Family blog di viaggi con bambini, dedicato alle famiglie globetrotter che amano viaggiare con i bambini – Tre cuori e una valigia

Articoli

Viaggio in Alsazia con bambini a Colmar, un libro di fiabe a cielo aperto – giorno 2

Alla scoperta della fiabesca Colmar con bambini, una splendida esperienza invernale in Alsazia

Colmar, villaggio da fiaba

Continua il nostro viaggio verso l’Alsazia, oggi destinazione Colmar!

Se ti sei perso il post del primo giorno di tour in Alsazia in cui raccontiamo come siamo arrivati, cosa abbiamo visto e dove abbiamo dormito lo puoi trovare qui:
Viaggio in Alsazia con bambini giorno 1 – tappa a Friburgo

Friburgo negozio strade

Un delizioso scorcio della città di Friburgo, 1 giorno

Ma torniamo a noi!

Dopo una ricca colazione presso il nostro albergo, siamo impazienti di dirigerci verso la tappa che ci ha fatto programmare questo viaggio: Colmar stiamo arrivando!

Colmar, questa piccola città dell’Alsazia francese, è stata definita “un libro di fiabe nordiche a cielo aperto” e passeggiando lungo le caratteristiche vie del centro storico, tra case in legno e pietra, si respira davvero aria di fiaba.

Colmar, case tipiche

La cittadina più famosa dell’Alsazia dista da Friburgo in Brisgovia appena un’ora di piacevole strada a scorrimento veloce, si passa il confine senza neppure accorgersene.

La storia ha deciso che dovesse essere francese ma a Colmar l’influenza tedesca è evidente e si riscontra bene nel suo stile e nelle sue usanze. Un’anima tedesca che si avverte principalmente nello stile architettonico della maggior parte delle case e dei palazzi.

Colmar

Le vie del centro sono infatti caratterizzate dalle tipiche “Maison à colombages”, le case con tipiche intelaiature a traliccio di legno che sostengono tutta la struttura. Questa architettura segue gli schemi della tradizione germanica che si ritrova in tutta l’Alsazia.

Colmar, Maison à colombages

Maison à colombages

Passeggiare per queste pittoresche stradine, tra canali e case color pastello, è estremamente affascinante… è amore al primo sguardo!

E’ la prima volta che visitiamo questa zona francese e ci chiediamo perché non l’abbiamo fatto prima!

Viaggio a Colmar con bambini – cosa vedere

Colmar è un gioiello incastonato tra i boschi e i vigneti dell’Alsazia, che riteniamo una delle regioni più belle e caratteristiche di tutta la Francia, deliziosamente punteggiata da castelli, vigneti e borghi pittoreschi.

E’ una cittadina facile da visitare con i bambini, le strade del centro si percorrono agevolmente con il passeggino e le piccole vie tranquille permettono di lasciare liberi i bimbi di correre e passeggiare senza pericolo.

Colmar, via pedonale

Si lascia l’auto in uno dei tanti parcheggi a pagamento e si raggiunge comodamente il centro storico a piedi, quasi interamente pedonale.

Le temperature invernali che abbiamo trovato, inoltre, ci hanno piacevolmente sorpreso, consentendoci di girare tranquillamente quasi tutta la giornata, stanchezza dei pupetti permettendo.

A Colmar c’è tanto da vedere grazie al suo patrimonio culturale e artistico, ma è passeggiando tra i suoi viali acciottolati e suoi canali, ammirando le case del centro, che l’abbiamo voluta scoprire e assaporare.

Piccola Venezia

La “Piccola Venezia” è il luogo più romantico di Colmar.

Anche se ha ben poco da paragonare alla nostra meravigliosa città, in questo quartiere si vedono le tipiche ordinate casette alsaziane affacciarsi sugli scenografici canali.

Colmar e i suoi canali

La zona seppur piccolina è molto graziosa.

Con pochi euro potrete anche concedervi un giro in gondola di 25 minuti con tanto di gondoliere, esperienza semplice ma simpatica per i bimbi.

Passeggiamo per il centro storico di Colmar che conserva la divisone caratteristica in quartieri, l’elegante Rue Merciére è un susseguirsi di edifici affrescati e negozi tipici e non manchiamo gli acquisti di  dolci e souvenir.

Dolce tipico Colmar

Maison Pfister

Uno tra gli edifici più fotografati di tutta Colmar è Maison Pfister che, con i suoi caratteristici balconcini a torretta delle case nobiliari alsaziane, è la casa simbolo di questa cittadina.

Difficile non restare con il naso all’insù!

Colmar Maison Pfister

Maison Pfister

Collegiata di San Martino

Difficile passeggiando per il centro non trovarsi davanti alla suggestiva piazza della cattedrale, il cuore della città, in cui ammirare la maestosa collegiata di San Martino. E’ una delle chiese gotiche più importanti dell’intera Alsazia.

Colmar, collegiata di San Martino

Colmar, collegiata di San Martino

collegiata di San Martino

Musée du Jouet

Se vi ritagliate un pochino di tempo potete fare un salto al Musée du Jouet, il Museo del Giocattolo proprio in centro Colmar.

Questo piccolo ed economico museo non vi porterà via molto tempo, si rivolge non solo ai piccolini ma anche ai genitori che faranno un salto nel passato tra bambole e trenini.

Su tre livelli e con più di 1.000 giocattoli in mostra, il museo offre una vasta collezione di giocattoli dal 19° secolo ad oggi.

Personalmente non lo abbiamo visitato, i bimbi alternavano sonnellini nei passeggini a passetti nel centro, abbiamo preferito goderci la deliziosa atmosfera nelle viuzze del centro.

Potete trovare informazioni qui: Musée du Jouet

Viaggio a Colmar con bambini – dove mangiare

Sono innumerevoli i posti in cui mangiare in città.

I luoghi in cui assaggiare le prelibatezze culinarie sono sicuramente le bierstub e le winstub, ristoranti e birrerie tipiche contraddistinti da una caratteristica atmosfera .

Colmar, dove mangiare

Anche in fatto di tradizioni culinarie l’Alsazia risente dell’influenza della vicina Germania, e troviamo così in comune anche molte specialità a base di carne e i tipici bretzel.

Abbiamo notato ovunque seggioloni e addirittura il simpatico “parcheggio passeggini”.

parcheggio passeggini

I prezzi tuttavia non sono quelli tedeschi, Colmar è per eccellenza la meta più famosa di questa regione e di conseguenza la più cara.

I menu turistici dei locali sono piuttosto alti per i nostri standard “low cost” e optiamo per un pranzo veloce al Marché Couvert, anche questo un punto caratteristico vicino al quartiere della Piccola Venezia.

Colmar, Marché Couvert

Marché Couvert

Questo piccolo mercato coperto accoglie banchi con prodotti tipici della zona, bar/ristoranti e panetterie che sfornano baguette e bretzel . Qui si trova ogni sorta di frutta e verdura, formaggi di tutte le qualità, specialmente quelli di capra, che potrete accompagnare con un calice di Gewurztraminer d’Alsace.

Comunque ottimo posto per ripararsi un po’ dal freddo invernale curiosando tra le bancarelle dei prodotti locali!

Viaggio a Colmar con bambini – dove dormire

La cittadina ha un’offerta alberghiera di alta qualità spaziando tra appartamenti, hotel e chambres d’hotes, la versione francese dei bed&breakfast.

Se avete intenzione di visitare Colmar nel periodo dei Mercatini di Natale preparatevi tuttavia a prezzi non proprio economici e prenotate con largo anticipo.

La città in questo periodo è gettonatissima e le strutture vengono prese d’assalto.

Anche nel periodo subito a ridosso dei Mercatini, a Capodanno, non siamo riusciti a trovare una sistemazione adatta ai nostri budget e abbiamo preferito soggiornare in territorio tedesco a Friburgo.

Abbiamo prenotato una deliziosa struttura a un prezzo decisamente più basso e a meno di un’ora di macchina dal centro di Colmar.

hotel Gasthof Engel

hotel Gasthof Engel

Una valida alternativa potrete trovarla nella graziosa cittadina di Mulhouse, a una quarantina di minuti a Sud o nei paesini delle campagne alsaziane vicini alla città (anch’essi però gettonatissimi).

Se volete però godervi la Colmar illuminata la sera, i suoi ristoranti e godervi una passeggiata serale nella Piccola Venezia senza muovere la macchina prenotate con largo anticipo!

Viaggio a Colmar con bambini – quando andare

Colmar merita di essere visitata in ogni periodo dell’anno.

Il periodo più suggestivo per visitare la città però è senza dubbio il periodo natalizio.

addobbi natalizi a Colmar

Un tripudio di luci e colori, chalet in legno e alberi di Natale, la città si accende di magia e le case del centro sono protagoniste di questa favola a cielo aperto.

Colmar vetrina negozio

Pur visitandola a Capodanno, a mercatini appena smontati (a Colmar finiscono presto!), dobbiamo dire che l’atmosfera è in ancora pieno fermento Natalizio.

Nonostante la folla abbia già abbandonato la piccola Colmar i parcheggi sono ugualmente pieni, i ristoranti prenotati e gli alberghi completi. Insomma tutti vogliono andare a Colmar e a quanto pare … rimanerci!

finestra con addobbi natalizi

Le strade e gli edifici ancora deliziosamente addobbati con decorazioni, luci e cuori di legno. Dalle finestre delle case a graticcio spuntano orsacchiotti giganti, ghirlande e palle di Natale.

finestra con orsetti

Ci riempiamo gli occhi di tutta questa meraviglia… qui è ancora Natale e siamo ancora tutti bambini.

I dolci, i biscotti, gli orsacchiotti, il profumo del sidro di mele… non vorremmo più lasciare Colmar!

finestre con addobbi natalizi

Viaggio a Colmar con bambini – i dintorni da non perdere

Il nostro viaggio procede alla scoperta di altre due mete da fiaba: Riquewihr e Kaysemberg.

Circondate da vigne queste città fortificate sono altri due amatissimi e pittoreschi borgi,  due veri gioeiellini.

Colmar luci di Natale

Leggi il prossimo post Riquewihr, il villaggio di “La Bella e la Bestia” è in Alsazia – giorno 3

Viaggio in Alsazia con bambini con tappa a Friburgo – giorno 1

Una splendida esperienza in Alsazia con due bimbi di due anni, alla scoperta di atmosfere e posti da fiaba!

Alsazia - case tipiche

Alsazia

Il nostro viaggio in AlsaziaFriburgo è stato un breve soggiorno per festeggiare il Capodanno con una coppia di cari amici e i nostri bimbi.

Cercavamo una meta da raggiungere comodamente in macchina per un giro di pochi giorni e festeggiare così il nuovo anno e.. volete sapere com’è andata? Benissimo, è stata un’ottima scelta!

Un viaggio in Alsazia con bambini è molto facile da organizzare e regala paesaggi e atmosfere fiabesche che fanno sognare.

Mentre scriviamo questa pagina riguardiamo le foto e la voglia di tornare è davvero tanta!

Friburgo centro

Friburgo centro

L’alsazia è una piccola regione situata nel nord est della Francia, al confine con la Svizzera e la Germania, ed è  una delle più belle di tutto il territorio francese.

Offre moltissimi spunti di viaggio accontentando le esigenze delle coppie e delle famiglie con bambini piccoli o più grandi.

Una zona ricca di storia, di vigneti, di cantine, di castelli, che durante il periodo natalizio si veste di magia per incantare grandi e piccini.

Viaggio in Alsazia con bambini con tappa a Friburgo – come arrivare

Friburgo negozio strade

Arrivare in Alsazia dall’Italia è facile: in autostrada, in treno o in aereo.

In Alsazia sono presenti 2 grandi aeroporti internazionali: EuroAaeroporto di Basilea-Mulhouse-Friburgo in Alto Reno e Aeroporto di Strasburgo nel Basso Reno.

Tenete sempre conto che dovrete noleggiare una macchina (più il costo del seggiolino se i vostri bimbi sono piccoli) per potervi spostare e raggiungere i paesini alsaziani.

Partendo dal Piemonte, ed essendo in periodo di festività, abbiamo scelto di viaggiare comodamente in macchina. Sei ore e mezza circa per arrivare a destinazione con la libertà di fermarci a nostro piacimento per le soste.

I bimbi di due anni sono difficili da gestire per tante ore fermi nel seggiolino così siamo partiti la mattina presto approfittando della tranquillità della nanna mattutina.

Tappa in autogrill e nel piazzale dove i piccoli possono sgranchirsi giocando con la neve.

Alberi con neve

Nessuna coda alla dogana, abbiamo acquistato prima dell’entrata in Svizzera il bollino autostradale (la “vignetta”) al costo di 40 fr (35 euro) in quanto l’utilizzo delle strade nazionali (autostrade e superstrade) svizzere è soggetto al pagamento di un contrassegno.

La vignetta autostradale svizzera 2018 valida dal 1° dicembre 2017 fino 31 gennaio 2019 (non esistono vignette giornaliere, settimanali o mensili) ci da’ una buona scusa per tornare!

Vignetta autostrade Svizzera

Vignetta autostrade Svizzera

Ricordate che la vignetta va incollata all’interno del parabrezza e deve essere ben visibile dall’esterno, pena 200 fr di multa.

Tranne la vignetta possibilmente non comprate altro in Svizzera, la pipi in autogrill vi costerà 1 euro.

Viaggio in Alsazia con bambini con tappa a Friburgo – dove dormire

Essendo Capodanno un periodo carissimo (e organizzando il viaggio all’ultimo) non abbiamo avuto la possibilità di prenotare in Francia ad un prezzo low cost, non aiutati dagli hotels che conteggiavano i bimbi di due anni come adulti e ci proponevano solo la camera tripla a dei prezzi decisamente più alti.

Scegliamo così di soggiornare in Germania, vicino al confine, trovando una bella offerta su booking  per il delizioso Gastholf Zum Engel, a Ballrechten-Dottingen, a meno di un’ora da Colmar.

hotel Gasthof Engel

Hotel Gasthof Engel

3 notti con colazione compresa (delizioso pane ai cereali e marmellate fatte in casa), camere calde e confortevoli e un’accoglienza baby friendly, piena di attenzioni per i nostri piccolini.

Con pochi giorni a disposizione, abbiamo scelto un solo albergo come base che ci permettesse di girare in libertà e non spendere una fortuna.

Torniamo sempre volentieri in Germania perché riusciamo spesso a trovare splendide mete con prezzi economici, risparmiando sul budget finale.

Viaggio in Alsazia con bambini con tappa a Friburgo – giorno 1

Arriviamo circa alle due del pomeriggio in albergo, ci riposiamo un pochino e ripartiamo per Friburgo che dista una mezz’oretta.

Friburgo è la capitale della Foresta Nera, una vivace città universitaria ma deliziosamente a misura d’uomo e di passeggino.

Martinstor Gate Friburgo

Martinstor Gate

Parcheggiamo gratuitamente prima di entrare in centro e girovaghiamo per la piacevole Friburgo.
Le vie del centro sono pedonali ed è piacere passeggiare con i bambini.

Friburgo negozio strade

Un delizioso scorcio della città di Friburgo

Friburgo teatro

Essendo una piccola cittadina, Friburgo è visitabile anche in una mezza giornata.

La Munsterplatz è la piazza principale della città, ampia e dominata al centro dalla imponente cattedrale. E’ uno dei capolavori dell’architettura gotica tedesca e uno dei monumenti più importanti di questa città,  sede dei mercatini natalizi  e degli eventi più importanti.

Luci di Natale a Friburgo

Luci di Natale a Friburgo

Questa vivace città universitaria con la sua eleganza architettonica, le sue vie ciottolate e i suoi piccoli corsi d’acqua (Bachle) che scorrono lungo le strade, racchiude in se un’atmosfera da cittadina francese.

Troviamo il centro ancora addobbato con luci natalizie e il profumo delle salsicce che esce dai ristoranti locali è troppo invitante! Nonostante siano le 17 entriamo in una fantastica birreria artigianale per ritemprarci dal viaggio con birre medie e spatzle.

Hausbrauerei Feierling è una birreria molto caratteristica, situata nel cuore del centro storico di Friburgo vicino ad uno dei canali più grossi della citta’. Facciamo un po’ di coda per entrare, preferendo tra i tre piani un tavolo al piano sotto (con i bimbi decisamente più tranquillo).

Friburgo interno di una birreria

L’attesa vale decisamente la loro birra artigianale, mangiamo molto bene in un ambiente caldo e accogliente (seggioloni a disposizione).

Ristoranti e hotels a Friburgo

Ristoranti e hotels

Lasciamo a malincuore la caratteristica Friburgo dirigendoci in Hotel.

Diciamo subito che una mezza giornata è poco, anzi pochissimo, e serve solo a farci un’idea…e a farci venire voglia di tornare, magari in primavera/estate per esplorare la Foresta Nera (Schwarzwald) definita una delle zone più suggestive della Germania.

Questo viaggio in Alsazia con bambini è appena iniziato … domani destinazione Colmar!

Viaggio in Alsazia con bambini giorno 2 – Colmar

A Torino con i bambini per un Natale coi fiocchi!

Gli eventi a Torino con i bambini nel periodo natalizio

Mercatini di Natale in Piazza Castello

Mercatini di Natale in Piazza Castello

Dal 24 novembre si è inaugurata ufficialmente a Torino l’agenda di Natale coi fiocchi, una serie di appuntamenti, manifestazioni e attività per i bambini che movimenteranno la città fino al 6 gennaio.

Non c’è un periodo migliore per visitare Torino, ogni stagione offre piacevoli sorprese e  svariate attività da fare con i bambini.

Ricca di musei e gallerie, con un centro storico meraviglioso, è una città semplicissima da girare sia a piedi che con i mezzi pubblici.

Piazzetta Reale

Piazzetta Reale

Amiamo Torino per la sua eleganza e per le sue attività, una città viva che è protagonista di tanti eventi  per adulti e bambini.

Adoriamo frequentare il Teatro Regio e scoprire i suoi Musei, in particolar modo quello del Cinema ospitato all’interno della Mole, che con il suo fascino ci ha rapiti fin dalla prima volta. Romantica la visita con la spettacolare salita in ascensore panoramico fino al tempietto, da cui si può godere di una vista mozzafiato della città, specialmente dopo il tramonto!

Torino ci ha visti  “sfrecciare” sui rollerblades tra le stradine dei suoi parchi, esplorare la collina di Superga, incantarci davanti alla Gran Madre e alla Chiesa dei Cappuccini illuminata. Torino ci ha visti innamorare in una calda giornata di ottobre lungo il Valentino.

In centro a Torino con i bambini per un Natale coi Fiocchi

mercatini di natale torino

Nel periodo natalizio la città si veste di magia e, se non temete il freddo, scoprirete che è uno dei momenti più belli per conoscere il capoluogo piemontese abbellito da luci, suoni e colori. 

Ma a Torino il Natale inizia già a fine ottobre quando le istallazioni delle luci d’artista si accendono e la città si illumina d’arte.

Le installazioni di artisti italiani e stranieri impreziosiscono il centro e la periferia con opere d’arte contemporanea.

Luci d'artista in Piazza San Carlo

Luci d’artista in Piazza San Carlo

L’accensione del meraviglioso albero di Natale di 19 metri, per il 2018 in Piazza San Carlo, e l’apertura delle prime due finestrelle del Calendario dell’Avvento hanno dato il via all’ottava edizione di ‘A Torino un Natale coi Fiocchi’.

Albero di Natale in Piazza Castello

Albero di Natale in Piazza Castello ed.2017

Oltre Piazza San Carlo non perdetevi piazza Solferino e il cortile del Maglio, che oltre a ospitare i mercatini, faranno da palcoscenico ad una ricca programmazione di concerti dal vivo, pattinaggio e attività per grandi e piccini.

Mercatini di Natale Torino

Mercatini di Natale Torino

Ecco tra le tantissime proposte cosa vi consigliamo e cosa amiamo di più!

Luci d’artista a Torino

Natale Torino

Via Roma

La ventiduesima edizione delle luci d’artista è stata inaugurata il 31 ottobre e durerà fino al 13 gennaio 2019.

In Piazza San Carlo, non perdetevi l’opera luminosa dell’artista Nicola De Maria “Regno dei fiori: nido cosmico di tutte le anime”, che rende una prospettiva della piazza ancora più scenografica.

Ogni anno ammiriamo le opere di artisti famosi che, al calare del tramonto, rendono ancora più bella questa città.

Luci d'artista in Piazza San Carlo

Luci d’artista in Piazza San Carlo

Le vie e le piazze del centro e della periferia diventano scenario di un museo all’aperto.

Luci d'artista in Piazza San Carlo

Piazza San Carlo

Albero di Natale e il calendario dell’Avvento

Piazza Castello

Anche quest’anno il Natale Torinese è illuminato da uno splendido e scenografico albero fatto di luci e alto 19 metri, per il 2018 in Piazza San Carlo.

Albero di Natale illuminato

Albero di Natale

Piazza Castello è il centro della città da cui si diramano i portici, i negozi più eleganti. Una piazza, forse la più bella di Torino, che vede affacciarsi i più importanti monumenti di Torino: Palazzo Reale, il Teatro Regio e Palazzo Madama.

Palazzo Madama

Palazzo Madama

Ecco lo spettacolo della piazza illuminata con lo scorcio della Chiesa di San Lorenzo.

Natale Torino

Piazza Castello ed.2017

La splendida piazza accoglie anche il Calendario dell’Avvento (anch’esso in Piazza San Carlo quest’anno), opera nata dalla fantasia dello scenografo Luzzati.

Calendario dell'avvento

Ogni sera alle ore 18.00 viene aperta una nuova casellina.

Presepe al Borgo Medioevale

Parco del Valentino
Le opere dello scenografo e illustratore genovese Emanuele Luzzati impreziosiscono anche quest’anno il Borgo Medioevale di Torino con un presepe molto particolare.

90 sagome di legno dipinto mescolano personaggi che traggono ispirazione dalle favole e dai testi sacri della tradizione, allestiti lungo le vie e la piazza del Melograno.

Il Presepe di Luzzati è una famosa tradizione del Natale Torinese, che vale la pena di vedere anche grazie alla splendida location in cui è ospitato.

Mercatini di Natale

Piazza Castello, Piazza Solferino, Cortile del Maglio, Piazza Santa Rita

Mercatini di Natale in Piazza Castello

Mercatini di Natale in Piazza Castello

Dal 1 dicembre al 6 gennaio se dici Torino dici Mercatino!

Piazza Castello, Piazza Solferino, Cortile del Maglio in Borgo Dora e Piazza Santa Rita si abbelliscono di chalet in legno tra cui passeggiare per curiosare tra delizie gastronomiche e manufatti artigianali.

Naturalmente noi non potevamo non cedere alla tentazione del vin brulè e dello strudel  nella scenografica Piazza Castello!

Pista di pattinaggio su ghiaccio

Piazza Solferino

La trovate in  Piazza Solferino la pista di pattinaggio su ghiaccio, proprio al centro del mercatino di Natale.

Si potrà pattinare al costo di 8 euro (noleggio pattini incluso) con tariffe ridotte per le famiglie e i bambini.

Aperta dal Lunedì al Venerdì dalle 10:00 alle 21:00 e dalle 10.30 alle 24.00 Sabato, Domenica, festivi e prefestivi.

Insomma non perdetevi Torino in questi giorni di festa con eventi, mercatini e concerti!

Tutte le informazioni e la programmazione completa la trovate sul sito ufficiale Natale a Torino.

 

 

Post pubblicato in data 08/12/2017

 

Post revisionato in data 04/12/2018

Barcellona con i bambini: sulle orme di Gaudí

Barcellona con i bambini

Scoprire la città di Barcellona con i bambini attraverso le opere di Gaudí, l’architetto delle meraviglie

Cercate un modo divertente per visitare Barcellona con i bambini senza annoiarli?

Fatelo attraverso i monumenti di Gaudí, il genio architettonico che immaginava la realtà con gli occhi di un bambino.

Barcellona è sempre una buona idea per un week end con tutta la famiglia.

È divertente, colorata, vicina e assolutamente baby friendly!

Forse il nostro affetto per questa città è dato dal fatto che il nostro fagiolino ha mosso i suoi primi passetti proprio sulla Rambla e sulla spiaggia di Barcelloneta, ma ci è rimasta proprio nel cuore!

Abbiamo festeggiato il suo primo compleanno a Barcellona e anche per questo non la dimenticheremo mai!

Io ho immaginazione, non fantasia
Antoni Gaudí

Si pensa a Barcellona e si pensa ad Antoni Gaudí.

Massimo esponente del modernismo catalano, l’architetto spagnolo venne definito da Le Corbusier come il “plasmatore della pietra”.

Sono 7 le opere dell’artista ritenute Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco: la Sagrada Familia (la facciata), Parc Güell, la Cripta della Colonia Güell, Palazzo Güell, Casa Milà (La Pederera), Casa Batlló, Casa Vicens.

Volete sapere dove ho trovato la mia ispirazione? In un albero; l’albero sostiene i grossi rami, questi i rami più piccoli e i rametti sostengono le foglie. E ogni singola parte cresce armoniosa, magnifica.
Antoni Gaudí

A Barcellona saranno proprio i bambini a cogliere per primi la realtà vista da Gaudí.

Ecco, secondo la nostra esperienza, cosa non deve mancare nel vostro itinerario.

La Sagrada Familia

Barcellona con i bambini Sagrada Familia

Sagrada Familia

Se andate a Barcellona non potete perdervi la visita a questo capolavoro: la grandiosità degli esterni e la meraviglia degli interni fanno perdere il senso del tempo.

L’opera incompiuta di Gaudí si pensa verrà terminata nel 2030, nel frattempo però il cantiere è diventato un’attrazione turistica, grazie alle alte torri, dalle quali si può godere un’ottima vista di Barcellona e grazie al museo che mostra ai visitatori le varie fasi, presenti e future, della costruzione della chiesa.

Barcellona Sagrada Familia

Barcellona Sagrada Familia

Agli occhi dei più piccoli, ma anche dei più grandi, la Sagrada diventa un luogo spettacolare fatto di torri affusolate che si innalzano al cielo e navate interne piene di vetrate inondate di luce e foreste di colonne.

Proprio di fronte alla chiesa, all’ingresso sud-est, abbiamo trovato un bel giardino con grandi alberi ed al centro un attrezzato parco giochi dove fare una sosta ristoratrice.

Vi consigliamo di prenotare i biglietti di entrata qui per assicurarvi la visita e saltare le code!

Parc Güell

Barcellona con i bambini Parc Guell

Parc Güell

È uno dei parchi pubblici più belli e visitati di Barcellona e una delle opere di Gaudí più apprezzate della città.

Il Parco Güell è ritenuto “un riflesso della pienezza artistica di Gaudí” e appartiene alla sua tappa naturalista.

È composto da una serie di giardini ed elementi architettonici e si trova sulla collina del Carmel, appena fuori dal centro della città.

L’ingresso al Parc Güell, che oggi è un giardino municipale, è gratuito ma se volete accedere alla zona monumentale centrale è necessario pagare un biglietto d’ingresso.

Andate alla ricerca dei artisti che si esibiscono nel parco. Gli splendidi ricordi dei ballerini di flamenco sono vivi nella memoria e hanno incantato il nostro piccolino.

Divertente l’ingresso che ricorda molto l’entrata in una casetta di marzapane.

“Parc Guell è un meraviglioso viaggio nella mente di un genio estroverso e sognatore.”

NB Vi consigliamo di verificare sul sito ufficiale Parc Güell lo stato della ristrutturazione della Plaça de la Natura.

Casa Milà detta anche La Pedrera

Barcellona con i bambini Casa Milà La Pedrera

Casa Milà

È l’edificio che ci ha emozionato di più in una calda giornata settembrina.

Detta La Pedrera (cava di pietra) appellativo valso per la facciata esterna dell’edificio che è rivestita di pietra grezza.

L’edificio è composto da sei piani, le forme e le decorazioni hanno come elemento principale la linea curva, che richiama il movimento delle onde del mare.

Barcellona con i bambini Casa Milà

i camini di Casa Milà

La terrazza con i suoi camini e le sue torri di ventilazione è un universo a sé di forme e spazi fiabeschi e vi regalerà una vista magnifica di Barcellona.

Abbiamo trascorso parecchio tempo a giocare e divertirci tra i camini, splendidi da ogni angolazione.

Casa Batlló

Barcellona con i bambini Casa Batlló

Casa Batlló

La visita a questo Patrimonio dell’Umanità è riconosciuto come una leggenda dell’arte, dell’architettura e del design di tutti i tempi, grazie alla grande creatività espressa da Gaudí.

Assieme alla Pedrera è uno dei due grandi edifici disegnati dal maestro su Passeig de Gràcia.

Se siete entrati nel mondo di Gaudí non potrete perdere questa casa museo per catapultarvi nelle atmosfere di inizi 900.

Barcellona Casa Batlló Gaudí

Barcellona Casa Batlló Gaudí

Luogo magico e meraviglioso dal punto di vista architettonico, sembra una casa uscita dalla fantasia dei bambini!

Casa Vicens

Disegni a scacchiera di tradizione araba mescolati a elementi fantasiosi e giochi di luce per Casa Vincens.

Vicens House

A 130 anni dalla sua costruzione, dopo una lunga pausa di restauro, la prima opera progettata da Antoni Gaudí diventa visitabile.

Dal 16 novembre 2017 la casa-museo Patrimonio UNESCO apre al pubblico e si aggiunge una tappa in più al percorso di scoperta dell’artista.

Non abbiamo potuto ammirare le bellezze di Casa Vincens, in quanto ancora chiusa, ed ecco un motivo in più per tornare a Barcellona.

Trovate tutte le informazioni sul Sito ufficiale

Un piccolo consiglio:

Tenete conto che, nonostante i prezzi elevati dei biglietti d’entrata, tutti a Barcellona vogliono vedere Gaudí.

Quindi per evitare di rimanere in coda con i bambini comprate on line i biglietti salta fila!

Edimburgo con i bambini: le emozioni del Natale scozzese

Edimburgo - mercatini di natale

Edimburgo a Natale

Edimburgo è una bellissima città da visitare con i bambini in qualunque momento dell’anno ma è nel periodo di Natale che la città si impreziosisce di luci e attrazioni che fanno emozionare grandi e piccini.

Edimburgo con i bambini- taxi davanti allo Scott Monument

Edimburgo – taxi davanti allo Scott Monument

Siamo stati ad Edimburgo per la prima volta qualche anno fa, proprio nel periodo Natalizio e ce ne siamo subito innamorati!

In questa città cordiale ed elegante abbiamo respirato per la prima volta aria celtica, avvolti dall’atmosfera fiabesca del suo centro storico medievale, la cui bellezza è valsa alla città la nomina a Patrimonio Unesco.

Edimburgo è una delle più belle città d’Europa, anche se spesso non viene presa in considerazione come prima scelta tra le capitali da visitare con i bambini.

Durante l’inverno raramente la temperatura scende sotto lo zero e i giorni trascorsi nella capitale in pieno dicembre ci hanno regalato splendide giornate di sole!

Se avete bimbi piccoli al seguito noterete che la maggior parte delle strade di Edimburgo ha larghi marciapiedi, adatti ad essere percorsi con un passeggino o con bambini per mano.

Edimburgo con i bambini

Per le strade di Edimburgo

Gli scozzesi inoltre sono molto attenti alle regole stradali e il senso di sicurezza è in generale molto alto. Sono cose che si notano ancora di più quando si viaggia in famiglia.

Edimburgo con i bambini

Per le strade di Edimburgo

Il Natale di Edimburgo

Edimburgo con i bambini

Mercatini

La capitale della Scozia, lo abbiamo già detto, è una delle migliori città europee dove passare le vacanze di Natale.

Alberi di Natale addobbati, casette di legno, negozi di artigianato locale, cashmere e kilt.

Negozi di Kilt in Edimburgo-Edimburgo con i bambini

Negozi di Kilt in Edimburgo

Abbiamo dovuto trattenerci con lo shopping, visto che viaggiamo quasi sempre con bagaglio a mano, ma qualche regalino da portare a casa scappa sempre… soprattutto ai mercatini!!

Edimburgo Mercatini - Edimburgo con i bambini

Mercatini – acquisti tipici

Edimburgo con i bambini

Il bello del visitare mete come questa in inverno è fermarsi a far la fila davanti ai chioschetti in legno per gustare un bollente e aromatico sidro o un fumante cartoccio di patate. Ripararsi nei caldi pub che profumano di salsicce e purè, fotografarsi davanti a orsetti illuminati e tornare tutti bambini davanti ad un albero di Natale.

Cosa fare a Edimburgo con i bambini nel periodo natalizio

Edimburgo con i bambini

Acquisto tipico

Mercatini di Natale

Per gli amanti dei mercatini natalizi non può certo mancare una visita in Scozia nel periodo di Natale e a Edimburgo con i bambini è una tappa obbligata.

Per sfuggire al freddo ci siamo fatti viziare dalle prelibatezze gastronomiche dei meravigliosi mercatini invernali nel centro di Edimburgo.

Edimburgo con i bambini

Anche se caotici, pieni di gente, stancanti non c’è Natale senza un mercatino!

European Christmas Market

Edimburgo con i bambini

Rimedi al freddo ai mercatini

Dal 18 novembre 2017 al 6 gennaio 2018 i Princes Street Gardens, all’ombra del castello di Edimburgo proprio nel centro della città, sono scenario dell’European Christmas Market, il famoso mercato di Natale di Edimburgo.

I giardini di Princes Street sono i più famosi giardini della città, l’enorme distesa verde corre parallela a Princes Street, la via principale dello shopping di Edimburgo.

Sono una delle attrazioni principali di Edimburgo, facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici e a dicembre si trasformano in un enorme parco giochi invernale!

Imperdibile la Big Wheel, la grande ruota panoramica da cui godere una splendida vista della città.

Edimburgo ruota panoramica-Edimburgo con i bambini

Edimburgo ruota panoramica

E se non siete ancora soddisfatti fate un giro sull’affascinante Carousel e sulla Star Flyers.

Di certo non siamo grandi pattinatori ma se siete ad Edimburgo con i bambini vi consigliamo di portarli sulla splendida pista di pattinaggio su ghiaccio! Noi ci siamo divertiti davvero tanto!! Ottimo modo inoltre per scaldarsi!

Edimburgo - pista di pattinaggio - Edimburgo con i bambini

Edimburgo – pista di pattinaggio

Per maggiori informazioni clicca qui

Scottish Market

Edimburgo con i bambini

Cibi, bevande scozzesi e manufatti tradizionali le trovate anche allo Scottish Market, in George Street, con un’ampia scelta di idee regalo.

Per maggiori informazioni clicca qui

Santa Land

The Flying Carousel - Edimburgo-Edimburgo con i bambini

The Flying Carousel – Edimburgo

Ecco il paradiso dei bambini!

Il Santa Land è il villaggio dedicato ai bambini all’interno del Winter Wonderland.

Nella zona est dei giardini di Princes Street il villaggio di Babbo Natale aspetta i bambini con un mercato tutto dedicato a loro.

Questo è il posto giusto per fare un giro con tutta la famiglia sul delizioso Carousel o un giro sul trenino di Santa Claus (il Santa Train), perdersi nel labirinto degli alberi di Natale o sfrecciare sulle montagne russe.

The Flying Carousel-Edimburgo con i bambini

The Flying Carousel – Edimburgo

Ma il Natale non sarebbe lo stesso senza una visitina proprio a lui, Babbo Natale in persona, per salire in braccio e sussurrargli all’orecchio gli ultimi desideri.

Entrate fino al 24 dicembre nella Grotta di Babbo Natale (quest’anno in George Street) per far sedere i bimbi sulle ginocchia dell’uomo in rosso più famoso al mondo.

Per maggiori informazioni clicca qui

Orari

I mercati sono aperti dalle 10.00 alle 22.00.
I mercati aperti alle ore 13 del 18 novembre, chiuso alle ore 20 del 24 dicembre, sono chiusi il 25 dicembre, aperti alle 12 del 26 dicembre e del 1 gennaio.

Informazioni in Edimburgo

L’ufficio informazioni si trova a Edimburgo in Princes Street, 3.

Consultate qui i giorni e gli orari di apertura
Potete chiedere informazioni sulle manifestazioni, mappe, acquistare biglietti per le attrazioni.

Tutte le informazioni sul Natale ad Edimburgo con prezzi, orari e attività le trovate qui

Ancora indecisi se partire per Edimburgo con i vostri bambini?? A noi è venuta tantissima voglia di ritornare!

Castle Combe, il più bel villaggio dell’ Inghilterra

Alla scoperta del più bel villaggio d’Inghilterra con i bambini: benvenuti a Castle Combe.

Cotswolds - Castle Combe

Cotswolds – Castle Combe

Cotswolds - Cavalli

Cotswolds – Incontri

E’ durante il nostro ultimo viaggio con il nostro bimbo nel Regno Unito che abbiamo scoperto il villaggio di Castle Combe.

Immaginate di tornare indietro nel tempo e di ritrovarvi nel bel mezzo di un un set cinematografico dell’Ottocento ambientato nelle campagne inglesi. Ad ogni angolo vi sembrerà di poter scorgere una dama con un ampio vestito o una carrozza parcheggiata all’angolo di un delizioso giardino.

Cotswolds - Castle Combe

Cotswolds - Castle Combe

Immaginate casette di pietra color miele, antichi pub in cui si mangia su comode poltrone in velluto, la luce soffusa di un camino.

Immaginate di essere avvolti dall’essenza del legno consunto che si mischia al profumo degli arrosti fumanti e all’aroma della birra appena spillata.

Benvenuti a Castle Combe!

Definito il più bel villaggio dell’Inghilterra nel 1962, questo delizioso paesino di circa 400 abitanti si trova nella contea inglese del Wiltshire (Inghilterra sud-occidentale) nel distretto del North Wiltshire, nel cuore delle Cotswolds.

MA COSA SONO E DOVE SI TROVANO LE COTSWOLDS?

Le Cotswolds sono una distesa di verdi colline tra Inghilterra e Galles che toccano 6 contee – Bath e il North East Somerset, Gloucestershire, Oxfordshire, South Warwickshire, Wiltshire, Worcestershire.

COME ARRIVARE

Anche se con una minuziosa pianificazione si possono esplorare in treno o in bus, noi ci sentiamo di consigliarvi il noleggio di un’auto che, con bimbi al seguito, permette una maggiore flessibilità di percorsi e orari.

Per raggiungere le Cotswolds in auto da Londra ci vogliono circa 2 ore, utilizzando le strade principali molto ben segnalate: l’autostrada M4 (o Motorway 4) è l’arteria principale di collegamento est-ovest del sud del paese e collega la capitale con il  Galles meridionale, offre un facile accesso a Bath, Castle Combe e il Sud Cotswolds; l’autostrada M40 (o Motorway 40) offre invece il collegamento fino ad Oxford e il Nord Cotswolds.

IL NOSTRO ITINERARIO

Sarà perché è stata la prima tappa del nostro viaggio on the road nell’Inghilterra sud occidentale, ma il nostro cuore è rimasto lì, incastonato in quei cottages in pietra color miele.

Avevamo visto in foto questo delizioso villaggio ma essere lì a passeggiare lentamente, cercando di catturare con la macchina fotografica ogni angolo, ogni fiore, ogni sfumatura di colore della pietra delle case, è un’esperienza che bisogna vivere.

Settembre ci confermano essere il periodo ideale per visitare questa zona, la natura fa sfoggio dei suoi colori e il clima è piacevolmente mite e poco piovoso.

Castle Combe - tralcio d'uva

Le nuvole si alternano rapidamente al sole e la luce cambia in maniera sorprendente, una cromaticità particolare, che rende il paesaggio e l’atmosfera unici.

Guidando lentamente da Londra verso ovest il verde delle campagne aumenta, il traffico diminuisce, il paesaggio cambia, le strade si fanno più strette.

Lasciate l’auto all’inizio o alla fine del paese e scoprite Castle Combe a piedi ovviamente! Potete in alternativa optare per il parcheggio gratuito in collina e scendere verso il paese.

Raggiungiamo Market Cross, dove le tre strade principali di Castle Combe si incrociano, qui si trova la Croce del mercato che è il cuore antico e pulsante del paese.

Castle Combe - Market Cross

Castle Combe – Market Cross

Ma attraversare Water Street è un’emozione che fa battere il cuore, la via è un susseguirsi di cottages in pietra costruiti in tipico stile Cotswolds.

Castle Combe - Water Street

Castle Combe – Water Street

Castle Combe - Water Street

Castle Combe – The Old Post Office

Non smettiamo di fotografare ogni angolo ma ci viene appetito e, mentre ci avviciniamo incuriositi da una vecchia cabina telefonica (noi le adoriamo!) scopriamo una deliziosa Tea Room che ci regala la più buona e deliziosa merenda di tutta la vacanza!

Castle Combe - interno Tea Room

Vicino alla Market Cross, si trova la chiesa gotica di Sant’Andrea, risalente al XIII-XIV secolo. Al suo interno è conservato uno dei più antichi orologi astronomici (ancora funzionanti) della Gran Bretagna.

Passeggiamo per il giardino, lo attraversiamo e ci troviamo davanti alla via dei nostri sogni: cascate di fiori illuminate dal sole scendono dai balconi e dalle facciate di curatissimi cottages, un sogno!

Castle Combe - casette con fiori

Castle Combe - casette con fiori

Castle Combe - casette con fiori

Giriamo a sinistra e raggiungiamo il Manor House, Hotel Esclusivo & Golf Club

Manor House, Hotel Esclusivo & Golf Club

Manor House, Hotel Esclusivo & Golf Club

Manor House, Hotel Esclusivo & Golf Club

Una deliziosa matura coppia in perfetto British Style gioca a croquet su uno scenario che sembra un quadro.

Manor House, Hotel Esclusivo & Golf Club

Castle Combe – Manor House, Hotel Esclusivo & Golf Club

Ma la loro tranquillità dura poco perché il nostro velocissimo piccolino vuole partecipare al gioco! La coppia ci racconta quanto sia rilassante quel delizioso paesino e di quanto la presenza del nostro buffo e scoordinato fagiolino li aiuti nel loro “killing time”!

Abbiamo ancora una volta la conferma di quanto queste campagne, questi villaggi abbiano dei ritmi piacevolmente lenti e le persone siano così amichevoli e rilassate. Ci sentiamo così lontani dai ritmi e dalla frenesia della capitale anche se distiamo appena due ore.

DOVE DORMIRE

Ci sono diverse opzioni per le sistemazioni in Castle Combe con Bed and Breakfast, Hotel e Airbnb.

Noi abbiamo preferito optare per una vacanza low cost e optando per camere in airbnb o locande che disponevano di qualche camera al piano superiore, lontano dal centro.

Siamo entrati così nella piena atmosfera british godendo della rilassatezza e gentilezza delle persone locali.

DOVE MANGIARE

Per una merenda noi abbiamo adorato The Old Stables Coffee Shop Castle Combe, ma ottimi cream tea e delizie gastronomiche le potete trovare anche al The Old Rectory Tearoom.

Castle Combe - Tearoom

Castle Combe – Tearoom

Castle Combe - Tavolini Tearoom

Castle Combe – Tearoom

Non mancano in Castle Combe deliziosi e storici pub in perfetto stile inglese, uno molto nominato proprio nell’incrocio principale.

Castle Combe - interno di un pub

Castle Combe – interno di un pub

PERFETTO CON I BAMBINI

Abbiamo trovato perfetta Castle Combe con il nostro bimbo, tutti i locali sono dotati di seggioloni, menu bimbi disponibili e tanti tanti spazi verdi.

Il paese è in piano quindi sono adattissimi passeggini al seguito senza alcun problema, molto silenziosa e con pochissimo traffico. La scoperta a piedi del centro è stata molto rilassante e piacevole.

Castle Combe è un paesino da fiaba, utilizzato non a caso da famosi registi come location cinematografica, recentemente in The Wolf Man, Stardust e War Horse di Stephen Spielberg. E ‘stato anche usato nel film originale Dr Doolittle.

Lasciatevi quindi rapire dal fascino del più bel villaggio dell’Inghilterra!

Blogger Recognition Award

blogger recognition award
Sorpresi ed emozionati, ecco come ci sentiamo.
Un blog nato da pochissimo ed eccoci qui alla nostra prima nomination.

Cos’è il Blogger Recognition Award?
Il Blogger Recognition Award nasce sui social con lo scopo di promuovere e diffondere i blog e l’impegno di chi racconta la propria vita e la propria esperienza scrivendo on line.

Ringraziamenti:
Questo riconoscimento è un bel gesto per mostrare apprezzamento ai blogger ed è per questo che con affetto ringraziamo I viaggi di Manu per averci nominato.

Come nasce Tre Cuori e Una Valigia

Un blog appena nato ma di cui, ammettiamolo, siamo tanto orgogliosi.

La curiosità e l’amore per la vita sono i due grandi motori che ci spingono a viaggiare.

Raggiungere le cascate dello Yosemite, cavalcare con gli indiani nella Monument Valley, indossare un kimono tra le Onsen giapponesi, nuotare con le tartarughe nelle calde acque del mar cinese, assistere ad un alba nel Kruger Park, sorvolare in elicottero il Gran Canyon, istanti magici vissuti.

Sfrecciare sui tuk-tuk nel caos di Bangkok, aspettare con impazienza un geyser nello Yellowstone Park, commuoversi davanti al tramonto di Santorini, passeggiare d’estate in Central Park a New York, tornare bambini tra le luci di Londra a Natale, ricordi indelebili nella mente.

Ed ora che c’è anche il nostro fagiolino non ci fermiamo mica, anzi.. gli regaliamo esperienze, colori, persone, aeroporti, cibi, sorrisi e mentre lo colmiamo d’amore gli regaliamo il dono più grande che conosciamo … gli regaliamo il Mondo.

All’interno del blog parliamo, condividiamo, costruiamo ricordi, diamo piccoli consigli con l’obbiettivo di incoraggiare le famiglie a partire con i loro piccoli!

Perché viaggiare insieme ai bambini è più bello!

Viaggiare è sognare e noi sogniamo in tre

Consigli per i blogger:

Essendo entrati da poco in questo mondo non ci sentiamo di dare consigli, anzi siamo noi ad averne bisogno.

Ma possiamo condividere con voi quelli che ci siamo sentiti dare dai Big già affermati.

Essendo “giovani writers” abbiamo tutto l’entusiasmo che serve per continuare a scrivere, vivere, viaggiare, condividere ed è questo lo spirito di un travel blogger e del suo blog!

Non siate ossessionati dalle statistiche, dai visitatori, dal tempo di permanenza sul sito, dai followers su instagram, su facebook, su twitter.

Siate voi stessi e soprattutto siate personali, ognuno di noi ha un modo di scrivere tutto suo, un proprio stampo, una propria valigia ed è proprio questa la meraviglia di un blog, di entrare in punta di piedi nella vita di qualcuno che generosamente vuole condividere quegli attimi con noi.

Le regole di questo premio sono semplici:

  • Ringraziare il blogger che vi ha nominato e inserire il link al suo blog
  • Scrivere un post per mostrare il proprio premio di riconoscimento
  • Raccontare brevemente la nascita del proprio blog;
  • Dare dei consigli ai nuovi blogger
  • Nominare altri 15 blogger ai quali si vuole passare questo premio di riconoscimento
  • Commentare sul blog di chi vi ha nominato e fornirgli il link al tuo articolo

Le nostre nomination:

  1. In cinque con la valigia
  2. I viaggi dei rospi
  3. Valigia 2 e mezzo
  4. Bimbo in spalla
  5. Italia con i bimbi
  6. Nasce un genitore
  7. Mamma far and away
  8. Mamma giramondo
  9. Il mondo secondo gipsy
  10. Blodiarioduepuntozero
  11. Around family
  12. Piedini in viaggio
  13. In viaggio con i cipolli
  14. Le svaligiate
  15. The swinging mom

Emirati Arabi: una Dubai a misura di bambino

Gli Emirati Arabi, e soprattutto Dubai, sono una meta perfetta per le famiglie e per i bambini.
Una città da record che non annoia mai, in cui i bambini avranno l’imbarazzo della scelta.

ECCO ALCUNE DELLE COSE DIVERTENTI DA FARE IN CITTA’ CON TUTTA LA FAMIGLIA:
Dubai Aquarium & Underwater Zoo

Dubai Aquarium

Dubai Aquarium

Come spiegare a un bambino che mamma e papà non stanno andando a fare shopping ma lo portano a scoprire la fauna marina?
Ebbene sì, uno degli acquari più grandi del Mondo è in un centro commerciale e precisamente nel Dubai Mall of Emirates, non a caso il più grande centro commerciale del Mondo.
Godibile anche dall’esterno, impossibile non venire attratti dalla gigantesca vasca blu, la più grande al mondo, ma vale la pena entrare per attraversare il grande tunnel che ci fa tornare tutti bambini, catapultandoci in un enorme oceano.
Potete trovare più informazioni qui

Dubai Ice Rink

Se vi trovate già nel Dubai Mall e amate pattinare su ghiaccio, dirigetevi verso il Dubai Sky Rink, troverete una grande pista di pattinaggio su ghiaccio su cui scatenarvi con i vostri bambini.

Parco acquatico Wild Wadi Water Park

Una vista sul Burj al Arab, la famosa Vela simbolo di Dubai, e sul mare per questo parco acquatico bellissimo dove potrete trascorrere tranquillamente tutta la giornata.
Scivoli d’acqua di tutti i tipi, per un ingresso forse un pò caro , consigliato per i bimbi non troppo piccolini.
Garantiti scivoli mozzafiato e tanto divertimento.
Potete trovare più informazioni qui

Burj Khalifa

Burj Khalifa

Burj Khalifa

Impossibile non avvistarlo il Burj Khalifa di Dubai e impossibile non salirci.
Con i suoi 829 metri di altezza è l’edificio più alto del mondo e che detiene i più grandi record , come la struttura più alta del Mondo , con più piani, con più ascensori, con quelli più veloci , insomma una struttura da record per emozionare i nostri piccoli viaggiatori, ma anche noi adulti.
La vista dall’alto è straordinaria consigliabile soprattutto la mattina presto o al tramonto , per via della visibilità.
Salite AT THE TOP per avere la città e il deserto ai vostri piedi.
Consigliabile prenotare i biglietti

Fontane di Dubai

In Financial Centre Road, Dubai Mall, c’è uno spettacolo che farà rimanere a bocca aperta grandi e piccini.
Dalle 18 alle 23, ogni 30 minuti, lo show delle fontane si esprime con tutta la sua potenza in una danza a ritmo di musica che varrà l’attesa.
Fontane, luci e colori a costo zero per incantare tutta la famiglia, sorseggiando una bibita fresca o cenando nei ristoranti che sia affacciano su questo spettacolo.
Verificate gli orari in base alla stagione.

Ski Dubai – Mall of Emirates

sky Dubai

sky Dubai

La neve nel deserto la trovate solo a Dubai.
Se i piccoli non resistono alla tentazione di una sciata anche con 45 gradi all’esterno portateli nel Mall of Emirates.
Un’intera pista da sci con funivia in un centro commerciale è una cosa talmente unica che forse vale la pazzia.
Compreso nel biglietto (in realtà un pò esoso) forniscono loro tutta l’attrezzatura.

Spiaggia e Parco di Jumeira

Jumerah beach

Jumerah beach

Riteniamo sia la spiaggia più bella di Dubai.
Molto lunga e ben curata, si fa il bagno con vista Burj al Arab (La vela).
Mare caldo e cristallino, non troppo profondo, ideale proprio per i più piccoli che potranno godere assieme ai genitori di questa pausa lontano dai centri commerciali.
Area attrezzata con bar e toilet, potrete trovare refrigerio nel parco antistante e un bel parco giochi (ma al tramonto quando calano le temperature!).

Gravidanza, yes you can! Partire col pancione si può

Partire col pancioneLa gravidanza non è una controindicazione per i viaggi.

Si dice che il periodo migliore per viaggiare col pancione sia quello compreso tra la 14 e 38 settimana e con il buon senso e qualche precauzione si può partire.

Lo specialista tedesco di medicina psicoterapeutica Thomas Reinert afferma che

Il nascituro percepisce lo stato d’animo della mamma, sente i suoi pensieri […] le sensazioni delle future mamme plasmano il bimbo

Gli studi sembrano dimostrare che la mamma quando si rilassa ed è felice stimola endorfine che passano al feto, quindi mamme felici fanno bambini felici.

Ed è questo che mi ha fatto sempre pensare che la mia scelta di partire in gravidanza non danneggiasse il mio piccolo fagiolino, anzi il mio beneficio fosse anche il suo.

Preparare la valigia

Ecco la lista delle COSE INDISPENSABILI che mi sono state utili in valigia :

• scarpe e abiti comodi (adatti alla meta che si sceglie per ripararsi dal freddo o dal caldo)
• protezione solare alta
• integratori e farmaci (consultare prima di partire il proprio medico)
• cartella clinica del proprio stato di salute
• certificato di gravidanza (da portare con sé, utile anche in volo e in aeroporto)
• assicurazione sanitaria (indispensabile all’estero per assistenza medica, consulti telefonici, assistenza ospedaliera o rientro anticipato)
• beauty per l’igiene personale, indispensabile una buona crema idratante (il volo secca tantissimo la pelle) e antismagliature
• un cappello e un foulard/sciarpa (ripara dal sole, dal vento, dall’aria condizionata in aereo e nei locali, utile come coprispalle o copricapo)

I miei consigli per:

MARE

Protezione solare alta, bere molti liquidi, evitare le ore più calde, bagnarsi spesso.

MONTAGNA

Anche per la vacanza in montagna serve una protezione solare alta, reidratarsi e come consigliano gli esperti è bene non superare i 1500 mt di altitudine.

VIAGGI ALL’ESTERO

Ho sempre valutato le condizioni igieniche del posto da visitare, l’assistenza ospedaliera e optato per le mete che non avessero bisogno di particolari vaccinazioni.

Consultate sempre il sito di Viaggiare Sicuri del Ministero degli Affari Esteri.

Visita ginecologica, parere medico ed esami tranquillizzanti sono determinanti per decidere se allontanarsi da casa e se la mamma è tranquilla, si sente fisicamente bene e ha voglia di un viaggetto per staccare un po’… perché non partire?!

Buon viaggio a tutte le future mamme!

Dubai col pancione: tre cuori e due biglietti

Emirati stiamo arrivando …siamo in due …anzi “siamo in tre”!

Eccomi qui a testimoniare quanto nei panni di “futura mamma”, con il mio bel pancino di 5 mesi, ho trovato perfetta Dubai per il nostro viaggio in due e mezzo.

Una primavera che sembra ormai passata da tanto tempo, ma che in realtà è invece così vicina.

Quanta tenerezza a ripensarmi su quella bella poltrona comoda in aeroporto in attesa di partire.

Dubai col pancione - partenza

si parte!

Il mio fagiolino che si fa sentire con qualche calcetto, tanta emozione, tanta tensione ma respiro a lungo e faccio bei pensieri.

Eppure non è il mio primo viaggio, mi sento già una viaggiatrice abbastanza “collaudata” ma questa volta è diverso: cambia il senso di responsabilità e una sensibilità che solo una mamma può capire.

Ricordo ogni singolo attimo, ogni singola emozione dal momento della prenotazione di quel volo, quando prima di schiacciare davanti al computer il tasto “conferma”, guardavamo il mio pancino tentando di immaginare quanto posto potesse occupare in aereo.

Dubai col pancione - quartiere storico

quartiere storico di Dubai

Deserto, mare, spiagge, pista da sci, shopping nei Mall, parchi acquatici, souk e mercati tipici: Dubai almeno una volta nella vita è da vedere.

Dubai col pancione - dromedari in spiaggia

dromedari in spiaggia

Ecco la mia esperienza:

VOLO AEREO

Voliamo con un comodo volo Qatar Airways prenotato direttamente sul loro sito
Sei ore più lo scalo a Doha, dove posso sgranchirmi un pò e assaggiare dolcetti deliziosi.
“Tu e il tuo bambino siete la nostra priorità.” così inizia la loro sezione “donne in stato di gravidanza.” in cui spiegano in base alla settimana di gestazione i requisiti richiesti dalla compagnia.
Chiedete un posto a sedere con la culla (noi siamo stati fortunati e ci hanno assegnato 2 posti proprio li) beneficiando dello spazio maggiore per le gambe o un posto vicino al bagno e al corridoio.
Durante il check-in si può richiedere un posto con un poggia gambe per volare più comode.
Leggete la guida “Vola Sano” per facilitare la circolazione sanguigna durante il volo, disponibile sul sito della compagnia nella stessa sezione.
Piccoli ma importanti accorgimenti faranno del volo un’esperienza molto più sicura e rilassante per la mamma in attesa.

ALBERGHI

Dubai col pancione - Hotel

Auris Metro Central Hotel Apartments

Si pensa che sia una città molto cara e in effetti è una delle mete più lussuose al mondo, ma facendo attenzione potete risparmiare un pò, non rinunciando alle comodità.
In nessun altro posto per una camera in albergo 4 stelle con angolo cottura, servizio bagagli e valet parking accanto alla metro abbiamo pagato un prezzo così irrisorio.
Cercate in rete l’alloggio che è più consono ai vostri standard di lusso e alle vostre esigenze di visitatori.

IN VALIGIA

Gli INDISPENSABILI che mi sono stati utili in VALIGIA:

• scarpe infradito e abiti freschi e comodi

• protezione solare alta

• integratori e farmaci

• la mia cartella clinica e certificato di gravidanza (sempre con me come il passaporto)

• assicurazione sanitaria (indispensabile all’estero per assistenza medica, consulti telefonici, assistenza ospedaliera o rientro anticipato)

• un foulard/sciarpa per ripararmi dal sole, dal vento, dall’aria condizionata in aereo e nei locali, mi è stata utile come coprispalle e copricapo

Dubai col pancione - hotel 7 stelle Atalntis

sullo sfondo l’hotel 7 stelle Atalntis

INFORMAZIONI

Sito Farnesina per essere sempre aggiornata.

Guida Lonely Planet sempre utile per ogni destinazione, in versione pocket o completa

Tra i tanti siti on line ho trovato utile questo: visitdubai

Abbiamo evitato le lunghe file d’attesa per il Burj Kalifa acquistando i biglietti qui

3 giorni a Praga con i bambini: diario di viaggio

Visitare Praga con i bambini è facile e divertente.

Cosa fare, cosa vedere, come non annoiare i piccoli, piccole dritte di viaggio per una tra le più belle città europee.

La meravigliosa Praga

La meravigliosa Praga

Ecco il nostro diario di viaggio per conciliare la voglia di visitare dei grandi con la necessità di svago dei più piccoli.

PRAGA GIORNO 1

La nostra scoperta di Praga inizia con una tappa gastronomica: i trdelník, o semplicemente trdlo.

negozi tipici in cui trovare il Trdlo

negozi tipici in cui trovare il Trdlo

Trdlo

Trdlo

Non potete lasciare Praga senza assaggiare il famoso manicotto di Boemia: questo dolce cilindrico e cavo, cotto sulla carbonella tipica di Praga, viene riempito a vostro piacimento con cioccolato, pistacchio, crema o gelato.

Assaggiato la prima volta crea dipendenza nei grandi e nei piccini!

Partiamo dalla Piazza Vecchia (Staroměstské náměstíè), uno dei luoghi turistici più importanti di Praga.

Piazza Vecchia (Staroměstské náměstíè)

Piazza Vecchia (Staroměstské náměstíè)

E’ piena di bar, ristoranti, interamente pedonale (il vostro piccolo potrà correre tranquillo senza pericolo), animata da carrozze trainate da cavalli, artisti di strada che catturano l’attenzione dei bambini con bolle giganti di sapone.

Aspettiamo piacevolmente che gli apostoli escano dall’Orologio Astronomico (Staroměstský Orloj) : il “Corteo degli Apostoli” è un meccanismo che, allo scoccare di ogni ora, mette in movimento delle figure rappresentanti appunto i 12 Apostoli .

Orologio Astronomico (Staroměstský Orloj)

Orologio Astronomico (Staroměstský Orloj)

Sulla piazza si affacciano numerosi edifici importanti: la Chiesa di San Nicola, Palazzo Kinský, il Municipio della Città Vecchia con il  famoso sopracitato orologio astronomico.

giocando sulla Piazza Vecchia (Staroměstské náměstíè)

giocando sulla Piazza Vecchia (Staroměstské náměstíè)

Ci dirigiamo verso il più famoso e amato monumento della capitale della Repubblica Ceca: ponte Carlo (in ceco Karlův most)  lo storico ponte in pietra sulla Moldava che collega la Città Vecchia al quartiere di Malá Strana.
Anche questo è tutto pedonale, con il passeggino è un piacere visitare Praga.

ponte Carlo (in ceco Karlův most)

ponte Carlo (in ceco Karlův most)

Una vista impagabile dalle sue torri (preferite quella con la vista sul Castello) alla sua estremità sulla destra troverete un grazioso parco giochi per una pausa.

Pranzo in un locale tipico per deliziarci con la cucina ceca e la squisita birra scura.

Deliziosa birra scura in un birrificio locale

Deliziosa birra scura in un birrificio locale

Il menù vedrete che è più o meno lo stesso in quasi tutti i locali, con grande varietà di carne e di verdura.
Noi abbiamo sempre scelto un piatto nuovo per noi e uno collaudato che piacesse al nostro piccolino.
Il gulasch (non è cosi piccante come quello ungherese) servito spesso con gnocchi di pane o gnocchi di patate (preferiti dal nostro bimbo) o servito in ciotole di pane e poi stinco, bistecche di carne di manzo e di maiale e patate (viva i purè per i più piccoli).

Il gulasch

Il gulasch

Proseguiamo raggiungendo il muro di Lennon : originariamente esso era un semplice muro della città, ma verso gli anni ’80 divenne un simbolo di pace e libertà soprattutto per i giovani che iniziarono a riempirlo con graffiti e disegni ispirati a John Lennon, nonché con frasi tratte da canzoni dei Beatles.
Non dimenticate i pennarelli per aggiungere la vostra firma o un’impronta colorata al muro e giocate a cercare l’immagine di Lennon tra gli altri disegni.

Muro di Lennon

Muro di Lennon

Raggiungiamo la vicina isola di Kampa (Na Kampě) che offre un bellissimo parco verde in cui sono state installate due sculture del famoso artista ceco David Černý (“Bronze Babies”) .

Bronze Babies

Bronze Babies

Giochiamo tra le statue dei bambini giganti, le bolle di sapone e ci rilassiamo sdraiandoci nel verde.
Quasi tutte le aeree verdi, tranne alcuni giardini, sono tutte interamente calpestabili per pic nic e grandi corse a piedi scalzi.

rincorrendo le bolle di sapone a Kampa

rincorrendo le bolle di sapone a Kampa

Partiamo alla scoperta di Petřín: la collina si presenta con una serie di sentieri in mezzo ad una fitta vegetazione, raggiungiamo la cima con la simpatica funicolare in partenza ogni 10 minuti e utilizzando il semplice biglietto dei mezzi pubblici.

Ci divertiamo tantissimo dentro al labirinto di specchi e torniamo anche noi bambini.

Altra attrazione della collina è la torre panoramica, imitazione (più piccola) della Tour Eiffel da cui si gode una bella vista sulla città.

Sosta gelato e torniamo giù alla partenza della funicolare dove c’è un attrezzato parco giochi, una fontana, tavoli e sedie, bagni con fasciatoi, molto pulito.

sosta gelato a Petrin

sosta gelato a Petrin

Cena in centro.

PRAGA GIORNO 2

Metro e tram ci conducono al Castello di Praga (Pražský Hrad) .

mezzi pubblici in Praga

mezzi pubblici in Praga

Con un’aerea complessiva di quasi 70.000 metri quadrati è il più grande castello a corpo unico del mondo. All’interno del complesso si trovano, fra gli altri edifici, la Cattedrale di San Vito, il Convento di San Giorgio, la Basilica di San Giorgio, il Palazzo Reale, il Vicolo d’Oro, la Pinacoteca del Castello di Praga, la torre Daliborka e il Belvedere.
Ci sono due biglietti per 2 tipi diversi di visite, ma già con il percorso breve ne avrete abbastanza.
I bambini sotto i 6 anni entrano gratuitamente.

Dedichiamo gran parte della giornata all’interno del complesso, il tempo scorre veloce tra foto e lunghe file.

Noi scegliamo di visitare gli interni approfittando della nanna del piccolo e gli spazi esterni invece quando è sveglio, gestendo meglio le sue esigenze e non annoiandolo troppo.

Gli interni della Cattedrale lasciano a bocca aperta, mentre dal vicolo d’oro non aspettatevi troppo, non l’abbiamo trovato così imperdibile ma è compreso nel biglietto.

Stupendi invece i giardini, che ci regalano una pausa dalla folla e dalla calura.

Vista dai giardini

Vista dai giardini

Se avete tempo può essere divertente un giro nel famoso Museo del Giocattolo.

A mezzogiorno fatevi spazio tra i turisti per il cambio della guardia, che avviene nel primo cortile (ingresso principale), con tanto di fanfara.
Non pomposo come quello di Buckingham Palace, ma da vedere se siete lì.

Pausa in centro per il quotidiano trdlo con gelato, una vera dipendenza!

Dopo cena è immancabile una tappa al fascinoso Ponte Carlo, i violini dei musicisti di strada che echeggiano mentre il tramonto colora il cielo dietro al Castello è un momento davvero magico.

Aspettate che il ponte venga illuminato dai lampioncini, per godervi ancora qualche attimo dell’atmosfera da fiaba di Praga.

Vista spettacolare del Castello dal Ponte Carlo

Vista spettacolare del Castello dal Ponte Carlo

PRAGA GIORNO 3

Ci dirigiamo verso Piazza San Venceslao (Václavské náměstí) con i suoi viali pieni di negozi ma siamo già attratti dal profumo per le stade delle salsicce sulle griglie e ci concediamo una tappa per assaporarne una, intrattenuti dalle immancabili bolle di sapone giganti degli artisti di strada.

Ancora in centro, ripercorriamo Ponte Carlo e aspettiamo l’orario per l’escursione sul fiume Moldava,  scegliamo quella da 50 minuti ma le alternative sono molte.

Anche i più piccoli saranno interessati : oltre al panorama di Praga avvistiamo pesci, papere e numerosi candidi cigni, un’oretta scarsa di relax ce la meritavamo tutta.

Escursione sul fiume Moldava

Escursione sul fiume Moldava

Torniamo lungo fiume per il pranzo e raggiungiamo a piedi il Letná Park (Letenské sady), splendido parco cittadino con panorama fantastico sulla città vecchia e sulla Moldava.

Scelta azzeccatissima: Il piccolo finalmente è libero di correre nel verde e giocare a raccogliere pigne mentre mamma e papà sorseggiano una birra.

Qui troverete 3 birrerie, un parco giochi, panchine e tavoli, e cosa più importante in estate tanta ombra.

Ci rilassiamo sull’erba fino a cena, la Birreria del Letna Park è uno dei luoghi più frequentati dai praghesi. Dalla vista e dall’ottima birra capirete perché .

Relax in Letna Park

Relax in Letna Park

Abbiamo vissuto un’estiva Praga economica, rilassata, molto verde e non troppo caotica.

Ultimo accorgimento: ricordate di avere sempre a portata di mano il nome dei monumenti in Ceco, non esistono traduzioni né sui cartelli, né sulle metro.