papà non possono non assaggiare almeno un bicchierino di ouzo, il tipico liquore a base di anice, spesso offerto a fine pasto, una degna ricompensa dopo una giornata di mare.

cenando al tramonto
cenando al tramonto
tramonto di Agia Anna
aspettando il tramonto dalla Chiesetta di Agia Anna

COME ARRIVARE

Per Naxos non ci sono voli diretti, ma farete scalo ad Atene, oppure potrete scegliere  di arrivare a Mykonos o Santorini e prendere un aliscafo, distano circa 1 ora la prima  e poco meno di 2 ore la seconda.

Non ci resta che augurarvi buon viaggio!

Viaggiare con i bambini, per noi è importante

Perché noi pensiamo sia importante viaggiare con i bambini?

Viaggiare è sempre stata la nostra passione, e adesso che siamo in tre, non è cambiato “quasi” nulla. Continuiamo con lo stesso entusiasmo di prima, solo con qualche accorgimento in più!
Viaggiare con i bambini può sembrare impossibile: imprevisti, capricci, lunghe liste di oggetti da mettere in valigia, programmi che saltano e tante altre piccole difficoltà che possono sbucare durante il viaggio. Ma se si affronta tutto con l’atteggiamento giusto, si riuscirà a vedere solo il lato positivo.

I grandi viaggi hanno questo di meraviglioso, che il loro incanto comincia prima della partenza stessa. Si aprono gli atlanti, si sogna sulle carte. Si ripetono i nomi magnifici di città sconosciute.

Joseph Kessel
viaggi con bambini - Piazza vecchia, Praga
viaggiare con i bambini – Old Town Square

Il viaggio è una passione che ti smuove dentro, è un motore che ti spinge sempre più lontano per vedere posti che non pensavi, per conoscere gente nuova, assaggiare sapori sconosciuti, emozionarti come un bambino. Avete figli e vi piace viaggiare? E allora perché dovreste smettere?

Sappiamo che molti di voi penseranno che i viaggi con bambini sono difficili, altri penseranno all’aspetto economico.

Mille le domande che vi riempiranno la testa: “e se il piccolo sta male?”

“e se succede qualcosa?”

“Aspettiamo che sia più grande tanto adesso non ricorderà nulla!”

“Dove vuoi andare, accontentati, adesso hai un bimbo! Qualche viaggio lo hai già fatto, dovresti già essere felice…”

Scacciate queste preoccupazioni e non lasciatevi influenzare!

Sicuramente ve lo dice chi non ha mai viaggiato, chi forse è un pò geloso o chi in fondo non vi conosce bene.

Avere un figlio non è una limitazione ma è una cosa meravigliosa: è stupendo condividere i ricordi, le emozioni, le esperienze, e farlo con le persone che si amano è impagabile.

viaggi con bambini - Naxos
viaggiare con i bambini – Agios Prokopios

Perché genitori si diventa ma viaggiatori si nasce e questo non ce lo dimentichiamo mai.

I soldi utilizzati per viaggiare saranno i migliori soldi che spenderete nella vostra vita.

Viaggiate con i vostri figli! Cercate un volo low cost …una meta lontana o vicina …ma viaggiate!

Il nostro piccolino ha iniziato a viaggiare nel pancione della sua mamma e, volo dopo volo, la sua consapevolezza del mondo che lo circonda sta crescendo con lui.

Costruite una memoria del Mondo, che comincia nei bimbi più piccoli con una coscienza del Mondo.

Che le persone non hanno tutte lo stesso colore della pelle, che non mangiano tutti le stesse cose, che non vivono tutti come noi, è un bagaglio di esperienze che si porteranno dietro per tutta la vita.

La florida a misura di bambini: Miami e le isole Keys

On the road per 1500 km negli USA: Un sogno che parte da Miami e dalle Isole Keys

Vi raccontiamo la nostra prima tappa in Florida come l’abbiamo vissuta noi: a misura di bambini.

Il Sunshine State: in nessun altro posto al mondo gli standard di vita occidentali si uniscono in maniera meravigliosa al clima e al calore tipico degli Stati caraibici come avviene qui.

Ci sono ottimi motivi per scegliere la Florida come meta ideale per le famiglie con bambini di ogni età.

Un viaggio dall’eccitante Miami Beach alla spettacolare Overseas Highway delle Keys, da Sarasota eletta prima spiaggia negli Stati Uniti alle missioni di Cape Canaveral, dalle meravigliose spiagge del Golfo del Messico all’incontro con gli alligatori nelle Everglades, non vi mancherà nulla.

Terza volta negli States ma la prima con il nostro bimbo di un anno e mezzo.

Mai avremmo sperato di riuscire a partire per una meta così lontana con il nostro piccolino, tante le ansie soprattutto per il lungo volo ma troviamo un’offerta molto allettante e la voglia di partire ha il sopravvento.

Alterniamo i motel agli airbnb, questi ultimi si sono rivelati la scelta per noi ottimale.
Partiamo da Fort Lauderdale per un giro di 1500 km ad anello che ci riporta dopo 15 gg a riprendere un volo da Miami.

MIAMI

Miami beach
Miami beach

Un vero “must” della Forida, ci si sente in un film, diamo un’occhiata veloce a Downtown Miami (mangiamo al Whole Foods Market) e puntiamo verso Ocean Drive e alla spiaggia, bella lunga e pulita.

A South Beach c’è una bellissima passeggiata fronte mare dove poter spingere il passeggino, percorriamo chilometri costeggiando la spiaggia, adoriamo Lummus Park su Ocean Drive, che ci regala ombra e giochi per bimbi. Se avete tempo, più a nord tra la 21st e la 46th Street, c’è una passerella in legno lunga oltre due miglia.
Poche sono le spiagge attrezzate, portate l’ombrellone e non dimenticate la crema solare.

Il mare a Miami è generalmente calmo, ideale per nuotare e giocare, il vostro bimbo sarà al sicuro e voi vi godrete il meritato riposo al sole sul bagnasciuga!

baywatch house
baywatch house

In Downtown, se avanzate tempo, concedetevi un giro in battello (un’ora e mezza) e gironzolate per la zona di Bayside Marketplace con classica sosta al vicinissimo Hard Rock Cafe. Se vi trovate in Biscayne Blvd fate tappa alla simpatica catena Bubba Gump Shrimp Co, inutile dire che il menù è composto all’80% da gamberi proposti in tutti i modi, comunque buona scelta di piatti e anche il menù bambini risulta abbastanza ricco. Bella la location per chi ricorda il film Forrest Gump, davanti c’è anche la panchina dove ci si può sedere, infilare i piedi nelle scarpe e fingere di essere Forrest.

Miami beach
Miami beach

Il Miami Seaquarium riporta in rete opinioni contrastanti, se decidete di assecondare i desideri del vostro bambino e assistere agli spettacoli con orche e delfini preparate il portafoglio ad una cifra a dir poco esagerata, noi non siamo molto amanti degli spettacoli con gli animali e decidiamo di saltarlo.

Dedichiamo un’intera giornata all’isola di Key Biscayne, a meno di mezz’ora a sud di Miami.

Ci sono diversi buoni motivi per recarsi a visitare questo parco:

  • prima in assoluto la vista invidiabile dello skyline di Miami dall’isolotto a metà strada sulla Rickenbacker Causeway
  • godere di una zona verde in cui trovare tranquillità a poca distanza da Miami (approfittatene in settimana, durante il week end è molto frequentato)
  • salire al faro di Bill Baggs Cape Florida State Park
  • rilassarsi sulle tranquille spiagge sabbiose
Bill Baggs Cape Florida State Park
Bill Baggs Cape Florida State Park

Paghiamo l’entrata di 8$ per veicolo ed entriamo al Bill Baggs Cape Florida State Park, ci attendono solo oceano, sabbia e curate aree ombreggiate dove facciamo una pausa dal sole rovente (con il biglietto d’entrata potrete entrare e uscire dal parco senza problemi).
Si aggiungono al picnic scoiattoli, colorate iguane e simpaticissimi procioni, il nostro piccolo impazzisce di gioia!!

simpatici incontri
simpatici incontri

Raggiungiamo la parte più a sud del parco, per goderci il pittoresco faro e in serata torniamo nel traffico di Miami.

caratteristico faro di Bill Baggs Cape Florida State Park

ISOLE KEYS

Finalmente le Keys!!

Partiamo di buon’ora da Miami, calcolate bene i tempi perchè negli States i limiti di velocità sono una cosa seria, per percorrere i 200 km calcolate all’incirca 4 ore buone, se nei week-end anche di più.

Direzione sud percorriamo la famosissima Overseas Highway!!

Overseas Highway
Overseas Highway

La strada è più spettacolare nell’ultimo tratto, anche se solo le foto dall’alto rendono veramente l’idea.

Visti i prezzi di Key West optiamo per due notti a Marathon che dista 50 miglia (1 ora in auto).

Il tempo per il pranzo e un riposino per il cucciolo e si riparte per Mallory Square.

Key West è l’ultima delle Isole Keys, la più a sud degli Stati Uniti, la separano solo 90 miglia da Cuba.

musica dal vivo
musica dal vivo

La graziosa e pittoresca cittadina è stata l’angolo di paradiso scelto da Hemingway e da tanti artisti famosi e non è difficile capire perché …oggi si viene qui per il suo sole e l’atmosfera rilassata e alternativa.

tipica architettura di Key West
tipica architettura di Key West

Key West è un’esperienza da vivere, lasciate perdere il trenino turistico in partenza da Front Street e vivetela a piedi!!

Perdetevi nelle viuzze colorate, ballate con la musica caraibica dal vivo dei locali, sorseggiate un mojito tra gli artisti di strada, perdete i sensi gustando la rinomata Key Lime Pie.

Visitate la casa di Hemingway e divertitevi a cercare nei cortili i gatti a sei dita.

Casa Museo di E.Hemingway
Casa Museo di E.Hemingway

Arrivate per metà pomeriggio per fotografarvi davanti punto più meridionale degli Stati Uniti (mettetevi in coda e armatevi di pazienza)

Southernmost point buoy
Southernmost point buoy

Le spiagge a nostro parere sono ben lontane dai colori caraibici, quindi puntiamo su Mallory Square.

Mallory Square
Mallory Square

Beviamo una birra ghiacciata comprata da un divertente furgoncino anni 60, mangiamo conch fritters e aspettiamo il tramonto.

Qui la chiamano la Sunset Celebration : esibizioni di artisti di strada, svariate bancarelle, musica dal vivo, in attesa del famoso tramonto.

E quando le case si tingeranno di una calda luce dorata e il cielo si farà sempre più rosso, capirete perchè avete fatto tanti km per essere li.

tramonto a key west
tramonto a key west

Conserviamo ancora sulla pelle la sensazione di emozione e gratitudine, mentre lo sguardo del nostro cucciolo si incanta davanti al tramonto ci sorseggiamo la nostra birra Key West.

tramonto a key west
tramonto a key west
tramonto a key west
tramonto a key west

Non ci resta che augurarvi buon viaggio!

Boston con bambini: primo viaggio oltreoceano

Il primo volo oltreoceano con i bimbi piccoli? Boston è stata la scelta ideale.

Vi raccontiamo come rendere una città così storica ed elegante una meta adatta a tutta la famiglia.

Boston con bambini - Massachusetts State House

Massachusetts State House

Raggiungibile in 8/9 ore di volo dall’Italia e 6 ore di fuso in meno rispetto allo stivale, vero e proprio punto di riferimento economico e commerciale del nord-est americano, Boston rappresenta la meta ideale con i nostri piccoli.

La capitale del Massachusset è pulita, baby friendly, verdissima, ricca di attrazioni per grandi e piccini.

Ecco le cose da fare con i bambini:

FREEDOM TRAIL

Anche se si visita Boston con i bimbi al seguito, il modo migliore per avere un quadro generale di questa bellissima città dallo stampo tipicamente europeo è seguire il Freedom Trail, il sentiero della libertà. Il famoso percorso di mattoncini rossi che collega gli edifici storici delle varie tappe della Rivoluzione Americana è lungo circa 3 miglia (poco più di 4 km).
Si parte dal parco pubblico più vecchio d’America, il Boston Common.

Boston con bambini -
 rincorrendo gli scoiattoli al Boston Common Park

rincorrendo gli scoiattoli al Boston Common Park

Da qui inizia anche il tour guidato (a pagamento e in inglese) ma non occorre la guida: armatevi di scarpe comode e mappa e seguite la famosa linea rossa.
Noi lo abbiamo fatto con passeggino a seguito, dedicandogli una mezza giornata.

Freedom Trail

Freedom Trail

BOSTON DUCK TOUR

Appena lo vedranno in città i bambini vi chiederanno di salirci: è il Boston Duck Tour, una delle attrazioni più popolari.

Imparerete la storia e vedrete i luoghi storici a bordo di un bus anfibio a forma di anatra, risalente alla Seconda Guerra Mondiale (le audioguide in italiano partono solo dalla posizione Prudential Center).

Il tour dura quasi un’ora e mezza, compresi i 20 minuti in cui il capitano vi porterà sul fiume Charles e vi farà vivere una visione di Boston da un’altra prospettiva.

Sceglietela magari come prima esperienza in città, in modo da poter tornare nei posti che vi sono piaciuti di più.

Un divertentissimo modo per vedere la città per grandi e piccini, per una simpatica avventura per tutta la famiglia.

Quack! è il suono più ricorrente che sentirete.

Boston con bambini - Duck Tour

Boston Duck Tour

NEW ENGLAND AQUARIUM

Ottima meta adatta a famiglie con bambini, carino e ben strutturato.
Articolato su più piani, è un modo divertente per addentrarsi nel mondo marino di pesci tropicali, squali, foche e pinguini.
Si ha la sensazione di entrare in diretto contatto con gli animali nelle vasche.
Pesci tropicali, razze, squali, pesci martello e simpatici pinguini renderanno una giornata speciale.
Si trova in prossimità del porto, a pochi passi dalla metropolitana.

WHALE WATHCING TOUR

K-way e macchina fotografica per questo imperdibile tour a caccia di balene.
Si parte dal molo del Waterfront (Long Wharf, metro MBTA linea blu) proprio accanto al New England Aquarium per un’avventura nel bel mezzo dell’oceano alla ricerca dei grandi cetacei.
Più di 3 ore a bordo dei catamarani della “Boston Harbor Cruise” per un’esperienza unica per grandi e piccini.
Nella bella stagione (da maggio a ottobre) l’avvistamento è assicurato, ma in caso contrario viene dato un buono per un altro giro.

Boston con bambini - scorcio waterfront Boston

uno scorcio del waterfront di Boston

QUINCY MARKET

Boston con bambini - Quincy Market

Quincy Market

Sulle mappe il suo nome ufficiale è Faneuil Hall Marketplace.
Una piccola pausa al coperto per assaggiare qualche delizia da asporto.
Per una Boston non solo da vedere ma anche da degustare.

Boston con bambini - Quincy Market interno

Quincy Market interno

CHILDREN’S MUSEUM

Cosa farai da grande?
Capire i mestieri dei grandi, fare incredibili scoperte scientifiche, molteplici attività tattili e cognitive.
Come spendere una giornata diversa apprendendo in modo divertente.
I bambini di tutte le età sono i benvenuti!

MUSEO DELLA SCIENZA

Non solo per i veri appassionati della materia, ma per tutti coloro che amano imparare divertendosi.
Ricco di attività per tutte le età è uno dei migliori musei della Scienza che abbiamo visto.
Strutturato su più livelli in base al tema: fisica, astronomia, biologia.
La Scienza è vista come un gioco e strumento come scoperta del mondo.
Biglietto un pò costoso ma li vale tutti, in una giornata piovosa non esitate a entrare!

Boston con bambini - Waterboat Marina

Boston Waterboat Marina

Abbiamo amato molto Boston, il suo stile europeo, la sua eleganza architettonica.

Boston con bambini - Harvard University

Harvard University

Se andate nei mesi d’estivi godetevi i suoi spazi verdi, la sua Bacon Hill, passeggiate tra i viali alberati di Harvard come abbiamo fatto noi e sorseggiate una Samuel Adams, siete a Boston!