Articoli

Mercatini di Natale a Govone: Il magico paese di Natale

Mercatini di Natale con bambini a Govone - giostra cavalli

In Piemonte, nel cuore del Roero, la magia natalizia rende speciale un intero paese. Non solo mercatini, Govone si trasforma nel magico paese di Babbo Natale.

I Mercatini Natalizi del Piemonte sono tanti e variopinti. Ricchi di fascino, delizie gastronomiche, artigianato, laboratori per i più piccoli, elfi e l’immancabile Babbo Natale, che tenendo sulle sue ginocchia i bambini ascolta i loro desideri. Incastonati ai piedi delle montagne, in città o in riva al lago, più raccolti e suggestivi o più famosi e affollati, i mercatini di Natale accolgono grandi e piccini per stupire e incantare. Ma in provincia di Cuneo, incastonato tra Asti e Alba, c’è un paese che si  trasforma e si riempie di magia, diventando il cuore del Natale in Piemonte. Non solo mercatini di Natale a Govone, il cuore del Roero si trasforma in un magico paese di Natale.

Mercatini di Natale con bambini a Govone - la bottega del Natale
Mercatini di Natale con bambini a Govone
Mercatini di Natale con i bambini a Govone - giostra cavalli
Mercatini di Natale con bambini a Govone

Mercatini di Natale a Govone 2018

Dopo il grande successo dell’anno scorso, che ha registrato un afflusso di più di 200mila persone, torna anche quest’anno a Govone,  nel territorio patrimonio UNESCO delle colline Langhe-Roero,  uno dei più bei mercatini del Piemonte alla sua 12° edizione.

Si chiama “Il Magico Paese di Natale” l’evento che dal 17 novembre 2018 al 23 dicembre 2018  trasforma Govone (CN) in un luogo di incanto.

Nel periodo che precede il Natale, questo piccolo paese di poco più di 2000 abitanti, si veste di magia e diventa uno dei villaggi natalizi più attesi che lasciano a bocca aperta grandi e bambini.

Mercatini di Natale con bambini a Govone

Il magico paese di Natale – cosa fare e cosa vedere

Quest’anno abbiamo deciso di dedicare il periodo che precede il Natale alla scoperta del nostro Piemonte e con la visita ai mercatini di Natale a Govone, che dista una quarantina di km da casa nostra, giochiamo davvero in casa.

Lasciamo la macchina nel parcheggio dedicato (P1) dove ci attende la comoda navetta che ci porta fino al Castello.

Mentre saliamo, curva dopo curva, dal finestrino si aprono i vigneti che, avvolti da una leggera foschia, sono uno romantico scenario anche in questa stagione.

La navetta ci porta a destinazione e subito avvertiamo l’atmosfera del Natale: profumo di cioccolata calda e melodie natalizie.

E’ la cornice incantata del Parco del Castello Reale di Govone (CN), splendida residenza sabauda inserita nella lista dei siti patrimonio dell’Umanità, a fare da sfondo al paese di Natale.

Mercatini di Natale con bambini a Govone
Per i mercatini

La casa di Babbo Natale

Magico paese di Natale a Govone - incontro con Babbo Natale

Siamo venuti per incontrare lui, “Babbo Nataee”, come lo chiama il nostro piccolino ed eccoci in coda per entrare.

I portoni di legno si aprono e si richiudono dietro le nostre spalle catapultandoci in un mondo incantato.

La sensazione di stupore e di meraviglia che si prova all’interno del Castello coinvolge anche noi grandi. Ci accolgono gli elfi in uno scenario fiabesco e dimentichiamo subito il passare del tempo e della realtà.

Magico paese di Natale a Govone - spettacolo per bambini
Gli elfi ci accolgono nelle foresta incantata

Gli spettacoli si susseguono nelle sale dagli alti soffitti per uno spettacolo coinvolgente ed itinerante che si svolge negli ambienti della casa di Babbo Natale.

Magico paese di Natale a Govone - spettacolo per bambini
Uno degli spettacoli musicali

La nuova commedia musicale si ispira a “Vita e avventure di Babbo Natale”, romanzo di L. Frank Baum autore del famoso racconto “Il Meraviglioso Mago di Oz”.

La narrazione racconta la storia del piccolo Claus, dall’infanzia alle esperienze vissute nella  foresta incantata che lo rendono immortale e lo trasformano nel personaggio che tutti amiamo, Santa Claus.

Questa piccola commedia musicale è curata in ogni dettaglio: dalla scenografia delle sale, alla professionalità degli attori, le luci e le danze, un momento che ci fa dimenticare la realtà e lascia spazio all’emozione.

Magico paese di Natale a Govone - Elfi in cucina
Magico paese di Natale a Govone - calendario dell'avvento
Magico paese di Natale a Govone - spettacolo per bambini

L’Officina Reale dei giocattoli di Natale, la Stanza dei Lunghi Viaggi di Babbo Natale, fino a giungere alla Casa di Babbo Natale per la foto e l’immancabile cinque!

Appena usciti, nella prima casetta vi attendono le foto del fotografo (se volete) al costo di 6 euro l’una.

Magico paese di Natale a Govone - incontro con Babbo Natale
L’incontro con Babbo Natale

Gli spettacoli sono live e si susseguono tutto il giorno. Tutti i sabati e le domeniche ogni 20 minuti circa.

Biglietti : 8,00 euro per gli adulti, 7,00 euro per bambini da 4 a 11 anni, gratuito per bambini fino a 3 anni. Data la grande affluenza prevista, acquistate i biglietti sul sito con anticipo!

La mostra dei presepi

Sulla stessa scalinata per accedere alla Casa di Babbo Natale,  a sinistra, si trova l’entrata alla mostra dei presepi Gloria in Excelsis.

Magico paese di Natale a Govone - presepe
Uno dei presepi in mostra

Il presepe e i suoi simboli in un percorso alla scoperta delle sue origini attraverso proiezioni, allestimenti e presepi della tradizione.

Biglietti : 6,00 euro per l’ingresso.

L’antica giostra a carosello

Proseguiamo per la discesa del castello e ci dirigiamo a destra raggiungendo “Piazza Baratti&Milano”, dove troviamo uno stand della cioccolata, addobbi e una graziosa giostra a carosello per tornare indietro nel tempo.

Biglietti: 2 euro a corsa e saliamo!

Durante il giorno si susseguono nella piazza brevi spettacoli teatrali.

Mercatini di Natale con bambini a Govone - giostra cavalli
La giostra a carosello

Laboratori

Giochi in legno

Dalla piazza, a sinistra della chiesa, seguiamo le indicazioni per il laboratorio di giochi in legno.

Parco didattico le colline di Giuca a Govone

Il laboratorio è un parco didattico con giochi in legno nato dal progetto Laboratorio Quota Verde, che si pone come promotore di una educazione al Territorio.

Percorso di giochi in legno per bambini a Govone
Percorso di giochi in legno per bambini a Govone
Parco didattico le colline di Giuca a Govone
Magico paese di Natale a Govone - giochi in legno
Giochi in legno
La bottega dei giocattoli di legno a Govone
Tutti in cucina!

E’ uno di quei luoghi dove si sa quando si entra ma non quando si potrà uscire. Il nostro piccolino non voleva più venire via!!

Siamo rimasti piacevolmente colpiti anche noi nel vedere quanti giochi si possono realizzare, in modo semplice e intelligente, con materiali naturali.

Legno, nocciole, castagne, lavagne, corde. Giocare a cucinare, far correre le biglie sui percorsi in legno, ci siamo divertiti molto!

 Orario: 10.00 – 18.00  Biglietti: 5€ a bambino

La bottega dei giocattoli di legno a Govone
La bottega dei giocattoli di legno a Govone
Parco didattico le colline di Giuca a Govone

Laboratori di Cucina – Le Officine

Se decidete di visitare il villaggio di domenica potete partecipare con i vostri bimbi ai Laboratori di Cucina – Le Officine.

I bambini possono divertirsi, accompagnati da un adulto, realizzando omini in pan di zenzero o nel laboratorio del cioccolato.

Solo la domenica. Per info e costi ecco il sito.

I mercatini

Tra i viali del parco si susseguono le casette di legno, che più si avvicinano allo scenario dei mercatini stile trentino,  con tanti assaggi di speck, biscotti, nocciolate, frutta secca.

I 100 chalet in legno sono ancora più suggestivi al calare del sole, tutti illuminati. Si seguono i profumi di crepes e di cioccolata calda e si sgranocchia qualcosa ad ogni stand.

Mercatini di Natale con bambini a Govone
Gli chalet nei viali del parco del Castello
Mercatini di Natale con bambini a Govone

Mercatini di Natale a Govone – come arrivare

Il magico paese di Natale si trova in provincia di Cuneo, a metà strada tra Alba e Asti, a circa 60 Km da Torino.

Dall’autostrada Torino – Piacenza (A21)  e dall’autostrada Torino – Savona (A6) seguire le indicazioni qui.

Mercatini di Natale a Govone – dove parcheggiare 

Ecco la Mappa dei parcheggi dedicati all’evento 

Da qui le navette porteranno i visitatori fino al punto di carico e scarico all’interno della manifestazione.

Noi abbiamo lasciato l’auto al parcheggio P1 (il primo e più grande) e preso la comodissima navetta (andata e ritorno) per il mercatino.

Il costo giornaliero del parcheggio è di 5€ e comprende l’utilizzo della navetta.

Dove mangiare ai mercatini di Natale a Govone

E’ possibile mangiare alla Locanda del Magico Paese di Natale (non è previsto il seggiolone) o preferire lo street food dei mercatini.

Se come noi adorate le calde frittelle di mele, non perdetevi in fondo al primo viale dei mercatini, l’ultimo stand sulla destra. Buonissime!!

Informazioni utili sull’evento

Per tutte le informazioni visitate il sito ufficiale del Magico Paese di Natale a Govone.

Ringraziamo il Magico Paese di Natale per averci fatto vivere una giornata di stupore e meraviglia.

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo! 

 

 

E se vieni in Piemonte potrebbero interessarti anche 

I mercatini di Natale a Ricetto di Candelo

Mercatini di Natale a Viverone

Mercatini di Natale a Torino

 

Natale in Alsazia con bambini a Kaysersberg, il villaggio più amato dai francesi

Kaysersberg con bambini - negozio di giocattoli

Il periodo più suggestivo dell’anno per Kaysersberg è il Natale. Il pittoresco borgo si arricchisce di luci, addobbi e mercatini natalizi.

Se siete alla ricerca di luoghi fiabeschi da visitare con i vostri piccoli viaggiatori, se siete pronti a sgranare i vostri occhi e immergervi in un’atmosfera natalizia unica, allora non vi sbaglierete scegliendo di respirare la magia del Natale in Alsazia con bambini a Kaysersberg.

Questa sorprendente regione della Francia orientale offre ai visitatori, grandi e piccini, scorci da fiaba, villaggi e borghi in cui sembra che il tempo si sia fermato.

Kaysersberg con bambini - Mercatino di natale

Una regione, quella alsaziana, splendida da vivere in estate  tra rigogliosi vigneti e ancora più romantica in autunno con i suoi colori mozzafiato.

Ma è nel periodo Natalizio che i piccoli e raccolti paesini che costellano la regione francese vengono accarezzati dalla magia delle luci, dalla tradizione dei presepi e degli alberi di Natale, dal profumo della cannella e del caldo vin brulé.

Kaysersberg con i suoi dettagli da cartolina, è insieme a Colmar e Riquewihr uno dei villaggi alsaziani più belli.

Natale in Alsazia con bambini

Quando il Natale si avvicina, i nostri ricordi corrono alle atmosfere alsaziane che abbiamo assaporato l’anno scorso.

Dubbiosi sugli scioperi aerei, sui costi proibitivi dei voli e sul maltempo, lo scorso dicembre eravamo alla ricerca di un luogo diverso, suggestivo e che fosse raggiungibile in auto, l’Alsazia!

Kaysersberg con bambini Natale

Una regione che con i suoi vigneti, le sue cantine e il suo amore per il territorio profumava già di casa, ricordandoci il nostro amato Piemonte.

Il nostro viaggio in Alsazia è durato tre giorni, troppo pochi per esplorare questa regione che è un susseguirsi di villaggi uno più bello dell’altro.

Kaysersberg con bambini - negozi

I caratteristici borghi medioevali sono quasi tutti pedonali e questo ci ha permesso di immergerci nell’atmosfera natalizia senza stress e poter lasciare il nostro piccolo viaggiatore libero di correre nei centri storici.

Abbiamo adorato la famosissima Colmar, definita la piccola Venezia, e la fiabesca Riquewihr, il villaggio del celebre “La bella e la bestia”, e un pezzettino di cuore lo abbiamo lasciato anche nell’intimo borgo di Kaysersberg.

Kaysersberg, il villaggio francese più amato

Con i suoi appena 2700 abitanti, il piccolo borgo che significa in italiano “Collina dell’Imperatore” (nome dovuto a Federico II di Svevia) si trova nel cuore della regione  ed è inserito nella Strada dei Vini d’Alsazia, uno degli itinerari più suggestivi della zona.

Il villaggio francese di Kaysersberg, che merita di essere visitato anche nelle altre stagioni, vive durante il Natale il periodo più suggestivo dell’anno.

Le vie si arricchiscono di addobbi e luci, profumano di vino caldo e dolci speziati.

Nel 2017 il borgo di Kaysersberg è stato decretato il villaggio preferito dei francesi, le “Village préféré des francais 2017”.

Kaysersberg con bambini luci di Natale

Il fascino va sicuramente va alle sue viuzze lastricate, alle sue casette in legno, all’atmosfera d’altri tempi che si può respirare passeggiando tra una stradina e l’altra.

Natale in Alsazia con bambini a Kaysersberg

Dopo la visita a Riquewihr non siamo ancora sazi di queste atmosfere e ci dirigiamo verso il borgo di Kaysersberg.

Kaysersberg con bambini - mercatini di Natale
Kaysersberg con bambini - presepe
Kaysersberg con bambini - paese da fiaba

Dista appena 10 km e le strade che si percorrono tra i vigneti hanno qualcosa di suggestivo, specialmente durante un tramonto d’inverno.

Lasciata la macchina nel parcheggio esterno ci addentriamo nel centro storico. Adoriamo questa caratteristica in Alsazia, le vie interne pedonali sono molto piacevoli da percorrere con un bimbo di due anni e passeggino al seguito.

Ogni borgo ha qualcosa di familiare e allo stesso tempo unico. Si ritrovano le stesse atmosfere e gli stessi profumi ma cambia la luce, cambiano le case, cambia la nostra prospettiva.

Sta tramontando il sole e Kaysersberg si accende di magia.

Kaysersberg con bambini - luci di Natale

Ogni casa è illuminata e, alzando gli occhi, ogni finestra appare come un piccolo teatro. Spuntano Saint Nicolas, orsi polari, renne, presepi illuminati. Sogniamo ad occhi aperti.

Il suo tradizionale mercatino artigianale di Natale si trova tra le mura della città antica.

Tra gli chalet troverete souvenir di natalizi in vetro soffiato, giocattoli di legno, presepi, ghiottonerie e vin chaud.

Kaysersberg con bambini - Babbo Natale
Kaysersberg con bambini - giocattoli vintage
Kaysersberg con bambini - Marché de Noël

Questo mercatino di Natale, uno dei più antichi della regione, incarna perfettamente la tradizione e la magia di Natale in Alsazia.

La città medievale di Kaysersberg ci ha regalato un’incantevole passeggiata nel cuore di una cornice pittoresca e autentica del XVII secolo.

Informazioni utili sul Natale in Alsazia con bambini a Kaysersberg

In occasione dell’Avvento, i mercatini di Natale Kaysersberg si riempiono di artigiani che propongono giocattoli, vetro soffiato, giochi in legno.

Dal 30 novembre al 23 dicembre, tra le mura della città antica, riecheggia l’anima del Natale alsaziano. I mercatini aprono il fine settimana venerdì, sabato, domenica dalle 10.00 alle 20.00.

Kaysersberg con bambini - Marché de Noël
Kaysersberg con bambini - giocattoli vintage

Quello di Kaysersberg è uno dei mercatini più antichi di tutta l’Alsazia e avvolge i visitatori con profumo di vino caldo, salumi, pan pepato tra deliziose botteghe in legno.

Per tutte le info potete consultare il Natale in Alsazia di Kaysersberg.

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo!

 

Potrebbero anche interessarti

Viaggio in Alsazia con bambini a Colmar, un libro di fiabe a cielo aperto

Riquewihr, il villaggio di La Bella e la Bestia è in Alsazia

 

Parco divertimenti Playmobil in Germania

Playmobil con bambini - parco divertimenti

Playmobil FunPark a Zirndorf: vicino a Norimberga un divertente parco tematico per bambini

Uno dei motivi che ci hanno spinti in Baviera lo scorso settembre è stato proprio Playmobil, il parco divertimenti per bambini a poca distanza da Norimberga. Playmobil FunPark è un enorme parco giochi dove i bambini possono divertirsi con tutta la famiglia. Ispirato interamente agli omini Playmobil, tra i giocattoli più amati dai bambini di tutto il mondo, il parco tematico di Zirndorf non ha deluso le nostre aspettative. Con le sue aree indoor e outdoor, i suoi colori e suoi grandi spazi, il parco divertimenti Playmobil in Germania si è rivelato ideale per festeggiare i tre anni del nostro bimbo, età in cui ha tanta voglia di giocare, muoversi ed esplorare.

Playmobil con bambini - mascotte

Parco divertimenti Playmobil in Germania

Siamo rimasti piacevolmente colpiti dal nostro viaggio a Norimbergauna meta a misura di bambino. Musei family friendly, spazi all’aperto e una destinazione, la Germania, che come sempre troviamo molto attenta alle esigenze delle famiglie.

Come ogni settembre, in questi ultimi tre anni, avevamo un’occasione speciale da festeggiare e volevamo un posto dove poter passare tutta la giornata, senza stress, solo divertimento e che fosse adatto all’età del nostro piccolino.

Playmobil con bambini - parco divertimenti

Già dalla pianificazione da casa ci ha incuriosito molto il  Playmobil FunPark, a pochi chilometri a ovest di Norimberga.

Un parco non famoso come Legoland ma altrettanto amato dalle famiglie tedesche e ben recensito.

Il parco di divertimenti si trova a Zirndorf, a poca distanza da Norimberga, ed è stato inaugurato nel 2000 nell’area che ospita gli stabilimenti della Geobra Brandstätte, che lanciò sul mercato nel 1974 il celebre giocattolo Playmobil.

Playmobil con bambini - personaggi fattoria

Playmobil FunPark è un parco di divertimenti che libera la fantasia dei bambini ed è rivolto principalmente alla fascia d’età dai 3 agli 8 anni, età in cui i bambini hanno tanta voglia di divertirsi, muoversi ed esplorare.

Un parco di divertimenti piacevolmente “slow”, come amiamo definirlo noi, in cui non ci sono giostre meccaniche, non si fanno file assurde e questo lo rende perfetto anche per i genitori. Siamo rimasti all’interno di Playmobil dal mattino fino alla chiusura e siamo tornati in albergo senza mal di testa!

Parco divertimenti Playmobil in Germania – attrazioni

Area Outdoor

Il parco ha diverse aree tematiche e si sviluppa su una superficie di 90.000 mq.

Il segreto del successo del Playmobil Fun Park è la filosofia del parco per ogni piccolo visitatore: “diventa attivo”!

Playmobil con bambini - fontane

Niente giostre o montagne russe, i piccoli esploratori possono liberare la loro fantasia e diventare bucanieri salendo sul veliero dei pirati o arrampicarsi sul castello come coraggiosi cavalieri.

Playmobil con bambini - castello

Già dall’ingresso i famosi omini ci danno il benvenuto e ci immergiamo nel parco attraverso il castello con tanto di mura merlate e ponte levatoio.

Playmobil con bambini - castello
Playmobil con bambini - orco castello
Playmobil con bambini - castello

Vista l’energia mattutina del festeggiato decidiamo di dedicarci per prima cosa all’area esterna.

Prima tappa per noi è la grande e colorata arca di Noè che introduce a una serie di vasche di diversa altezza. A seconda dell’età i bimbi possono giocare con traghetti, barchette, navi, sommergibili, animali.

Norimberga con bambini - Playmobil Funpark

Playmobil con bambini - giochi con l'acqua

Proseguiamo verso l‘area della Polizia, in cui i bambini dai 6 anni possono correre in pista su macchinine a pedali. Noi ci tuffiamo nella sabbia e ci cimentiamo con il primo percorso avventura.

Playmobil con bambini - stazione di polizia

Playmobil con bambini - giochi all'aperto

Pareti in corde e legno su cui arrampicarsi per far scatenare i bambini e aree interamente di sabbia in cui divertirsi con macchinine e camioncini.

Poco distante dall’entrata, un’area acquatica per l’estate e un laghetto su cui i piccoli capitani, a bordo di simpatiche barchette, possono lanciarsi in una nuova avventura con il giubbotto salvagente.

Playmobil con bambini - parco divertimenti lago

Completano il parco un’area esterna per saltare e prendere il sole in estate, l’area della fattoria dove spazzolare e abbeverare gli animali e ancora una pista percorribile con trattorini su cui caricare piccoli tronchi in plastica nei rimorchi.

Playmobil con bambini - giochi outdoor

Playmobil con bambini - cavallo nella fattoria
Playmobil con bambini - fattoria
Playmobil con bambini - trattore a pedali

Insomma l’imbarazzo della scelta per un parco davvero a misura di bambino e di famiglia.

Attraverso la mappa del parco si possono visualizzare molto velocemente i giochi di avventura, i giochi d’acqua, le arrampicate e le età adatte ad ogni area 0-99, 3+,4+ aree ristoro, etc..

Area Indoor

Un valore aggiunto di questo parco è la luminosa e grande area al coperto, dove si può giocare tra castelli e velieri, smontando e rimontando gli omini Playmobil.

Playmobil con bambini - indoor

Playmobil con bambini - giochi indoor

Una grande distesa di settori allestiti a tema e a misura di bambino: pirati, principesse, pompieri, polizia, etc..

Un’area in cui rilassarsi e riprendersi un po’ di tempo prezioso con loro, tornando piccoli anche noi.

Playmobil con bambini - giochi indoor

Assistiamo alla mini disco sul palcoscenico, dove ad orari stabiliti gli animatori fanno ballare e intrattengono i bambini. Ci divertiamo a sentire “Veo Veo” in versione tedesca e a vedere i passi scoordinati del nostro piccolo ballerino. 

Playmobil con bambini - palco

Anche all’interno non manca un percorso sospeso tra gli alberi con scivoli.

Siamo stati piacevolmente colpiti da così tante attività al coperto, che rendono il parco molto attraente anche con il tempo incerto.

Playmobil con bambini - scivoli indoor

Playmobil con bambini - giochi indoor

La grande città di gioco e l’area di arrampicata e avventura al coperto garantiscono tanto divertimento durante tutto l’anno.

Non importa se le previsioni del tempo cambiano improvvisamente, a Playmobil il divertimento non si ferma!

Playmobil con bambini - casetta gioco

Playmobil con bambini - castello indoor

Dove mangiare al Playmobil Fun Park

All’interno del parco non mancano le aree in cui poter pranzare, sia nelle aree esterne che nell’area coperta.

Pasta, pizza, hamburger e patatine, gelati, hot dog e un delizioso Beer Garden.

Noi abbiamo mangiato nel pub all’interno, entrando subito a destra.  Schnitzel con patatine fritte e una bevanda analcolica nel bicchiere marchiato playmobil.

I menù per bambini hanno prezzi contenuti rispetto ad altri parchi.

Scegliete per mangiare i tavolini più vicini all’area giochi.

Playmobil con bambini - menu pranzo

Dove dormire per andare al Playmobil Fun Park

Esiste un hotel dedicato direttamente in struttura ma noi abbiamo alloggiato a Norimberga.

Per la prima volta abbiamo scelto un appartamento in hotel e siamo stati piacevolmente colpiti dalla comodità di questa soluzione, perfetta per le famiglie con bambini come noi!

A soli 500 metri dalla metro e a pochi passi a piedi dal centro, in una zona tranquilla ricca di negozi vicina ad un supermercato.

Potete leggere qui il nostro resoconto al Derag Living Hotel.

Norimberga è a una decina di chilometri e logisticamente comodissima per raggiungere il Playmobil Fun Park.

Playmobil FunPark a Zirndorf – informazioni utili

Playmobil con bambini - parco divertimenti

Playmobil è situato ad appena una decina di chilometri da Norimberga e lo abbiamo raggiunto comodamente in macchina (a noleggio per tutto il viaggio). Contate 25 minuti in auto dal centro.

Abbiamo parcheggiato al costo di 5 euro (tutto il giorno) nei posti auto al coperto accanto al’ingresso. Si conserva il biglietto e si paga alla cassa automatica prima di salire in auto.

Procuratevi una tutina impermeabile per i giochi d’acqua. Abbiamo visto tantissimi bambini tedeschi indossarle sopra i vestiti.

Indispensabile in ogni caso un cambio completo di vestiti e scarpe per lasciare che si divertano in libertà.

All’interno della struttura coperta troverete tantissimi giovani addetti che raccolgono le centinaia di pezzettini in terra e sono pronti a rimontarvi e cercarvi ogni pezzo playmobil mancante.

Ma quanto costa Playmobil Fun Park? Il parco è anche a misura di portafoglio per le famiglie: meno di 12 euro in alta stagione e i bambini fino a 3 anni entrano gratis.

Prima di lasciare il parco fate un giro nel fornitissimo shop playmobil. Si trova all’uscita e ha prezzi molto competitivi. Chiude alla stessa ora del parco quindi calcolate bene i tempi.

Per tutte le informazioni su novità, orari e aperture stagionali si può consultare il sito ufficiale di Playmobil FunPark.

 

 

Post in collaborazione con Playmobil FunPark 

 

Potrebbe anche interessarti 

Norimberga con i bambini: cosa vedere in tre giorni
Norimberga dove dormire con i bambini

Halloween a Leolandia con bambini

Leolandia con bambini - Halloween

A ottobre il parco si tinge di arancione per la festa di HalLEOween

Non eravamo mai stati a Leolandia, il parco di divertimenti di Capriate San Gervasio in provincia di Bergamo, e quale momento migliore per visitarlo se non in occasione di un allestimento speciale! Da ottobre infatti il parco di divertimenti per bambini più amato d’Italia si tinge di arancione e si anima di streghe, zucche, ragnetti e fantasmini. Halloween a Leolandia si trasforma in HalLEOween per una festa magica che non fa paura. Giostre, spettacoli, festival delle scope magiche, in compagnia dei personaggi più amati dai bambini.

Leolandia con bambini - zucche di Halloween

Leolandia con bambini – il parco

Leolandia, il parco tematico più amato d’Italia nella classifica di TripAdvisor, è il luogo ideale per passare una giornata speciale piena di divertimento per tutta la famiglia.

Immerso in un grande parco verde, Leolandia offre oltre 40 attrazioni tra giostre e il mondo dei cartoni più amati dai piccoli. Peppa Pig, i Superpigiamini, i mitici Masha e Orso, il colorato Trenino Thomas, il simpatico Geronimo Stilton.

Leolandia è il parco dove i sogni prendono vita, un must in Lombardia per i più piccoli!

Leolandia con bambini - superpigiamini

E’ un parco di divertimenti adatto soprattutto dai 3 agli 8 anni. In questa fascia d’età i bambini si godono appieno le attrazioni, molte accessibili e divertenti anche per più piccoli, accompagnati da mamma e papà.

A Leolandia si può assistere a coinvolgenti spettacoli, accarezzare gli animali e visitare la Minitalia.

Halloween a Leolandia con bambini –  una festa che non fa paura

Leolandia ad Halloween vede il parco “sotto incantesimo” e si trasforma in HalLEOween, la festa delle streghe con tanta magia, a misura di bambino.

Leolandia con bambini - festa di Halloween

Un’enorme ragnatela ci attende proprio sotto la scritta gigante dell’ingresso del parco e ci caliamo subito nell’atmosfera di Halloween!

Una foto di rito davanti al grande pentolone fumante circondato di zucche e siamo carichi per la visita.

Leolandia con bambini - ingresso parco

I sentieri del parco sono allestiti con zucche, balle di fieno, fantasmini, falò e culminano con l’area, interamente tematica, del festival delle scope magiche.

Leolandia con bambini - festa di Halloween

Qui troviamo la scuola di volo, simpatiche scopine e chioschi per le merende dove trovare pane e salamella, birra e bretzel, zucchero filato, mele caramellate e altre delizie.

Leolandia con bambini - marshmallow

Noi non resistiamo e ci divertiamo ad arrostire marshmallow davanti ai falò disseminati nelle varie aree. Una nuova e golosa esperienza per il nostro tatino e una perfetta distrazione dalla sua nuova passione: spostare con un’inaspettata forza le zucche disseminate per il parco.

Leolandia con bambini - Halloween

Halloween a Leolandia con bambini

I personaggi dei cartoni animati

Abbiamo trovato Leolandia un parco perfetto per le famiglie con bimbi piccoli, che propone attrazioni ispirate ai personaggi più amati dai bambini.

Prima tappa da non perdere è la novità 2018 del parco: Foresta di Masha e Orso.

Leolandia con bambini - Masha e Orso

La sigla del cartone animato ci accoglie mentre entriamo nel grande tronco all’ingresso della foresta. L’area si divide in Vroom, il bosco e il canta e balla con Masha e Orso.

Superato il negozio, dove ovviamente ci fermiamo per comprare l’amato orsetto, ci addentriamo nel bosco per raggiungere la casa di Orso (non visitabile all’interno) con il giardino, i panni stesi, le margherite, l’orto con i pomodori, la doccia e le casette delle api.

Leolandia con bambini - foresta Masha e Orso

Usciti dallo steccato del giardino troviamo il bosco con l’ambulanza dei lupi, orsa e orso bruno.

Leolandia con bambini - Masha e Orso

Tutto è esattamente come nel cartone animato!

Leolandia con bambini - Masha e Orso

Un grande parco giochi in legno e un parcheggio passeggini completano la splendida area (quella che abbiamo apprezzato di più!!)

Leolandia con bambini - parcheggio passeggini

Se volete assistere allo spettacolo di canta e balla con Masha e Orso presentatevi una mezz’ora prima rispetto agli orari esposti.

All’uscita dello spettacolo, si possono incontrare i protagonisti e scattare una foto con loro.

Leolandia con bambini - spettacolo con Masha e Orso

Leolandia con bambini - Masha e Orso

Altra area imperdibile è quella di Peppa Pig.

Preparatevi a lunghe file per visitare la casa di Peppa (vi consigliamo di mettervi in coda al mattino o in tardo pomeriggio quando la maggior parte delle persone non è ancora arrivata o sta andando via). All’interno i giocattoli di George e Peppa, la cucina di mamma Pig, il soggiorno e tanti oggetti color pastello, proprio come nel cartone animato.

Leolandia con bambini - Peppa Pig

All’esterno si può scendere dagli scivoli del castello ventoso, saltare nelle pozzanghere di fango (un morbido tappeto marrone) e salire sulla macchinina di Papà Pig.

Non può mancare la foto ricordo con i protagonisti George e Peppa, in versione Halloween, lungo il cantiere del signor Toro.

Leolandia con bambini - macchina di Peppa Pig
Leolandia con bambini - Peppa Pig
Leolandia con bambini - foto con Peppa Pig

Se avete per casa un nanetto di tre anni come il nostro, non potete saltare l’area dei Supermigiamini, i famosi PjMask: Gattoboy, Geco e Gufetta, durante tutta la giornata, regalano spettacoli e la possibilità di scattare una foto ricordo.

Leolandia con bambini - superpigiamini

Nell’aerea dei pirati trovate invece Geronimo Stilton, il famoso topo giornalista e in quella del festival delle scope trovate la stazione del Trenino Thomas, su cui salire a bordo per un tranquillo e divertente giro del parco.

Leolandia con bambini - trenino Thomas

Le giostre e le attrazioni

Leolandia non è solo cartoni animati. Tante sono le giostre e le attrazioni del parco.

Le giostre e le attrazioni di Leolandia sono adatte a tutti i bambini, anche i più piccoli.

Una meravigliosa area dedicata ai cow boy con tanto di ruota panoramica dei pionieri, una romantica giostra dei cavalli, le botti boom, la leocoaster, il galeone dei pirati, la donna cannone, trinchetto, wild avvoltoi, scilla e cariddi, il main train e poi ancora le attrazioni acquatiche come il river wild o pirati alla deriva.

Leolandia con bambini - ruota dei Pionieri

All’ingresso di ogni attrazione trovate un metro per poter misurare l’altezza dei bimbi. Vi consigliamo di farlo già a casa (con le scarpine).

Selezionando l’altezza esatta del bimbo su questa pagina potrete già vedere tutte le giostre e le attrazioni a cui potrà accedere il vostro bimbo.

Leolandia con bambini - giostra coi cavalli

Cartina alla mano dovrete fare un’accurata selezione delle giostre da visitare.
A noi non è bastata una giornata per provarle tutte!

Non perdetevi in questo periodo la parata di chiusura di Halloween per concludere in bellezza la giornata. Tutti pronti a ballare seguendo streghette, maghi e tutti i personaggi del parco.

Leolandia con bambini - parata

Acquario, rettilario e fattoria

Abbiamo saltato l’acquario di Leolandia e il rettilario limitandoci a giocare con il t-rex del cartello. Si trovano subito accanto all’ingresso a sinistra.

Leolandia con bambini - acquario rettilario

Un’area che abbiamo trovato molto carina e rilassante per i bambini e che vi consigliamo di vedere è la fattoria.

Leolandia con bambini - fattoria

Caprette, mucche, galline e asinelli. Non si può entrare nei recinti ma si possono accarezzare gli animali e dar loro da mangiare.

Leolandia con bambini - la fattoria

Accanto ai recinti si trovano dei distributori di palline colorate (costano 1 euro) che contengono il cibo da poter dare agli animali della fattoria.

Minitalia

La speciale Italia in miniatura di Leolandia è la parte storica del parco, l’idea di un sognatore del 1971, con l’obbiettivo di riunire la bellezza dei monumenti italiani più importanti in un unico parco divertimenti.

Leolandia con bambini - Italia in miniatura

E’ possibile ammirarle lungo percorsi privi di barriere architettoniche oppure ammirarle dal laghetto, seduti su comode zattere come abbiamo fatto noi.

Dove parcheggiare a Leolandia

Abbiamo lasciato l’auto nel parcheggio del parco al costo di 5 euro. E’ molto comodo e vicino all’ingresso. Si paga al gabbiotto, direttamente dall’auto prima di entrare.

Quando andare a Leolandia

Abbiamo visto il parco durante il suggestivo allestimento di Halloween e ci è piaciuto davvero tanto!

E’ un parco di divertimenti molto bello da vivere tutto l’anno, ovviamente in estate potete godervi appieno anche le giostre che hanno come tema principale l’acqua.

E quest’anno c’è una nuova promozione per festeggiare il primo Natale di Leolandia!

Con il biglietto di ottobre si entra gratis un giorno a scelta dal 1 dicembre al 6 gennaio 2019!

Andate all’ufficio della reception prima di lasciare il parco e fatevi timbrare il biglietto per vidimarlo e renderlo valido per l’ingresso di dicembre. L’ufficio si trova a sinistra appena entrati a fianco ai bagni.

Dove mangiare a Leolandia

Con alcuni accorgimenti si possono contenere i prezzi come ad esempio portare il pranzo al sacco da casa, se il meteo lo permette.

Ci sono diverse aree pic-nic dove poter consumare pranzi liberi e abbastanza tranquille se avete bimbi da far addormentare.

In alternativa ci si può fermare a mangiare nei molti ristoranti del parco.

A noi è piaciuta molto l’area dei chioschetti delle scope magiche e la bettola di Capitan Polpetta che si trova davanti al galeone dei pirati.

Leolandia con bambini – costi

Per evitare lunghe code alle biglietterie meglio essere già in possesso dei biglietti da casa.

Sul sito ufficiale del parco Leolandia si possono comprare biglietti di ingresso scegliendo tra data variabile, fissa e abbonamento.

A Leolandia non conta l’età ma l’altezza: biglietto intero (da 120 cm di altezza), ridotto (per i bambini da 90 a 119 cm) e gratis per i bimbi fino agli 89 cm.

Personalmente preferiamo i biglietti a data libera, che ci permettono di pianificare in libertà la visita in base al meteo e ai malanni del nostro tatino.

Ottima e senza il vincolo di date, la proposta di Musement in cui l’ingresso è unico per adulti e bambini (fino agli 89 cm si entra gratis).

I biglietti aperti consentono di accedere al parco una sola volta in qualsiasi giorno di apertura della stagione (fino al 06.01.2019). Questo significa che non è necessario selezionare il giorno della visita prima di entrare nel parco. Dopo l’acquisto on line si riceve il biglietto d’ingresso insieme alla conferma della prenotazione. Si stampano i biglietti e si portano con sé il giorno della visita saltando le code!

Halloween a Leolandia con bambini – consigli utili

Il nostro tatino ha appena compiuto tre anni e con i bambini così piccoli sarà molto difficile poter visitare tutto il parco e tutte le attrazioni.

Pianificate con la cartina del sito, o quella fornita all’ingresso, cosa visitare per prima in modo che quando crollerà dal sonno sarete soddisfatti della giornata.

Noi abbiamo fatto così! Sicuri che tra il pranzo, i ritmi del piccolino, la misteriosa pipi dei tre anni che può scappare continuamente o non scappare per due ore di fila, il tempo non sarebbe bastato.

Leolandia con bambini - Halloween

Bagni – tenete a portata di mano la mappa. Noi siamo nella fase del mi scappa la pipì ogni nano secondo e ci è servita molto. Tutti i bagni sono forniti di fasciatoio e wc a misura di bimbi.

Cambi e mantelle anti pioggia – i bambini si bagneranno di sicuro sia in estate che in inverno. Portate un cambio completo e una mantellina anti pioggia per le attrazioni acquatiche che sono aperte anche in questo periodo. Portatela anche voi adulti! Il parco le vende ma meglio averle con sé e risparmiare un po’.

Misurare l’altezza a casa – misurate l’altezza dei vostri bimbi a casa con le scarpe, è così che verranno misurati al parco. Davanti ad ogni attrazione c’è un simpatico metro colorato.

Leolandia con bambini - metro misura altezza

Intrattenere i bambini in coda – per sopravvivere alle code per le foto e soprattutto agli spettacoli e la casa di Peppa portate qualcosa per intrattenere i più piccoli. Qualche dolcetto e il palloncino di Geco (comprato prima della coda) ci hanno salvati!

Servizi per le mamme – sul sito di Leolandia c’è una sezione dei servizi disponibili per le mamme, anche in dolce attesa. Nursery, scalda biberon e noleggio passeggini. Tutte le info le trovate qui

Pianificare gli orari – se volete fare meno code potete anticipare il pranzo, così da poter visitare alcune attrazioni quando la maggior parte delle persone assaltano le aree ristoro.

Per gli orari e i giorni di apertura consultate il sito ufficiale.

 

Si ringrazia Musement per la collaborazione

Svizzera, cosa vedere con i bambini: il lago di Walen

Walenstad, una meta molto frequentata dalle famiglie con bambini sul lago di Walen

Incastonato tra le montagne imponenti dell’Heidiland, la regione che deve il suo nome al famosissimo romanzo di Heidi, il lago di Walen è considerato uno dei laghi più grandi e più belli di tutta la Svizzera. Lungo le sue sponde si adagiano graziose cittadine, tra cui spicca per bellezza e servizi la località di Walenstad. Con un’ampia spiaggia balneabile, prati verdi, aree attrezzate per barbecue e un curatissimo parco giochi, la cittadina del Canton San Gallo – nel distretto di Sarganserland – è una destinazione perfetta per le famiglie che si recano in Svizzera con i bambini piccoli.

Svizzera, cosa vedere con i bambini: Walenstad

Durante il nostro viaggio in Svizzera, è stato semplice innamorarsi di Walenstad.

La cittadina, che in estate regala temperature mediterranee, si affaccia su un lungo tratto di lago balneabile contornato da prati verdi ordinati, puliti e pianeggianti.

Svizzera - Walenstad, fontana fronte lago di Walen

Walenstad ci accoglie con una giornata di sole, acque cristalline, bambini che corrono liberi sui prati lontano dal caos. Si respira un’aria serena e rilassata, in pieno clima vacanziero.

Svizzera - Walenstad, lago di Walen, area attrezzata

Ci dirigiamo verso l’area verde vicino al lago e sistemiamo i nostri asciugamani. In acqua grandi e piccini, con i lori braccioli e i loro gonfiabili, si stanno divertendo, così mettiamo il costume e ci tuffiamo anche noi! C’è una dolce entrata ciottolosa (consigliamo le ciabattine) e la temperatura del lago è la stessa del mare in Liguria.

Le numerose famiglie con bambini, più o meno piccoli, che ci circondano sono attrezzatissime: giochi gonfiabili, ombrelloni, sdraiette, canotti.

Svizzera - Walenstad, spiaggia del lago di Walen

Non mancano trampolini per i tuffi e boe su cui prendere il sole … per alcuni momenti ci dimentichiamo persino di essere su un lago, insomma sembra di essere al mare!

Subito a ridosso dei prati si trova un grande edificio adibito ai servizi, docce e spogliatoi. Cerchiamo nelle tasche i nostri franchi ma ci accorgiamo che è tutto gratis!

Il parco giochi di Walenstad, sul lago di Walen

Accanto alla spiaggia, superato il vicino ristorante, si apre un’ampia area verdeggiante lungo lago.

Svizzera - Walenstad, sponda lago di Walen

Qui troviamo aree barbecue e tavoli attrezzati dove si fermano a mangiare tantissime famiglie, rimanendo anche dopo il tramonto.

L’attenzione del nostro tatino però è catturata dal bellissimo parco giochi.

Svizzera - Walenstad, parco giochi lago di Walen

Dondoli, giostra, giochi in legno, tiro alla corda, ma è la grande struttura in legno che domina l’aerea giochi con ponti, arrampicate e scivoli.

Svizzera - Walenstad, parco giochi lago di Walen

Svizzera - Walenstad, parco giochi lago di Walen

La grande nave di legno di Walenstadt vuole richiamare l’antica importanza del luogo come punto centrale di trasbordo per le spedizioni che si effettuavano in passato.

Svizzera - Walenstad, lago di Walen, giochi per bambini

Svizzera - Walenstad, lago di Walen, giochi per bambini

L’atmosfera è tranquilla e rilassata. I bambini giocano sotto gli occhi attenti dei genitori, tra un barbecue e un bagno.

Con la mente fantastichiamo anche noi di venire a passare qualche giorno tranquilli al lago proprio così, magari noleggiando le bici con i carrellini!

Svizzera - Walenstad, lago di Walen, area verde

Nei dintorni di Walenstad

La regione del Walensee con le montagne che fanno da cornice al lago regalano un paesaggio maestoso e passeggiate nella natura.

Walenstad, Murg, Mols, Unterterzen e Weesen sono le località turistiche più gettonate della zona. Quinten e Au, sulla sponda nord del lago, sono raggiungibili con traghetti operativi tutto l’anno.

Inoltre i bambini dai 6 anni possono partecipare all’entusiasmante avventura per tutta la famiglia. Un esperienza unica che consiste nel risolvere il mistero di Walensee, cercando indizi all’interno dei sei parchi gioco a tema intorno al lago e sul battello che li collega.
Per saperne di più potete visionare il sito spielerlebnis-walensee.

foto da https://spielerlebnis-walensee.ch/

Come arrivare a Walenstad, sul lago di Walen

La città di Walenstad, come buona parte del lago di Walen, è comodamente raggiungibile in auto tramite l’autostrada E43/A13 verso Bellinzona Nord/San Bernardino/Chur.

Dopo Coira (Chur) si continua sulll’autostrada A3 per uscire allo svincolo 49-Flums verso Flumserberg/Walenstadt/Unterterzen.

Ci si arriva in circa 3 ore in auto dal confine italiano.

Ricordatevi il bollino autostradale svizzero (vignetta)!

Per arrivare al parco giochi e alla spiaggia impostate il navigatore e seguite le indicazioni per l’albergo ristorante Seehof, in Seestrasse 104 Walestad.

Si può lasciare l’auto nei tanti parcheggi a pagamento a pochi passi (dopo le 21 è gratuito).

Dove dormire a Walenstad, sul lago di Walen

Campeggi, bed and breakfast, hotel della zona si contendono i turisti.

Molto famoso e ben recensito è il già citato Hotel Seehof di Walenstad, proprio lungo il lago. Data la perfetta posizione (abbiamo visto i turisti scendere in ciabatte dall’albergo per fare il bagno nel lago fino a serata inoltrata) i costi non sono proprio economici.

La zona è molto turistica e gettonata in estate. Se volete risparmiare un po’ potete optare, come abbiamo fatto noi, per un appartamento su airbnb o approfittare di una buona offerta su booking.

Se siete più avventurosi e amanti del campeggio potete scegliere di dormire in tenda o di fermarvi con il camper al See Camping di Walenstad o preferire a pochi chilometri il Camping di Murg, entrambi situati sul lago.

Se ti è piaciuto l’articolo clicca mi piace e condividilo!

 

rimborso 10% booking.com

25€ in crediti di viaggio

Potrebbe anche interessarti

Heidiland: in Svizzera con i bambini lungo il sentiero e i luoghi di Heidi
La casa di Heidi esiste davvero

Heidiland: in Svizzera con i bambini lungo il sentiero e i luoghi di Heidi

Svizzera - Maienfeld Heididorf villaggio Heidi - Heidiland

In Svizzera con i bimbi sulle orme di Heidi

C’è un luogo speciale che vi aspetta in Svizzera con i bambini, Heidiland!
Nella regione turistica di villeggiatura della Svizzera orientale, al confine tra il Cantone dei Grigioni e il Cantone San Gallo, è possibile rivivere in prima persona i luoghi di Heidi, descritti nel famoso romanzo della scrittrice svizzera Johanna Spyri.
ll villaggio e la casa di Heidi
a Maienfeld
sono infatti il punto di riferimento turistico, da cui la regione prende il nome. Lago, montagna, sentieri escursionistici, vigneti, la meravigliosa flora e fauna delle Alpi regalano attività di trekking, mountain bike, gite in barca, relax nei centri termali. Heidiland è una destinazione adatta alle famiglie con bambini che, sia in estate che in inverno, possono godere della bellezza di questa regione. Un paradiso escursionistico, ma anche sciistico, a solo poche ore dal confine italiano.

Svizzera - Maienfeld Heididorf steccato e fiori

Heidiland: Il villaggio e la casa di Heidi

La famosissima storia di Heidi di Johanna Spyri, pubblicata nel 1880 e tradotta in più di 52 lingue, dà il nome alla regione di Heidiland, la terra di Heidi (anche l’Autogrill Marchè Heidiland è tematico!).

Entrare nella sua baita, vedere le sue scarpine e suoi vestiti, accarezzare le caprette, correre su quei pascoli fioriti tra le splendide Alpi Svizzere, la Casa di Heidi è il sogno di grandi e piccini.

Visitare i luoghi e ripercorrere le avventure del dolce personaggio dell’infanzia di tanti di noi, è un desiderio che si può avverare.

Svizzera - Maienfeld Heididorf cartello entrata

Visitare l’Heididorf, l’unico autentico villaggio al Mondo in cui ammirare la casa di Heidi, è come tornare indietro nel tempo e fare un tuffo nelle estati di Heidi, assaporando la vita di montagna in Svizzera nel XIX secolo.

Leggi di più nel post La casa di Heidi esiste davvero!

svizzera-maienfeld-heididorf

Heidiland: dal villaggio alla baita di Heidi

Per chi come noi ama i paesaggi alpini, e ha con sè dei piccoli camminatori, consigliamo di salire in quota lungo il sentiero sulle orme di Heidi.

Dal villaggio alla famosa baita sull’Ochsenberg, la baita del nonno di Heidi sull’Alpe, 12 stazioni raccontano la fiaba di Heidi e Peter lungo un sentiero tra le Alpi Svizzere percorribile anche con i bambini.

Svizzera - alpe dell'Ochsenberg stazioni sul sentiero

Se non ve la sentite però di affrontare il percorso, vi farà piacere sapere che anche all’interno del villaggio di Heididorf  è presente l’esatta ricostruzione della baita che si trova in quota.  Distante appena pochi metri dalla casa, permette a tutti di respirare questa atmosfera fiabesca risparmiandosi un po’ di fatica.

Svizzera - Maienfeld Heididorf casa del nonno di Heidi

Heidialp Ochsenberg (Heidihutte) – lungo Il sentiero sulle orme di Heidi

Approfittando della giornata soleggiata e delle gambine del nostro tatino, decidiamo di salire lungo il sentiero sulle orme di Heidi, tra prati fioriti e animali, per vedere la baita originale di Heidi (Heidialp Ochsenberg) costruita più di 200 anni fa.

Svizzera - alpe dell'Ochsenberg sentiero

Ci incamminiamo lungo la strada nel bosco (il primo tratto è più ripido ma breve) che conduce alla sterrata che sale gradatamente, alternando tratti soleggiati a tratti in ombra.

Svizzera - salita all'alpe dell'Ochsenberg

Abbiamo dedicato tutta la mattina alla visita del villaggio e finalmente è ora di pranzo! Tiriamo fuori dagli zaini i nostri panini per un pic nic. Un vasto pratone si apre a sinistra davanti ai nostri occhi, a circa un quarto d’ora dalla partenza.

Svizzera - Maienfeld Heididorf prati

Giochiamo a palla, ci rifocilliamo e si riparte! Il sentiero sale dolcemente tra verdi pascoli e mucche.

Svizzera - alpe dell'Ochsenberg mucca

Troviamo anche una piccola torre d’osservazione che scatena la fantasia del piccolino!

Svizzera - alpe dell'Ochsenberg torre d'osservazione

Arrivati all’Alpe, a quota 1111 mt, ci rilassiamo nei prati all’ombra. Ci godiamo il panorama e, grazie alla nanna del tatino, finalmente anche il silenzio che regna tra queste montagne.

Svizzera - alpe dell'Ochsenberg nonno Heidi

Svizzera - alpe dell'Ochsenberg baita nonno di Heidi

Vediamo, con piacere, che continuano arrivare famiglie intere, con bambini più o meno piccoli, che giunti a destinazione si godono come noi il paesaggio.

Svizzera - alpe dell'Ochsenberg baita nonno di Heidi

Heidialp Ochsenberg (Heidihutte) – impressioni e consigli

La Baita di Heidi è adibita a ristorante alpino. Per alcune persone che abbiamo incontrato lungo il percorso risulta un meraviglioso punto di ristoro, per noi invece è stato un pochino deludente. Una coca cola ci ha fatto sicuramente piacere dopo la camminata, lo ammettiamo, ma ci avrebbe appagato di più poter entrare e visitare la baita.

Ci sono alcune deviazioni sul percorso, se la vostra meta è l’Alpe seguite sempre le indicazioni per Heidialp Ochsenberg  (Heidihutte).

Svizzera - alpe dell'Ochsenberg cartello Adventur Trail

Svizzera - alpe dell'Ochsenberg indicazioni per la baita del nonno di Heidi

Tenete conto che ci vuole circa un’ora e quarantacinque più il tempo delle soste, obbligatorie per i bimbi, per arrivare alla baita. Lungo il cammino comunque si trovano zone d’ombra e fontane con cui rinfrescarsi.

Svizzera - Heidiland alpe dell'Ochsenberg fontana

Svizzera - alpe dell'Ochsenberg sculture in legno di Heidi, Peter e il nonno

La presenza degli animali, la raccolta dei frutti di bosco, la ricerca delle pozzanghere di fango (grazie Peppa Pig!), alternati a merende e storie lungo il sentiero, sono serviti a coinvolgere nel cammino il nostro piccolo esploratore.

Svizzera - salita all'alpe dell'Ochsenberg

Noi lo abbiamo percorso tranquillamente con il nostro tatino di due anni e mezzo, alternando lunghe camminate alle più comode spalle di mamma o papà.

Se possedete un marsupio, o lo zaino portabimbi, vi sarà sicuramente utile! Ci è capitato anche di vedere famiglie salire con passeggini, di quelli ben ammortizzati.

Svizzera - Maienfeld Heididorf passeggino

Se siete dunque amanti dei percorsi in montagna e con i vostri bimbi siete camminatori abituali, il sentiero non vi sembrerà difficoltoso.

Da lassù la vista sulla Valle del Reno ripaga delle fatiche e rende indimenticabile la visita nei luoghi di Heidi!

Svizzera - alpe dell'Ochsenberg prati e montagne

Cosa fare ad Heidiland con i bambini in estate: il lago di Walen

Il lago di Walen, anche detto Walenstad o Walensee a seconda della lingua, è uno dei più grandi laghi della Svizzera e si trova nella parte occidentale della regione di Heidiland.

Ci siamo affezionati a questo splendido specchio d’acqua appena lo abbiamo visto, un paradiso in estate per le famiglie con bambini!

Il lago di Walen, dalle acque cristalline e balneabili, regala temperature mediterranee e panorami mozzafiato.

Cosa fare ad Heidiland con i bambini: terme di Bad Ragaz

Per le famiglie con bambini dai 3 anni

Dopo le esperienze in montagna che vi abbiamo consigliato potrebbe essere piacevole una pausa relax alle Tamina Therme.

L’ottima e rinomata spa termale si trova a Bad Ragaz, a meno di 3 km dal villaggio di Heidi a Maienfeld.

La moderna struttura vanta 7.300 metri quadrati di calde piscine interne ed esterne, sauna, solarium, zona relax e un’infinità di servizi con diversi percorsi wellness.

Un’ottima scusa per regalarsi un massaggio e momenti di relax nella terra di Heidi.

Dormire nell’Heidiland con i bambini

La regione offre un’infinità di strutture ricettive caratteristiche in legno, dalle più economiche con bagno in comune alle più lussuose che offrono pensione completa, servizi per famiglie e spa.

La Svizzera non è molto economica, lo sappiamo. Le occasioni per risparmiare però esistono, soprattutto in estate, scegliendo i campeggi e i b&b familiari, lontano dalle località famose di Maienfeld, Bad Ragaz e Coira, stupende ma più costose.

Da quando abbiamo il nostro tatino apprezziamo sempre di più gli appartamenti. Una buona offerta su booking, scovata con un po’ di fortuna all’ultimo momento, ci ha fatto risparmiare notevolmente sulle colazioni e sui pasti.

Se ti è piaciuto l’articolo clicca mi piace e condividilo!

 

rimborso 10% booking.com25€ in crediti di viaggio

La casa di Heidi, ecco dove si trova!

Svizzera - Maienfeld Heididorf casa di Heidi

A Maienfeld, in Svizzera, è possibile visitare la casa di Heidi

Chi di noi non ha mai sognato da bambino di essere tra quelle baite e quei prati fioriti, correndo spensierato con le caprette? Ebbene si, la casa di Heidi esiste davvero. Non avremmo mai pensato di poter entrare nella sua baita, ammirare i suoi vestiti e le sue scarpine, giocare con le caprette, correre su quei pascoli fioriti e ammirare lo spettacolo meraviglioso di quelle montagne. Tutto questo è possibile ad Heididorf, il villaggio di Heidi.

Svizzera - Maienfeld Heididorf cartello entrata

Fuggiamo dalle calde giornate che attanagliano la città per raggiungere le Alpi Svizzere, alla ricerca di paesaggi fioriti, animali in libertà, panorami, desiderosi di un posto in cui liberare la mente.

Svizzera - Maienfeld Heididorf villaggio Heidi

Il territorio elvetico ci sorprende e ci ammalia ogni volta di più. Dopo la nostra fuga in giornata al parco della Swissminiatur ci eravamo ripromessi di tornare ed ecco che questa volta ci aspetta la Casa di Heidi.

Heididorf, il villaggio di Heidi

L’Heididorf, l’unico autentico villaggio al Mondo in cui ammirare la casa di Heidi, si trova in Svizzera nel Cantone dei Grigioni, a poche ore di macchina dal confine con l’Italia.

Svizzera - Maienfeld Heididorf cartina

Situata sopra il piccolo villaggio alpino di Maienfeld, la casa di Heidi è facilmente raggiungibile in auto fino al parcheggio situato davanti all’Hotel Ristorante Heidihof.

Seguendo il sentiero sterrato ben indicato che parte davanti all’Hotel, in pochi minuti si raggiunge il villaggio di Heidi. Il tratto è brevissimo e ben battuto, tranquillamente percorribile con i passeggini.

Svizzera - Maienfeld Heididorf sentiero

Il famoso romanzo della scrittrice svizzera Johanna Spyri pubblicato nel 1880 e tradotto in più di 52 lingue non è dunque passato di moda. Complici i libri, la famosissima versione del cartone animato giapponese e recentemente il film, tutti noi abbiamo amato la dolce pastorella Heidi, affezionandoci alle sue storie e alle sue montagne.

«Dall’antico e ridente villaggio di Maienfeld, attraverso i prati verdi e ombreggiati, si snoda un sentiero che giunge ai piedi delle montagne e che, da questo lato, si affaccia sulla valle sottostante. A mano a mano che il sentiero sale, la vegetazione diventa più rigogliosa e lo scalatore inizia a sentire il profumo pungente dell’erba e delle robuste piante di montagna, che dalla strada si estendono fin sulle vette». Johanna Spyri

Cosa fare al villaggio di Heidi

In pochi minuti a piedi, come abbiamo detto, si raggiunge il villaggio di Heidi.

Svizzera - Maienfeld Heididorf sentiero

Qui si trova una fontana dalle fresche acque, uno shop in cui poter fare il biglietto d’entrata e acquistare i souvenir e l’ufficio postale più piccolo della Svizzera, in cui potrete spedire con lo speciale timbro del villaggio di Heidi.

Svizzera - Maienfeld Heididorf welcome

Come da tradizione non possono mancare le caprette. Proprio davanti allo shop è possibile vederle ed entrare nel recinto per accarezzarle. Il nostro tatino adora gli animali e le dolci caprette sono proprio ad altezza coccole. Non mancano anche le galline in libertà, altra passione del piccoletto.

Svizzera - Maienfeld Heididorf recinto caprette

Svizzera - Maienfeld Heididorf recinto caprette

Il biglietto d’ingresso comprende la Baita di Heidi, la Casa di Heidi originale e il Museo Johanna Spyri.

Svizzera - Maienfeld Heididorf indicazioni

Heidihaus, la Casa di Heidi

Iniziamo la visita con l’Heidihaus, la casa tradizionale alpina trasformata in un museo dedicato ad Heidi.

svizzera-maienfeld-heididorf

Svizzera - Maienfeld Heididorf casa di Heidi entrata

Nella Casa di Heidi, fedele ai dettagli del libro, si possono vedere gli oggetti dell’epoca.

Svizzera - Maienfeld Heididorf cameretta Heidi mobili

La cantina-dispensa, il tavolo apparecchiato, la stanza dove dormiva Heidi con le sue bambole, il suo lettino, i suoi vestiti e scarpine.

Svizzera - Maienfeld Heididorf cameretta Heidi

Svizzera - Maienfeld Heididorf scarpe di Heidi

Ci sono anche i protagonisti del romanzo: Heidi e Peter.

Svizzera - Maienfeld Heididorf casa di Heidi cucina

E poi i ritratti dell’autrice e la collezione di libri tradotti in tantissime lingue.

Svizzera - Maienfeld Heididorf libri di Heidi

Basta buttare l’occhio fuori da una delle finestre per isolarsi dal mondo.

E’ come tornare indietro nel tempo e fare un tuffo nelle estati di Heidi, assaporando la vita di montagna in Svizzera nel XIX secolo.

Svizzera - Maienfeld Heididorf casa del nonno di Heidi finestra

Mentre saliamo le scale in legno ci accompagna discretamente la sigla di Heidi, che ovviamente ci ha accompagnato in macchina per lunghi tratti durante il tragitto.

Usciamo dalla casa per ammirarla nella sua completezza e facciamo la foto di rito.

Svizzera - Maienfeld Heididorf casa di Heidi family

L’Heidihaus è inserita nel Grand Tour of Switzerland, che suggerisce ottimi itinerari da scoprire in Svizzera con i bambini.

Dopo esserci intrattenuti sui prati saliamo alla vicina Baita di Heidi.

Heidialp, la Baita di Heidi

Salendo il sentiero si arriva velocemente alla Baita di Heidi, un’esatta ricostruzione della famosa baita sull’Ochsenberg, che si raggiunge con un cammino un po’ più impegnativo. Anche i più piccoli e i portatori di disabilità possono così godere facilmente, e a breve distanza, di questa atmosfera fiabesca.

Svizzera - Maienfeld Heididorf casa del nonno di Heidi

Se avete con voi dei piccoli camminatori, se avete tempo e adorate i paesaggi alpini come noi, non avrete difficoltà a salire all’Heidialp originale.

Noi fermandoci in più tappe ci abbiamo impiegato due ore circa per arrivare alla meta, percorrendo un sentiero in salita, secondo noi non troppo impegnativo.

Il paesaggio da lassù vale la passeggiata.

Svizzera - alpe dell'Ochsenberg nonno Heidi

Questa è l’alpe dove Heidi passava le sue estati con il burbero nonno. Il camino, il tavolo in legno, gli utensili, il cibo sulla tavola, gli attrezzi della vita contadina sono lì ad attendervi.

Svizzera - Maienfeld Heididorf casa del nonno di Heidi cucina

Salendo nel sottotetto si trova il nonno con i suoi attrezzi, la panca, il letto di paglia.

Svizzera - Maienfeld Heididorf casa del nonno di Heidi postazione di lavoro

Svizzera - Maienfeld Heididorf casa del nonno di Heidi solaio

Le montagne e i pascoli sono proprio appena fuori dalle finestre. Non resistiamo e ci immortaliamo anche noi!

Svizzera - Maienfeld Heididorf casa del nonno di Heidi finestra

Appena fuori dalla casa il nostro tatino si diverte con la finta mucca imparando a mungerla.

Svizzera - Maienfeld Heididorf casa del nonno di Heidi mucca

Svizzera - Maienfeld Heididorf casa del nonno di Heidi mungitura

Ci concediamo del tempo per godere del paesaggio e del silenzio che si gode da quassù.

Svizzera - Maienfeld Heididorf villaggio Heidi

Al vostro ritorno verso il negozio fermatevi ancora a giocare nel recinto delle caprette e se non ne avete ancora approfittato fate un giro al museo Il mondo di Heidi di Johanna Spyri.

Svizzera - Maienfeld Heididorf casa di Heidi caprette

Informazioni utili sulla Casa di Heidi

VILLAGGIO E CASA DI HEIDI – Orari di apertura

Il villaggio originale di Heidi è aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 17:00 dal 15 marzo al 15 novembre, con possibilità di visite guidate.

Svizzera - Maienfeld Heididorf villaggio Heidi

Il biglietto cumulativo d’entrata comprende la Baita di Heidi, la Casa di Heidi l’originale e il Museo Johanna Spyri e si acquista al negozio di souvenir nel villaggio. I bambini dai 5 ai 14 anni hanno ingresso ridotto, mentre i bimbi fino a 4 anni entrano gratis.

Per tutte le informazioni sul villaggio rimandiamo al sito ufficiale.

VILLAGGIO E CASA DI HEIDI – Come arrivare

Dall’Italia siamo arrivati in auto passando da Lugano e proseguendo per Bellinzona Nord/San Bernardino/Coira (Chur). Uscita 13 Maienfeld. Ricordatevi la vignetta autostradale!

Una volta giunti avete due opzioni per arrivare alla casa di Heidi.

Se preferite camminare un po’ di più, l’Heididorf è raggiungibile da Maienfeld tramite il sentiero di Heidi (pedonale). Il punto di partenza è l’Heidi-shop ufficio informazioni turistiche in Bahnhofstrasse a Maienfeld. Il sentiero si snoda attraverso la storica cittadina.

Svizzera - Maienfeld case nel paese

Svizzera - Maienfeld case nel paese

Se preferite arrivare più facilmente, come abbiamo fatto noi, seguite le indicazioni ben segnate per l’Heididorf appena si arriva a Maienfeld e salite fino al ristorante Heididof.

Svizzera - Maienfeld Heididorf indicazioni stradali

Parcheggiate l’auto e proseguite a piedi per un brevissimo sentiero, percorribile anche con i passeggini, accanto al parcheggio.

Svizzera - Maienfeld Heididorf passeggino

VILLAGGIO E CASA DI HEIDI – Dove mangiare

Noi abbiamo pranzato al sacco godendo della splendida giornata e sostando sui prati fioriti che si trovano sul sentiero che porta all’Alpe di Heidi in quota. Una sosta con grandi corse con lo sfondo delle alpi svizzere.

Svizzera - Maienfeld Heididorf prati

Potete scegliere in alternativa in uno dei ristoranti in Maienfeld o preferire una sosta al ristorante Heididof, dove avrete parcheggiato l’auto.

Svizzera - Maienfeld Heididorf sentiero per la casa di Heidi

L’albergo/ristorante gode di una grande terrazza panoramica e di un parco giochi per i più piccoli.

Svizzera - Maienfeld Heididorf mini parco giochi

Potete trovare tutte le informazioni sul Mondo di Heidi sul sito ufficiale Il Villaggio di Heidi

 

 

post scritto in collaborazione con il Villaggio di Heidi

Swissminiatur, la Svizzera a misura di bambino

Esplorando i parchi della Svizzera: la Swissiminiatur con i bambini

Swissminiatur Melide - casa di Heidi

Visitare tutta la Svizzera in un’ora? Noi ci siamo riusciti alla Swissminiatur! A Melide, a poca distanza dal confine con l’Italia, sorge sulle sponde del lago Ceresio l’unico parco in miniatura della Svizzera. L’esposizione, all’aperto, si adagia su un’ampia zona verde, fiorita e curata, sorprende grandi e piccini con oltre un centinaio di modelli in scala dei più famosi edifici e monumenti svizzeri. Esplorare la Swissminiatur con i bambini è una scusa perfetta per una giornata o un week-end in Svizzera con i più piccoli.

Swissiminiatur con i bambini –  la nostra esperienza

Una splendida giornata di sole ci ha accolti due settimane fa in Canton Ticino, a Melide, sulle sponde del lago di Lugano.

Adoriamo esplorare questa zona della Svizzera di lingua italiana, non troppo lontana da casa e paesaggisticamente superlativa.

Abbiamo deciso di andare alla scoperta della Swissiminiatur l’unico parco in miniatura della Svizzera, che vede esposti oltre 120 modelli in scala 1:25 dei più famosi edifici, monumenti, cattedrali.

Swissminiatur Melide - la Svizzera in miniatura

Meno di due ore d’auto, in cui il nostro tatino se la dorme, e arriviamo a destinazione.

Lasciamo l’auto nel parcheggio comunale a pagamento proprio antistante il parco e scorgiamo già la mascotte Rudy sull’insegna della Swissminiatur che ci dà il benvenuto.

Swissminiatur - Melide

Il sole splende sui giardini curati e un’esplosione di fiori ci accoglie all’entrata.

Convogli che transitano sui ponti e nelle gallerie, battelli che navigano lungo i laghi, funicolari, montagne, monumenti, tutta la Svizzera è letteralmente ai nostri piedi.

Swissminiatur Melide - la Svizzera in miniatura

Iniziamo con l’esplorazione del parco seguendo le indicazioni e dirigendoci a sinistra.

Lasciamo il lago e suoi battelli e, seguendo i binari della ferrovia, ci immergiamo nei panorami alpini con le loro funicolari.

Swissminiatur Melide - casa di Heidi

La perfezione dei particolari delle riproduzioni in scala sembra fondere il parco con il paesaggio circostante.

Le verdi montagne sullo sfondo, tra cui il Monte San Giorgio recentemente dichiarato Patrimonio Naturale dell’Umanità dall’UNESCO, ne fanno un contorno unico, un trionfo di colori.

Swissminiatur Melide - la Svizzera in miniatura

Troviamo non solo castelli, borghi, municipi e cattedrali, ma anche automobiline e battelli che navigano su laghetti popolati da pesci.

Fattorie, case, castelli, cattedrali arricchiscono il villaggio in miniatura rendendolo davvero molto realistico.

All’interno del parco sono esposti in scala 1:25 oltre 120 modelli  tra i più famosi edifici e castelli svizzeri.

Swissminiatur Melide - Piazza Kolin di Zugo

Piazza Kolin di Zugo

La Cattedrale e il Castello di Burgdorf a Berna, la  Fattoria Zurighese, la Cattedrale St Nicolas  e il  Castello di Gruyères a Friborgo e ancora le abitazioni tipiche dell’Oberland Bernese sono solo alcuni degli splendidi modelli del villaggio.

Swissminiatur Melide - porta di Basilea

Porta di Basilea

Swissminiatur Melide - Palazzo Federale

Palazzo Federale

Swissminiatur Melide - cattedrale di Berna

Cattedrale di Berna

Non mancano locande, masserie ticinesi, teleferiche, torri e naturalmente l’aeroporto di Zurigo.

Swissminiatur Melide - aeroporto di Zurigo in miniatura

Le riproduzioni ritraggono fedelmente gli originali e sono delle vere e proprie opere d’arte.

Swissminiatur Melide - la Svizzera in miniatura

Attraversando questi spazi in miniatura persino il nostro piccolo tatino sembra essere un gigante!

Swissminiatur Melide - cattedrale di St Nicolas di Friborgo

Cattedrale di St Nicolas di Friborgo

Il parco si estende su una superficie di 14.000 mq sulla quale si snoda una rete di 3.560 m di ferrovie in miniatura. Si possono vedere 18 treni attraversare punti e entrare in gallerie, funicolari salgono e scendono dalla montagne.

Swissminiatur Melide - modellino treno

L’intera area è ornata da 1.500 piante che la rendono ancora più piacevole e colorata.

Swissminiatur Melide - la Svizzera in miniatura

Facciamo una sosta sotto il gazebo denominato il “Grottino” per una veloce merenda e facciamo amicizia con gli uccellini che fanno la corte al nostro piccolino per qualche briciolina.

Swissminiatur Melide - grottino

Il nostro piccolino ci segue incuriosito da una miniatura dopo l’altra, un ponte, un laghetto. Per i bimbi più grandi il parco può essere un modo originale, pratico e divertente per avvicinarli alla geografia.

Swissminiatur con i bambini – i servizi

All’interno del parco tematico si trova un ristorante self service con varie proposte: dalla cucina locale, all’indiana e alla cinese.

Noi ci siamo fermati in uno dei tanti tavolini all’aperto del bar, per una pausa gelato, un momento di relax all’ombra prima di dirigerci verso i giochi per bambini.

Sul posto si trovano infatti un piccolo parco giochi e una piccola piscina dove si può navigare su mini gommoni.

Swissminiatur Melide - giochi per bimbi

I giochi sono a pagamento, potete cambiare i franchi alla comoda macchinetta o chiedere al parco di cambiare la moneta.

Non potete lasciare l’area però senza aver prima fatto un giro sul Trenino Express, che fa tutto il giro del villaggio su piccoli vagoncini a misura di bambino. I genitori possono salire tranquillamente anche loro in carrozza.

Swissminiatur Melide - Swissminiatur express

Il parco è totalmente accessibile con i passeggini e potrete visitarlo con i vostri amici a quattro zampe, naturalmente al guinzaglio.

Non mancano poi un negozio di souvenir e la copertura wifi gratuita in tutto il parco.

Orari e costi della Swissminiatur

Il parco è aperto tutti i giorni dalle 09.00 alle 18.00, da marzo a inizio novembre.

L’entrata per i bimbi fino a 5 anni è gratis. Il prezzo per adulto parte dai 17 franchi (solo se acquistato sul sito). Non mancano tariffe per famiglie con bambini dai 6 ai 15 anni, tariffe nonni e nipoti e sconti per studenti.

Potete verificare i prezzi e  le offerte combinate  sul sito.

Come arrivare alla Swissminiatur

Il Parco Swissminiatur si trova a Melide, sulle rive del lago Ceresio, nel settore meridionale del Canton Ticino.

Si trova a soli 6 km da Lugano ed è facilmente raggiungibile sia da nord che da sud grazie all’autostrada e alla ferrovia.

Noi l’abbiamo raggiunto in auto dal Piemonte (2 ore) passando da Varese. Si può in alternativa seguire l’autostrada A2 Direzione Chiasso-Bissone e poi uscire a Melide.

Non dimenticatevi di acquistare la vignetta autostradale da apporre sul parabrezza della vostra auto.

vignetta autostrade Svizzera

Il contrassegno è obbligatorio e serve per poter circolare su tutte le autostrade e semiautostrade del territorio svizzero, ha un costo di 40 franchi.

Può essere acquistato in Italia presso le stazioni di servizio, uffici postali, uffici cantonali, oppure alla frontiera presso gli uffici doganali. Direttamente in Svizzera negli gli uffici postali e nelle stazioni di servizio.

Noi lo abbiamo acquistato l’anno scorso a dicembre, quando siamo passati attraverso la Svizzera per il nostro viaggio in Alsazia.

La vignetta sarà valida per 14 mesi, fino al 31 gennaio. Un’ottima scusa per tornare nella splendida Svizzera!

 

 

 

post in collaborazione con Swissminiatur

Dove dormire a Matera, eleganza e comfort nel cuore della città dei Sassi

Residence Nazionale Matera – nel cuore di Matera una sistemazione perfetta per le famiglie con bambini

Matera sasso Barisano

Matera, una città irresistibile che resta nel cuore, la designata Capitale Europea della Cultura 2019 ha un fascino senza tempo che non si dimentica facilmente. Ecco un nostro suggerimento su dove dormire a Matera con i bambini, un luogo che fonde l’eleganza di un residence con il comfort di casa.

Matera è la prima deviazione del nostro viaggio di maggio in Puglia, un tuffo nella splendida città dei Sassi, i cui ricordi rimarranno per sempre impressi dentro di noi.

Sassi di Matera the family

Arrivati stanchi e accaldati dall’aeroporto di Brindisi con il nostro tatino di due anni e mezzo, dopo due ore di macchina, ci attende l’elegante Residence Nazionale Matera.

Spesso tutto ciò di cui abbiamo bisogno dopo un viaggio, magari con i bimbi stanchi del viaggio in aereo e stufi delle ore macchina, è un luogo dove potersi riposare, sistemare i bagagli e riordinare le idee. Ciò che desideriamo in quei momenti è una persona gentile che ci accolga e capisca subito le nostre esigenze e quella dei nostri piccoli.

Un dolcissimo viso sorridente è il nostro benvenuto a Matera, non potremmo chiedere di meglio. Un velocissimo check-in e subito siamo in stanza.

Siamo ospiti nella Residenza “Lumiere”, un ampio appartamento di circa 60 mq che può ospitare 2 adulti, 2 ragazzi e un bambino.

Luminoso e centrale, un luogo perfetto dove riposare dopo le giornate meravigliose in giro per Matera.

Sassi di Matera piazzetta Pascoli

Dove dormire a Matera – Residence Nazionale Matera tra l’eleganza di un residence e il comfort di casa

Chi viaggia con bambini piccoli sa quanto sia importante avere un punto d’appoggio che non faccia rimpiangere i comfort di casa e non potremmo essere più felici della nostra scelta.

Situato nella zona più gettonata della città, nel pieno centro storico, il Residence Nazionale Matera si trova a 600 metri dalla Cattedrale e a soli 200 metri dai Sassi di Matera, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

L’appartamento è completo di una moderna cucina completa di accessori, camera da letto matrimoniale, divano letto matrimoniale, poltrona e un bagno spendidamente attrezzato.

Residence Nazionale Matera
Frigorifero con acqua e succhi di cortesia, microonde, bollitore, macchina del caffè e degli snack pronti per il nostro piccolo tatino. Insomma come essere a casa!

Gli spazi sono ampi e il nostro piccolino esplora con curiosità tutto l’appartamento, in cui ogni dettaglio è curato con stile e modernità.

Residence Nazionale Matera

Quando siamo lontani da casa apprezziamo molto questo tipo di sistemazioni che ci permettono, non avendo restrizioni di orario, di adeguare le esigenze del nostro bimbo in base ai suoi ritmi.

La comodità di rientrare in appartamento e scegliere di cenare o deliziarci con una colazione nell’intimità della nostra famiglia, rigorosamente in pigiama.

Residence Nazionale Matera cucina

Pulizia impeccabile, struttura nuova e in una posizione strategica per la visita di Matera, a soli due passi a piedi dal Centro Storico.

Matera chiesa di San Francesco d'Assisi

Il Residence Nazionale Matera è infatti un complesso di 5 silenziosi appartamenti situato in Piazza Mulino. Una zona centrale ma tranquilla, a pochi passi da negozi eleganti, bar, supermercati, farmacia, splendide panetterie e pasticcerie.

Residence Nazionale Matera camera da letto

Letti morbidi, stanze profumate e un’accoglienza col sorriso che ti fa sentire subito a casa. Sono questi i valori aggiunti di questo Residence che non dimenticheremo facilmente e in cui non vediamo l’ora di ritornare.

Per maggiori info sul Resort
http://www.residenzenazionalematera.it/

 

Potrebbe anche interessarti cosa abbiamo fatto a Matera
Matera con bambini, il divertimento è in Ape Tour!

Matera con bambini, il divertimento è in Ape Tour!

Tutti a bordo dell’Ape Calessino Tour, il modo più divertente per visitare Matera con i bambini

Matera ape calessino tour con bambini

Chiese rupestri e case scavate nella roccia calcarea, un intreccio di scalinate, vicoli bianchi e color miele, Matera gode di una bellezza e di un fascino unico al Mondo.  Superba e pittoresca per mamma e papà, può essere piacevole da scoprire anche per i più piccoli. Ecco quindi un’idea divertente per visitare Matera con bambini.

Matera regina italiana delle città d’arte

Con un boom di presenze in continua crescita e un fascino senza tempo, è Matera la regina delle città d’arte italiane.

Sassi di Matera vista sasso Barisano

Meta di milioni di turisti che si lasciano incantare dai suoi splendidi rioni in tufo, dai suoi magnifici sassi, questo gioiello italiano accrescerà presto la sua fama internazionale grazie alla nomina di Capitale Europea della Cultura 2019.

Durante il nostro ultimo viaggio in Puglia abbiamo così deciso di fare un tuffo in Basilicata e non perderci la meravigliosa Città dei Sassi Patrimonio Mondiale UNESCO, trovando un simpatico modo per coinvolgere anche il nostro piccolo viaggiatore!

Sassi di Matera con bambini

Matera con bambini: scopriamola in Ape!

Il nostro Tatino ha due anni e mezzo ed è in un’età in cui è doveroso intrattenerlo e divertirlo, se si vuole vivere una vacanza serena per tutti.

Solitamente nei nostri viaggi con il nostro bimbo, lo abbiamo sempre fatto, costruiamo un itinerario che poi modifichiamo con molta elasticità a seconda delle sue esigenze e dei suoi ritmi, che sono in continuo mutamento.

Sassi di Matera the family

A Matera ci sono visite guidate adatte alle famiglie, noi ci siamo innamorati di una tra tutte: l’Ape Calessino Tour!

Decidiamo di fissare il tour per il nostro arrivo, in modo da poter avere una panoramica del posto, per poi ritornare con calma nei luoghi che ci hanno colpito di più.

Sassi di Matera vicoli e gradini

Il giro in Ape dura circa 45 minuti ed è il tempo ideale per andare alla scoperta dei Sassi e non stufare troppo il nostro piccolo.

Antonio con la sua Ape Piaggio ci dà appuntamento in Piazza Vittorio, nel Centro Storico, per iniziare la visita di Matera e dei Sassi.

Sassi di Matera sovrapporsi di case

Nato e vissuto da sempre tra i rioni Sassi, Antonio è un materano di quelli veri, una persona che ama e investe nella sua città. Traspare dai suoi gesti, dalle sue parole. La sua passione non passa certo inosservata, innamorato e fiero (come dargli torto?) della sua Matera. Una persona davvero piacevole e coinvolgente.

Matera ape calessino tour

“Ape!” urla Tatino appena arrivati in piazza. Ancora entusiasta dell’esperienza sul cocotaxi dell’Avana, non vede l’ora di salire a bordo della mitica Piaggio e di “sfrecciare”, si fa per dire, tra i vicoli della città.

Sassi di Matera sovrapporsi di case vicoli e gradini

Case e vicoli di Matera

Matera con bambini: Ape Calessino Tour Sassi di Matera

L’itinerario del Tour si snoda attraverso il Centro Storico di Matera e i Sassi: Barisano e Caveoso. Tra scorci unici e viste che tolgono il fiato.

Sassi di Matera vista sasso Barisano

Sassi di Matera vista sasso Barisano

Visitiamo i punti panoramici più belli della città, in cui possiamo scendere per fotografare il paesaggio, e in cui ritorneremo dopo, al tramonto, quando il nostro Tatino finalmente si sarà addormentato.

Matera di notte illuminata

Matera di notte illuminata

Via Ridola, la Chiesa di Santa Chiara, Piazza San Francesco, Via del Corso, Piazza Duomo nel rione Civita, il più antico della città, proseguiamo il Tour verso l’ingresso dei Sassi.

Sassi di Matera Chiesa di San Pietro Caveoso

Matera Chiesa di San Pietro Caveoso

Sassi di Matera sovrapporsi di case

Sassi di Matera sovrapporsi di case

Attraverso la discesa panoramica di Via D’Addozio raggiungiamo il Sasso Barisano per ammirarne il panorama unico presso la Chiesa di Sant’Agostino.

Alla seconda sosta Antonio stupisce il nostro piccolino togliendo la capote all’Ape ed è tutto un “wow”, siamo sinceri anche per noi!

Matera cattedrale di Santa Maria

Matera cattedrale di Santa Maria

Arriviamo poi a Porta Pistola, dove si apre il panorama del Parco della Murgia Materana, definito “paesaggio culturale” dall’Unesco. Attraversato dal torrente Gravina e disseminato di caverne preistoriche è una splendida testimonianza della presenza dell’uomo dal Paleolitico al Neolitico. Se avete tempo, a noi purtroppo è mancato, si può visitare raggiungendolo in macchina.

Matera le gravine del parco della Murgia

Matera le gravine del parco della Murgia

Per nostra comodità, il tour termina in Piazza Pascoli, da cui proseguiamo per il centro, in cerca del posto suggeritoci per la cena. Una fortuna avere un “autista” così preparato e simpatico che ci racconta storie e aneddoti e risponde con piacere alle nostre domande.

Sassi di Matera piazzetta Pascoli

Matera piazzetta Pascoli

A Matera abbiamo trovato tutte persone gentili e sorridenti e Antonio non fa certo eccezione. Sempre disponibile a scattare una foto, a fermarsi, a raccontare, a renderci partecipi, come fossimo vecchi amici tornati a trovarlo.

Matera con bambini: altri modi per scoprirla

Quello in Ape è il modo più immediato e rilassante per coinvolgere i vostri piccolini, anche con passeggino al seguito. Tutti a bordo e via!

Se riuscite ad abbandonare però le quattro ruote e quindi munirvi di fasce, marsupi o dare fiducia, come abbiamo fatto noi, ai piedini dei vostri bimbi, ci sono altri modi per scoprire Matera, questa volta a piedi.

Sassi di Matera con bambini

Ci siamo affidati a Informazioni Turistiche Matera – Martulli Viaggi per immergerci nella storia della città e dei Rioni pietrosi con un Tour a piedi nel Sasso Caveoso.

Matera chiesa di San Francesco d'Assisi tour guidato

Accompagnati da una guida autorizzata dalla Regione Basilicata, siamo andati alla scoperta dell’elegante centro storico, rimanendo incantati davanti al panorama del territorio della Murgia Materana.

Matera parco della Murgia

Abbiamo proseguito poi con la visita alla Casa Grotta tipicamente arredata e un Laboratorio Artigianale.

Matera sasso Caveoso interno della casa Grotta

Il giro si è concluso con una degustazione finale di prodotti tipici, tra cui il famosissimo pane di Matera.

Sassi di Matera pane tipico

Il tour dura all’incirca due ore. I bambini più grandi saranno ovviamente più coinvolti nelle visite guidate ma, scegliendo il modo e l’orario giusto, anche con i più piccoli sarà una piacevole esperienza.

Sassi di Matera piazzetta Pascoli palazzo Lanfranchi

Matera con bambini: dove dormire

Chi viaggia con bambini piccoli sa quanto sia importante avere un punto d’appoggio che non faccia rimpiangere i comfort di casa. 

Situato nella zona più gettonata della città, nel pieno centro storico, il Residence Nazionale Matera si trova a 600 metri dalla Cattedrale e a soli 200 metri dai Sassi di Matera, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Abbiamo soggiornato in uno dei meravigliosi appartamenti, molto ampi e luminosi, attrezzati con angolo cottura. Pulizia impeccabile, struttura nuova e in una posizione strategica per la visita di Matera.

Letti morbidi, stanze profumate e un’accoglienza col sorriso che ti fa sentire subito a casa. Stupendo!

Puoi leggere la nostra esperienza QUI.

Matera nel cuore

Chiunque veda Matera non può non restarne colpito, tanto è espressiva e toccante la sua dolente bellezza

Carlo Levi

Matera di notte illuminata

Matera, unica nel suo genere, ci ha suscitato sensazioni contrastanti, un luogo dove il tempo sembra essersi fermato.

Lo stupore per la bellezza del luogo, le cui foto non rendono giustizia, si è mescolato presto alla sensazione di appartenere a quel luogo, di conoscerlo già.

La straordinaria accoglienza dei suoi abitanti, l’armonia tra il passato e il presente, il suo fascino incastonato nei rioni, Matera è un posto magico.

La città dei Sassi ci ha divertiti, ha saputo affascinarci e soprattutto accoglierci.

PUO’ INTERESSARTI ANCHE
Dove dormire a Matera, eleganza e comfort nella Città dei Sassi

 

IL NOSTRO VIAGGIO E’ CONTINUATO IN PUGLIA
La vacanza antistress in Salento con bambini: Vivosa Apulia Resort

 

 

Peppa Pig Land, la nuova attrazione di Gardaland

Nuove avventure per i più piccoli a Peppa Pig Land a Gardaland

Gardaland Peppa pig land entrata
Peppa Pig Land è la novità 2018 di Gardaland dedicata ai bambini più piccoli. L’isola dei pirati, la casa di Peppa Pig, il trenino di nonno Pig e un abbraccio con George e Peppa sono momenti che il nostro piccolo fan di due anni non poteva certo perdersi. Così abbiamo accettato con gioia l’invito a visitare la novità del 2018 di Gardaland Park.

Mentre pianifichiamo la nostra visita a uno dei parchi di divertimenti più famosi d’Italia pensiamo che è la prima volta in un parco tematico per il nostro bimbo. A pensarci bene è anche la nostra prima visita a Gardaland, incredibile vero? Un parco tanto sognato da bambini, tanto rimandato e ora finalmente si parte per esplorare la nuova area novità del 2018, Peppa Pig Land a Gardaland!

Appena varcato l’ingresso, l’atmosfera festosa di Gardaland ci travolge. I bambini che saltellano lungo il tunnel luminoso, i giardini fioriti, la mitica scritta davanti alla fontana dove fare la coda per una foto, la fontana con Prezzemolo che svetta scintillante e sembra accoglierti e dirti che tutto è pronto, al divertimento manchi solo tu!

Gardaland Peppa pig land giochi per bimbi

Parco giochi di Peppa Pig Land

Quella musichetta che ti accompagna all’ingresso mette subito il buonumore.
La voglia, cartina alla mano, di iniziare a esplorare il parco aumenta!

Peppa Pig Land a Gardaland, nuova area tematica

Poteva mancare la beniamina dei bambini più famosa tra le attrazioni di Gardaland? Certo che no e così a marzo è stato inaugurato un nuovo spazio di gioco tutto interamente dedicato ai più piccoli. La nuova area tematica è tutta ispirata alla simpatica maialina protagonista dei cartoni animati.

Gardaland Peppa Pig Land

Gardaland Peppa Pig Land dalla mongolfiera

L’area si trova sulla sinistra appena superati i cancelli, ed è inconfondibile. Colori pastello, piccoli visitatori sotto al metro e la caratteristica musichetta del cartone animato.

Le attrazioni sono tutte adatte ai bambini piccoli e sono molto tranquille, non ci sono limiti di altezza o età.

L’ingresso all’area è compreso nel biglietto e potrete tranquillamente parcheggiare ordinatamente i vostri passeggini davanti alle attrazioni.

Peppa Pig Land a Gardaland, le attrazioni

Si comincia con la casa gialla di Peppa Pig in cui i bimbi possono fare una semplice caccia al tesoro cercando le fragole e i pancakes.

Gardaland Peppa pig land casa

La Casa di Peppa Pig

All’uscita George e Peppa aspettano sul prato fiorito i bimbi e la famiglie per la foto di rito, quando Matteo ha visto i due pupazzi gli si è illuminato il viso e con la sua vocina, ha gridato: “guadda mamma, guadda papà ci sono Peppa e Giooge!!”. (le foto sono a pagamento, non proprio economiche a dire il vero).

Gardaland Peppa pig land Peppa e George

Peppa e George pronti per le foto!

Le attrazioni proseguono con la mongolfiera di Peppa Pig per volare tra le nuvole, la si vede anche a distanza, ed è quella che ha divertito di più il nostro piccolino.

Gardaland Peppa pig land mongolfiera

La mongolfiera di Peppa Pig

Nel piccolo parco giochi troverete una casetta con lo scivolo, un tunnel nella collinetta e qualche “muddy puddles”, le famose pozzanghere di fango: tranquilli non ci si sporca!

Il trenino di nonno Pig ci aspetta con un bell’ingresso lungo una staccionata in legno bianco e in poco tempo tocca a noi salire sui vagoncini, girare intorno al castello ventoso e salutare nonna pig.

Gardaland Peppa pig land trenino nonno pig

Il trenino di Nonno Pig

Un’altra divertente attrazione è l’Isola dei pirati dove si sale a bordo di piccoli e colorati vascelli rivivendo le avventure preferite del piccolo George. L’avventura è molto soft e adatta ai piccolini, non ci si bagna state tranquilli.

Gardaland Peppa pig land isola dei pirati

L’isola dei pirati

Gardaland Peppa pig land barca isola dei pirati

Il nostro pirata in azione

All’interno dell’area non mancano i bagni, contrassegnati simpaticamente dai cartelli “bimbi” e “bimbe”.

Prima di lasciare l’area si può fare un giro nel negozio del Signor Volpe per acquistare un ricordo del Parco. Il nostro piccolo ha scelto il pelouche di George con le sue pozzanghere di fango che non ha ancora smesso di stringere.

Le altre attrazioni per i più piccoli a Gardaland

Peppa Pig Land arricchisce l’area Fantasy dedicata ai piccoli sognatori che comprende già Fantasy Kingdom, Prezzemolo Land, Prezzemolo Magic Village e Kung Fu Panda Academy.

Gardaland casa albero di Prezzemolo

L’Albero di Prezzemolo

Sulla cartina si può tranquillamente verificare se le attrazioni prevedono limiti di altezza (il limite parte da 1 metro) oppure se il bimbo deve essere accompagnato da un genitore.

Matteo ha due anni e mezzo, non è altissimo, ma le attrazioni sono tante e oltre all’area di Peppa Pig ci siamo divertiti con il Transgardaland Express, l’Albero di Prezzemolo, il Doremifarm, il Baby Pilota, il Baby Corsaro, il Funny Express, la Giostra dei cavalli, il Super Babyla monorotaia.

Gardaland i corsari avventura

I vascelli nell’area dei Corsari

Le attrazioni per i bimbi, della zona fantasy, sono in tutto 20.

Noi abbiamo provato anche l’avventura dei Corsari, rinnovata quest’anno, da fare solo se i piccoli capitani sono coraggiosi!

Informazioni utili su Peppa Pig Land

Il Parco di divertimenti di Gardaland resterà aperto fino al 4 novembre con orari più ridotti in settimana rispetto al week-end, che si ampliano con la stagione estiva.

Per raggiungere il parco in macchina seguite le uscite e le direzioni per Peschiera del Garda. Lasciate l’auto nel parcheggio antistante il Parco e l’Acqualife al costo di 5 euro a veicolo.

E’ possibile acquistare biglietti combinati per l’ingresso Gardaland Park e Gardaland SEA LIFE Aquarium ad un prezzo conveniente, abbonamenti e ingressi comulativi per le famiglie.

All’interno del Parco ci sono molti ristoranti a tema, pizzerie, fast food e bar oppure se preferite, portatevi l’occorrente per un pic nic nelle apposite aree. Non mancano zone relax, depositi custoditi, bancomat e bagni con nursery.

Al Gardaland Park si possono noleggiare passeggini e l’accesso è libero anche ai nostri amici quattro zampe.

Sul Sito Ufficiale trovate tutte le informazioni.

Le nostre conclusioni su Peppa Pig Land a Gardaland

Abbiamo visitato il parco in settimana, il che ci ha permesso di fare al massimo pochi minuti in coda per ogni attrazione. Vi consigliamo anche di uscire almeno 10 minuti prima della chiusura del parco per evitare le code nel parcheggio.

Gardaland entrata parco peppa pig land

La giornata è passata davvero molto in fretta saltando da un’attrazione all’altra. Ci siamo divertiti moltissimo, tutti e tre!

Il nostro piccolo fan di Peppa Pig si ricorderà ancora per molto tempo l’abbraccio con la sua beniamina della tv e vederlo giocare immerso in quel mondo fantastico, ispirato al suo cartone animato preferito è stato bellissimo.

La nuova area di Peppa Pig Land è a misura di bimbi, molto curata e divertente.

Trascorrere dei momenti piacevoli a Gardaland è stato davvero molto semplice!
Una gita che offre la possibilità a tutta la famiglia di vivere una bella giornata all’aria aperta.

A questo punto non ci resta che augurarvi buon divertimento a Peppa Pig Land a Gardaland!

post in collaborazione con Gardaland