Family blog di viaggi con bambini, dedicato alle famiglie globetrotter che amano viaggiare con i bambini – Tre cuori e una valigia

Articoli

Volare con Qatar Airways con i bambini: la bellezza del viaggio comincia a bordo

Qatar Airways Aeroporto Doha

Viaggiare in aereo con i bambini è sempre più piacevole e divertente grazie alla compagnia aerea Qatar Airways. Canali interattivi, kit educativi, menù dedicati, più spazio per muoversi e giocare, cabine sempre più silenziose per facilitare la nanna, sono solo alcuni tra i servizi che aumentano il comfort di viaggiare in aereo con i più piccoli. Grazie alla campagna Oryx Kids Club, riservata alle famiglie che viaggiano con bambini fino a 12 anni non compiuti, l’esperienza a bordo non è mai stata così comoda, interattiva e piacevole. Volare con Qatar Airways con i bambini vuol dire apprezzare la bellezza di un viaggio già dai primi istanti.

Volare con Qatar Airways con i bambini, la nostra esperienza

La Qatar Airways è una delle compagnie aeree più giovani e più premiate, con uno standard qualitativo che le è valsa per la quarta volta, tra i numerosi riconoscimenti, la nomina a migliore compagnia aerea al Mondo ai Word Airlines Awards.

Qatar Airways Aeroporto Doha

La sua flotta di nuovissimi aeromobili, che include anche i nuovi Boeing 787 e gli Airbus A350 e A380, sorvola i sei continenti collegando ogni giorno ben 150 destinazioni in tutto il Mondo. Dall’Italia partono quotidianamente voli da Roma, Venezia, Pisa e Milano e hanno come scalo o destinazione l’hub di Doha.

Abbiamo avuto l’occasione di prendere un volo, in partenza da Malpensa e diretto negli Emirati Arabi, con il nostro bimbo quando era ancora nel pancione. Un viaggio che ci avrebbe portato alla scoperta di Dubai, Abu Dhabi e poi on the road verso il Musandam.

Avevamo quindi sperimentato e apprezzato ancor di più, in quella particolare circostanza, gli alti standard della compagnia aerea. Avevamo potuto scegliere i posti con maggiore spazio per le gambe, vicino al bagno e al corridoio, con la possibilità di richiedere un poggia gambe per volare più comodi. “Tu e il tuo bambino siete nostra priorità” recitava il sito nella sezione dedicata.
Piccoli ma importanti accorgimenti che ci avevano già anticipato quanto la compagnia aerea fosse all’avanguardia.

Secondo la nostra esperienza è davvero una delle migliori compagnie aree con cui abbiamo volato. Non vediamo l’ora di risalire a bordo di Qatar Airways,
questa volta però con il nostro piccolo viaggiatore!

Volare con Qatar Airways con i bambini, il programma Oryx Kids Club

Oryx Kids Club è il nome della campagna rivolta alle famiglie con bambini fino a 12 anni non compiuti, che catapulta i giovani viaggiatori in un mondo di fantasia, grazie a servizi e facilitazioni tutti dedicati a loro, sia a bordo che in aeroporto a Doha.

Qatar Airways Orix Kids Club

La Qatar Airways impiega un sistema di intrattenimento on-bord Oryx One che prevede oltre 3000 film, programmi tv, giochi interattivi, una vasta scelta tra videogiochi e programmi educativi.

Con il suo programma Oryx Kids Club regala a tutti i viaggiatori più giovani un’esperienza di viaggio incredibile, mettendo a loro disposizione giocattoli di peluche e  speciali box pranzo che hanno per protagonisti i loro eroi preferiti.

Qatar Airways Orix Kids Club

Oryx Kids Club – Kit educativi di intrattenimento a bordo

Mr. Potato e i simpatici personaggi Hasbro saranno pronti a intrattenere i bambini. I kit educativi per i più piccoli includono pastelli, un libro attività, pagine da colorare e adesivi da attaccare e staccare.

Qatar Airways Orix Kids Club

Il sistema di intrattenimento a bordo prevede poi un’ampia scelta di film appena usciti, canali dedicati come Cartoon Network e Disney, per ritrovare i propri cartoni preferiti.

I più piccoli apprezzeranno anche la Baby Tv, il canale dedicato a loro.

Qatar Airways Orix Kids Club

Oryx Kids Club – a pranzo un cestino di sorprese

Freschezza e qualità contraddistinguono naturalmente anche i menù dei più piccoli.

I bambini riceveranno per il pranzo un cestino tutto per loro, con alimenti freschi, succo di frutta e dolcetti, all’interno non mancherà anche una sorpresa.

Ogni cestino contiene infatti alcuni giochi e personaggi Hasbro, rendendo il pranzo più colorato e divertente!

Qatar Airways Orix Kids Club

Oryx Kids Club – servizi per i neonati

Qatar Airways mette a disposizione per i neonati (che non superano gli 11 kg) delle culle specifiche, che permettono un maggior comfort e più sicurezza a bordo.

Le cabine sono più silenziose per regalare un’atmosfera ovattata e favorire la nanna dei piccoli. I neonati riceveranno un dolce pelouche della buonanotte di mr. Potato e una mascherina interattiva per gli occhi che stimola le abitudini del sonno.

Non manca poi un tenero e colorato libro in tessuto da tenere stretto nelle manine.

Qatar Airways Orix Kids Club

Programma per le famiglie Privilege Club

L’iscrizione al Privilege Club di Qatar Airways prevede di accumulare Qmiles ancora più facilmente grazie a tutta la famiglia.

I bambini, di età compresa tra i 2 e gli 11 anni, potranno iscriversi al programma per raggiungere i premi più velocemente.

Sul sito web Privilege Club, nella sezione dedicata, il titolare dell’account potrà indicare fino a nove familiari, ciascuno dei quali riceverà un tessera personale, e insieme si potrà iniziare a guadagnare ogni volta che si sceglierà di volare con Qatar Airways o una delle compagnie aeree partners.

L’iscrizione al programma per famiglie Oryk Kids permetterà, sia ai genitori che ai più piccoli, grandi vantaggi per i premi e i servizi offerti.

E voi siete pronti a vivere l’esperienza di un volo sereno con i vostri bambini grazie a Qatar Arways?

Qatar Airways Orix Kids Club

[sponsored post]

Dove dormire a Matera, eleganza e comfort nel cuore della città dei Sassi

Residence Nazionale Matera – nel cuore di Matera una sistemazione perfetta per le famiglie con bambini

Matera sasso Barisano

Matera, una città irresistibile che resta nel cuore, la designata Capitale Europea della Cultura 2019 ha un fascino senza tempo che non si dimentica facilmente. Ecco un nostro suggerimento su dove dormire a Matera con i bambini, un luogo che fonde l’eleganza di un residence con il comfort di casa.

Matera è la prima deviazione del nostro viaggio di maggio in Puglia, un tuffo nella splendida città dei Sassi, i cui ricordi rimarranno per sempre impressi dentro di noi.

Sassi di Matera the family

Arrivati stanchi e accaldati dall’aeroporto di Brindisi con il nostro tatino di due anni e mezzo, dopo due ore di macchina, ci attende l’elegante Residence Nazionale Matera.

Spesso tutto ciò di cui abbiamo bisogno dopo un viaggio, magari con i bimbi stanchi del viaggio in aereo e stufi delle ore macchina, è un luogo dove potersi riposare, sistemare i bagagli e riordinare le idee. Ciò che desideriamo in quei momenti è una persona gentile che ci accolga e capisca subito le nostre esigenze e quella dei nostri piccoli.

Un dolcissimo viso sorridente è il nostro benvenuto a Matera, non potremmo chiedere di meglio. Un velocissimo check-in e subito siamo in stanza.

Siamo ospiti nella Residenza “Lumiere”, un ampio appartamento di circa 60 mq che può ospitare 2 adulti, 2 ragazzi e un bambino.

Luminoso e centrale, un luogo perfetto dove riposare dopo le giornate meravigliose in giro per Matera.

Sassi di Matera piazzetta Pascoli

Dove dormire a Matera – Residence Nazionale Matera tra l’eleganza di un residence e il comfort di casa

Chi viaggia con bambini piccoli sa quanto sia importante avere un punto d’appoggio che non faccia rimpiangere i comfort di casa e non potremmo essere più felici della nostra scelta.

Situato nella zona più gettonata della città, nel pieno centro storico, il Residence Nazionale Matera si trova a 600 metri dalla Cattedrale e a soli 200 metri dai Sassi di Matera, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

L’appartamento è completo di una moderna cucina completa di accessori, camera da letto matrimoniale, divano letto matrimoniale, poltrona e un bagno spendidamente attrezzato.

Residence Nazionale Matera
Frigorifero con acqua e succhi di cortesia, microonde, bollitore, macchina del caffè e degli snack pronti per il nostro piccolo tatino. Insomma come essere a casa!

Gli spazi sono ampi e il nostro piccolino esplora con curiosità tutto l’appartamento, in cui ogni dettaglio è curato con stile e modernità.

Residence Nazionale Matera

Quando siamo lontani da casa apprezziamo molto questo tipo di sistemazioni che ci permettono, non avendo restrizioni di orario, di adeguare le esigenze del nostro bimbo in base ai suoi ritmi.

La comodità di rientrare in appartamento e scegliere di cenare o deliziarci con una colazione nell’intimità della nostra famiglia, rigorosamente in pigiama.

Residence Nazionale Matera cucina

Pulizia impeccabile, struttura nuova e in una posizione strategica per la visita di Matera, a soli due passi a piedi dal Centro Storico.

Matera chiesa di San Francesco d'Assisi

Il Residence Nazionale Matera è infatti un complesso di 5 silenziosi appartamenti situato in Piazza Mulino. Una zona centrale ma tranquilla, a pochi passi da negozi eleganti, bar, supermercati, farmacia, splendide panetterie e pasticcerie.

Residence Nazionale Matera camera da letto

Letti morbidi, stanze profumate e un’accoglienza col sorriso che ti fa sentire subito a casa. Sono questi i valori aggiunti di questo Residence che non dimenticheremo facilmente e in cui non vediamo l’ora di ritornare.

Per maggiori info sul Resort
http://www.residenzenazionalematera.it/
Potrebbe anche interessarti cosa abbiamo fatto a Matera
Matera con bambini, il divertimento è in Ape Tour!

Matera con bambini, il divertimento è in Ape Tour!

Tutti a bordo dell’Ape Calessino Tour, il modo più divertente per visitare Matera con i bambini

Matera ape calessino tour con bambini

Chiese rupestri e case scavate nella roccia calcarea, un intreccio di scalinate, vicoli bianchi e color miele, Matera gode di una bellezza e di un fascino unico al Mondo.  Superba e pittoresca per mamma e papà, può essere piacevole da scoprire anche per i più piccoli. Ecco quindi un’idea divertente per visitare Matera con bambini.

Matera regina italiana delle città d’arte

Con un boom di presenze in continua crescita e un fascino senza tempo, è Matera la regina delle città d’arte italiane.

Sassi di Matera vista sasso Barisano

Meta di milioni di turisti che si lasciano incantare dai suoi splendidi rioni in tufo, dai suoi magnifici sassi, questo gioiello italiano accrescerà presto la sua fama internazionale grazie alla nomina di Capitale Europea della Cultura 2019.

Durante il nostro ultimo viaggio in Puglia abbiamo così deciso di fare un tuffo in Basilicata e non perderci la meravigliosa Città dei Sassi Patrimonio Mondiale UNESCO, trovando un simpatico modo per coinvolgere anche il nostro piccolo viaggiatore!

Sassi di Matera con bambini

Matera con bambini: scopriamola in Ape!

Il nostro Tatino ha due anni e mezzo ed è in un’età in cui è doveroso intrattenerlo e divertirlo, se si vuole vivere una vacanza serena per tutti.

Solitamente nei nostri viaggi con il nostro bimbo, lo abbiamo sempre fatto, costruiamo un itinerario che poi modifichiamo con molta elasticità a seconda delle sue esigenze e dei suoi ritmi, che sono in continuo mutamento.

Sassi di Matera the family

A Matera ci sono visite guidate adatte alle famiglie, noi ci siamo innamorati di una tra tutte: l’Ape Calessino Tour!

Decidiamo di fissare il tour per il nostro arrivo, in modo da poter avere una panoramica del posto, per poi ritornare con calma nei luoghi che ci hanno colpito di più.

Sassi di Matera vicoli e gradini

Il giro in Ape dura circa 45 minuti ed è il tempo ideale per andare alla scoperta dei Sassi e non stufare troppo il nostro piccolo.

Antonio con la sua Ape Piaggio ci dà appuntamento in Piazza Vittorio, nel Centro Storico, per iniziare la visita di Matera e dei Sassi.

Sassi di Matera sovrapporsi di case

Nato e vissuto da sempre tra i rioni Sassi, Antonio è un materano di quelli veri, una persona che ama e investe nella sua città. Traspare dai suoi gesti, dalle sue parole. La sua passione non passa certo inosservata, innamorato e fiero (come dargli torto?) della sua Matera. Una persona davvero piacevole e coinvolgente.

Matera ape calessino tour

“Ape!” urla Tatino appena arrivati in piazza. Ancora entusiasta dell’esperienza sul cocotaxi dell’Avana, non vede l’ora di salire a bordo della mitica Piaggio e di “sfrecciare”, si fa per dire, tra i vicoli della città.

Sassi di Matera sovrapporsi di case vicoli e gradini

Case e vicoli di Matera

Matera con bambini: Ape Calessino Tour Sassi di Matera

L’itinerario del Tour si snoda attraverso il Centro Storico di Matera e i Sassi: Barisano e Caveoso. Tra scorci unici e viste che tolgono il fiato.

Sassi di Matera vista sasso Barisano

Sassi di Matera vista sasso Barisano

Visitiamo i punti panoramici più belli della città, in cui possiamo scendere per fotografare il paesaggio, e in cui ritorneremo dopo, al tramonto, quando il nostro Tatino finalmente si sarà addormentato.

Matera di notte illuminata

Matera di notte illuminata

Via Ridola, la Chiesa di Santa Chiara, Piazza San Francesco, Via del Corso, Piazza Duomo nel rione Civita, il più antico della città, proseguiamo il Tour verso l’ingresso dei Sassi.

Sassi di Matera Chiesa di San Pietro Caveoso

Matera Chiesa di San Pietro Caveoso

Sassi di Matera sovrapporsi di case

Sassi di Matera sovrapporsi di case

Attraverso la discesa panoramica di Via D’Addozio raggiungiamo il Sasso Barisano per ammirarne il panorama unico presso la Chiesa di Sant’Agostino.

Alla seconda sosta Antonio stupisce il nostro piccolino togliendo la capote all’Ape ed è tutto un “wow”, siamo sinceri anche per noi!

Matera cattedrale di Santa Maria

Matera cattedrale di Santa Maria

Arriviamo poi a Porta Pistola, dove si apre il panorama del Parco della Murgia Materana, definito “paesaggio culturale” dall’Unesco. Attraversato dal torrente Gravina e disseminato di caverne preistoriche è una splendida testimonianza della presenza dell’uomo dal Paleolitico al Neolitico. Se avete tempo, a noi purtroppo è mancato, si può visitare raggiungendolo in macchina.

Matera le gravine del parco della Murgia

Matera le gravine del parco della Murgia

Per nostra comodità, il tour termina in Piazza Pascoli, da cui proseguiamo per il centro, in cerca del posto suggeritoci per la cena. Una fortuna avere un “autista” così preparato e simpatico che ci racconta storie e aneddoti e risponde con piacere alle nostre domande.

Sassi di Matera piazzetta Pascoli

Matera piazzetta Pascoli

A Matera abbiamo trovato tutte persone gentili e sorridenti e Antonio non fa certo eccezione. Sempre disponibile a scattare una foto, a fermarsi, a raccontare, a renderci partecipi, come fossimo vecchi amici tornati a trovarlo.

Matera con bambini: altri modi per scoprirla

Quello in Ape è il modo più immediato e rilassante per coinvolgere i vostri piccolini, anche con passeggino al seguito. Tutti a bordo e via!

Se riuscite ad abbandonare però le quattro ruote e quindi munirvi di fasce, marsupi o dare fiducia, come abbiamo fatto noi, ai piedini dei vostri bimbi, ci sono altri modi per scoprire Matera, questa volta a piedi.

Sassi di Matera con bambini

Ci siamo affidati a Informazioni Turistiche Matera – Martulli Viaggi per immergerci nella storia della città e dei Rioni pietrosi con un Tour a piedi nel Sasso Caveoso.

Matera chiesa di San Francesco d'Assisi tour guidato

Accompagnati da una guida autorizzata dalla Regione Basilicata, siamo andati alla scoperta dell’elegante centro storico, rimanendo incantati davanti al panorama del territorio della Murgia Materana.

Matera parco della Murgia

Abbiamo proseguito poi con la visita alla Casa Grotta tipicamente arredata e un Laboratorio Artigianale.

Matera sasso Caveoso interno della casa Grotta

Il giro si è concluso con una degustazione finale di prodotti tipici, tra cui il famosissimo pane di Matera.

Sassi di Matera pane tipico

Il tour dura all’incirca due ore. I bambini più grandi saranno ovviamente più coinvolti nelle visite guidate ma, scegliendo il modo e l’orario giusto, anche con i più piccoli sarà una piacevole esperienza.

Sassi di Matera piazzetta Pascoli palazzo Lanfranchi

Matera con bambini: dove dormire

Chi viaggia con bambini piccoli sa quanto sia importante avere un punto d’appoggio che non faccia rimpiangere i comfort di casa. 

Situato nella zona più gettonata della città, nel pieno centro storico, il Residence Nazionale Matera si trova a 600 metri dalla Cattedrale e a soli 200 metri dai Sassi di Matera, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Abbiamo soggiornato in uno dei meravigliosi appartamenti, molto ampi e luminosi, attrezzati con angolo cottura. Pulizia impeccabile, struttura nuova e in una posizione strategica per la visita di Matera.

Letti morbidi, stanze profumate e un’accoglienza col sorriso che ti fa sentire subito a casa. Stupendo!

Puoi leggere la nostra esperienza QUI.

Matera nel cuore

Chiunque veda Matera non può non restarne colpito, tanto è espressiva e toccante la sua dolente bellezza

Carlo Levi

Matera di notte illuminata

Matera, unica nel suo genere, ci ha suscitato sensazioni contrastanti, un luogo dove il tempo sembra essersi fermato.

Lo stupore per la bellezza del luogo, le cui foto non rendono giustizia, si è mescolato presto alla sensazione di appartenere a quel luogo, di conoscerlo già.

La straordinaria accoglienza dei suoi abitanti, l’armonia tra il passato e il presente, il suo fascino incastonato nei rioni, Matera è un posto magico.

La città dei Sassi ci ha divertiti, ha saputo affascinarci e soprattutto accoglierci.

PUO’ INTERESSARTI ANCHE
Dove dormire a Matera, eleganza e comfort nella Città dei Sassi

 

IL NOSTRO VIAGGIO E’ CONTINUATO IN PUGLIA
La vacanza antistress in Salento con bambini: Vivosa Apulia Resort

 

 

Vivosa Apulia Resort – La vacanza antistress in Salento con bambini

In Salento con bambini piccoli, all’insegna del benessere e del relax

Ugento - Vivosa Apulia resort divertirsi in piscina

Se pensate che le vacanze con i vostri bimbi siano stressanti, vi suggeriamo un luogo dove è possibile liberarsi dalle tensioni e vivere giorni magici per tutta la famiglia. Una vacanza in Salento con bambini piccoli all’insegna del benessere di mamme e papà.

Immerso nel Parco naturale regionale Litorale di Ugento, il Vivosa Apulia Resort vi aspetta per una vacanza antistress nel Salento.

Ugento - Vivosa Apulia resort piscina con idromassaggio

Un posto unico dove poter rallentare i ritmi, praticare yoga nel silenzio di una pineta, concedersi un massaggio nel centro benessere.

L’offerta wellness, unita alla bellezza della natura e all’accoglienza salentina, rendono questo luogo perfetto per soddisfare i desideri di ogni famiglia.

Ugento - Vivosa Apulia resort benessere spa

Il Resort

Direttamente sul mare e circondato da ulivi secolari e una pineta incontaminata, questo splendido Resort è davvero il luogo ideale per regalarsi un momento di pausa per chi sceglie di trascorrere una  vacanza in Salento con bambini.

Il Vivosa Apulia Resort è l’unico hotel antistress certificato in Italia, con una varietà di esperienze e attività che hanno il supporto attivo dell’Antistress Academy.

Ugento - Vivosa Apulia resort fiori di lavanda nell'area verde

Il nostro arrivo al Resort è suggellato da eleganza, gentilezza, sorrisi, una bellezza e una cura del luogo che toglie il fiato.

Ugento - Vivosa Apulia resort glicine in fiore

Le corti coniugano sapientemente lo stile salentino con il contemporaneo e si incastonano in spazi verdi, silenziosi e curati, elevandosi su due livelli. Per raggiungere ogni spazio si attraversano viali immersi nel verde di prati e di ulivi secolari.

Ugento - Vivosa Apulia resort sdraio area verde

Ogni stanza ha un giardino o un balcone con sdraio e poltroncine e dispone di molta privacy e insonorizzazione, in una struttura realizzata in pietra locale che si fonde perfettamente con la natura che lo circonda.

Le camere sono molto ampie e confortevoli, dotate di TV satellitare a schermo piatto, cassaforte, climatizzazione e riscaldamento regolabile, wifi gratuito.

Ugento - Vivosa Apulia resort stanza con giardino

Le attività

Il Vivosa Apulia Resort è splendidamente adagiato in un angolo magico sulle coste salentine, accarezzate dalle acque cristalline del mar Ionio. Se non vi bastano il sole e le spiagge bianche, numerose sono le attività proposte dal resort.

Nel caso in cui lo sport e l’attività fisica siano l’obbiettivo della vostra vacanza, qui si ha la possibilità di star bene e tenersi in forma grazie a palestra, tennis, ping pong, calcetto, beach volley, tiro con l’arco, canoa e windsurf.

Se invece si preferite allenare la mente potete dedicarvi ai benefici dello yoga. Noi lo abbiamo praticato nel silenzio della pineta, a piedi nudi, con i suoni della natura. Immersi in quel profumo, nella luce filtrata della pineta, abbiamo ascoltato il nostro corpo e ci siamo resi conto di quanto sia importante ritrovare il proprio equilibrio.

Ugento - Vivosa Apulia resort lezione di yoga nella pineta

Attraversando la fresca e profumata pineta si raggiunge la spiaggia attrezzata, lambita dal mare cristallino della marina di Ugento. Un bar all inclusive sulla spiaggia darà refrigerio alle calde giornate.

Ugento - Vivosa Apulia resort mare cristallino

Ombrelloni e lettini vi aspettano in riva ad una grande piscina a 4 vasche in cui ci si può immergere per nuotare o meglio, come abbiamo adorato fare noi, provare i benefici di un idromassaggio in acqua calda.

Ugento - Vivosa Apulia resort piscina calda con cascate

Il benessere e la concezione antistress

Abbiamo abbandonato i nostri sensi nel percorso benessere della Spa. Biosauna, bagno turco, sauna 90 gradi, docce emozionali e ancora spazi relax nel verde e idromassaggio all’aperto.

Una pausa e un gesto d’amore per noi stessi, che spesso dimentichiamo di meritarci.

Ugento - Vivosa Apulia resort massaggi spa benessere

Ugento - Vivosa Apulia resort percorso benessere

Il benessere e il relax di una vacanza non possono mancare anche a tavola. Le coccole iniziano a colazione, continuano a pranzo e si concludono a cena con un all inclusive da 10 e lode!

Si inizia con croissant, cereali, centrifughe detox, yogurt, formaggi, marmellate, frutta fresca e si continua con le delizie culinarie che spaziano dalla carne, al pesce, alle proposte vegetariane e che soddisfano davvero ogni palato.

Ugento - Vivosa Apulia resort colazione buffet

I sapori e la genuinità del Salento si coniugano con innovazione e bilanciamenti nutrizionali seguendo il programma del wellness.

Ugento - Vivosa Apulia resort piatto di polpo

Una delle cose che ci ha entusiasmato di più è stato assistere alle cooking lesson in spiaggia eseguite magistralmente e in modo molto divertente!

Ugento - Vivosa Apulia resort cooking lesson piatto

A misura di bambino

La vacanza perfetta in Salento con bambini piccoli vuol dire ritagliarsi dei momenti felici con loro, potendo fare delle attività che donino serenità a tutta la famiglia. E allora si nuota tutti insieme, ci si rincorre sulla spiaggia, si fanno i castelli di sabbia più grossi che abbiate mai fatto.

Ugento - Vivosa Apulia resort giochi in spiaggia

Ci siamo poi presi una pausa dal mare tuffandoci in piscina. Oltre a quella con gli scivoli, nella struttura è presente una vasca alta solo 40 cm dove abbiamo passato davvero molto tempo a giocare con barchette e piccoli gonfiabili.

Ugento - Vivosa Apulia resort piscina bassa per bambini

Ugento - Vivosa Apulia resort piscina bassa per bambini

Ma i bimbi devono stare anche con i loro nuovi amici, fare nuove esperienze, liberare la loro fantasia e dare sfogo alle loro passioni.

“Il tempo è un gioco, giocato splendidamente dai bambini” (Eraclito).

E “il Vivosa Apulia Resort rispetta e considera sacro questo tempo.”

Dai 3 ai 15 anni il Junior Club e il Mini Club intrattengono i bambini con spettacoli serali, giochi di gruppo, eco farm, percorsi avventura nella pineta e orto didattico.

Ugento - Vivosa Apulia resort guest relation kids

Ugento - Vivosa Apulia resort parco avventura passerella

Irresistibile per il nostro piccolino il parco giochi, “pacco giochi” come adora chiamarlo lui.

Castello, altalene, giostra, percorsi avventura, dondoli. Tutto all’ombra della pineta e tappa obbligata alla sera e al ritorno dalla spiaggia.

Ugento - Vivosa Apulia resort parco giochi altalene

Ugento - Vivosa Apulia resort parco giochi per bimbi scivolo

L’attenzione per i bimbi si ritrova anche al buffet con la loro area dedicata e all’altezza, è proprio il caso di dirlo, di bambino. Ci sono anche i gradini davanti al bancone del bar per favorire l’accesso ai più piccoli e un carretto gelati per le merende del pomeriggio.

Vivosa Apulia Resort – Benessere e relax in Salento con bambini piccoli

Ugento - Vivosa Apulia resort accesso alla spiaggia

I giorni trascorsi in questo angolo di paradiso con il nostro bimbo sono stati rigeneranti e indimenticabili. Il tenersi per mano, le coccole tutti e tre nel lettone, il poter scegliere se fare mille attività o semplicemente rilassarsi in spiaggia. In ogni caso zerostress.

Ugento - Vivosa Apulia resort passeggiata nella struttura

Il Vivosa Apulia Resort è una sicurezza di felicità, di bellezza, di relax, di esperienze, di una sensazione di benessere a lento rilascio, anche una volta tornati a casa.

Il luogo perfetto per una vacanza rilassante e divertente in Salento con bambini piccoli.

 

Post in collaborazione con Vivosa Apulia Resort

Libri per bambini: titoli per piccoli viaggiatori

A casa, in volo, in viaggio… un libro può essere  il migliore amico di un bambino. Ecco alcuni titoli di libri per bambini che amiamo di più.Sassi Editore libriL’amore per i libri, come quello per il viaggio, è una cosa che si assimila fin da piccoli, prima ancora di imparare a leggere. Leggendo questo post scoprirete quali sono i libri preferiti dal nostro piccolo esploratore

Un libro letto insieme, a voce alta, prima di addormentarsi, seduti sul divano in una fredda giornata o sdraiati su un prato in una giornata estiva, è uno di quei momenti di condivisione più belli e divertenti per tutta la famiglia.

Il nostro piccolo viaggiatore sta crescendo e tra qualche mese arriverà al traguardo dei 3 anni. Non si limita più ad ascoltare le parole di mamma e papà ma interagisce e sfoglia anche lui ripetendo le frasi, a suo modo, affezionandosi sempre di più alla storia dei suoi personaggi preferiti.

A casa, in volo, in viaggio… un libro può essere il migliore amico di un bambino.

Durante il nostro ultimo Viaggio a Cuba tra gli oggetti indispensabili per intrattenere il nostro bimbo abbiamo scelto proprio i libri.

Cercavamo dei formati non troppo grandi da portare nel bagaglio a mano, dal materiale resistente ma soprattutto colorati e istruttivi.

Il nostro bimbo ha amato fin da subito i libri della collana SASSI Junior, la prima casa editrice per bambini interamente dedicata all’ecologia.
Abbiamo scelto dei titoli che potessero sviluppare la sua curiosità e fantasia riguardo al viaggio.

Consigliamo, in base alla nostra esperienza, di portare uno o due libri a cui il bimbo è affezionato e un altro paio da sfoderare in volo, in auto, in albergo, al ristorante come “effetto sorpresa” per catturare la sua attenzione. Dobbiamo dire che ha funzionato alla grande!

Ecco i titoli dei libri per bambini (di 3 anni) che abbiamo scelto per il viaggio.

 

Cerca e Trova – In Viaggio

Sassi Editore - cerca e trova in viaggioNon lo molliamo più! Da quando il nostro piccolino lo ha scoperto se lo porta sempre in giro, forse merito delle sue dimensioni (un formato davvero maneggevole), dei suoi colori, delle sue tante cose da scoprire e da cercare.

Tra le nuvole del cielo o tra le onde del mare tanti oggetti, animali e persone da trovare.

Questo  libro è diventato davvero il suo preferito, la parte prediletta naturalmente quella dell’aeroporto, della stazione e sicuramente la ricerca degli animali che spuntano da una pozzanghera o fanno capolino da un casetta.Sassi Editore - cerca e trova in viaggio internoLe pagine hanno resistenti ante apribili, piene di dettagli per catturare l’attenzione dei più piccoli, con grandi scenari illustrati per giocare.

Lo abbiamo trovato stupendo per arricchire il linguaggio del bambino, una parola dopo l’altra, ogni volta che lo sfogliamo scopriamo oggetti e parole nuove che stimolano la sua curiosità.

Ogni sera nel suo lettino cerchiamo dove si nasconde la talpa o il topino con il formaggio, facendo però prima un giro all’aeroporto e tra le onde del mare.

Un libro molto curioso e divertente, insomma il suo preferito!

Se al decollo non manca poco … puoi ingannare il tempo con un gioco!

L’aeroporto è molto affollato … e c’è chi ancora non è arrivato!

Titolo: Cerca e trova – in viaggio

Autore: Fermìn Solìs

Copertina rigida: 12 pagine con ante apribili

Per chi è adatto?
Per bambini dai 3 anni in su, è molto resistente (sopravvissuto al viaggio), il nostro lo sta apprezzando tantissimo.

Editore: Sassi

Collana: Sassi Junior

 

Sotto lo stesso cielo

Viviamo tutti sotto lo stesso cielo, condividendo emozioni, sogni e desideri

Sassi Editore - sotto lo stesso cieloè così che recita il libro di Britta Treckentrup.

Le due volpi che puntano lo sguardo al cielo già annunciano il profondo messaggio del libro.

E’ il testo forse più emozionale che abbiamo in casa per Matteo.

Una meravigliosa e dolce grafica che spazia dai confini di ghiaccio degli orsi polari alla sconfinata savana della famiglia dei leoni.Sassi Editore - sotto lo stesso cielo internoUn libro che con le sue parole in rima insegna ai bimbi che proviamo lo stesso amore, guardiamo lo stesso cielo, sia che abitiamo luoghi vicini o lontani.

Un libro che adoriamo leggere e rileggere per trasmettere al nostro bimbo un messaggio straordinario che fa bene ricordare anche a noi grandi.

Che, pur essendo diversi siamo tutti sotto la stessa pioggia, dove l’acqua scroscia senza paura.

Per un mondo unito” cosi inizia questa metafora che insegna ai piccoli lettori che viviamo e viaggiamo su questa terra da salvaguardare come fosse casa nostra.

Semplici e deliziose immagini si uniscono alle corte frasi in rima, alternando i diversi intagli nelle pagine (la goccia, la luna, l’onda, la nuvola, il cuore) che fanno intravedere frasi o disegni della pagina seguente.

Guardiamo tutti la stessa, bellissima, luna …

… sognando insieme un futuro … d’amore.

La delicatezza delle illustrazioni accompagnano un forte messaggio in rima.

E intanto che lo sfogliamo è nostro desiderio conservarlo con cura, in attesa che il nostro bimbo ne afferri il vero significato.

Titolo: Sotto lo stesso cielo

Autore:  Britta Treckentrup

Copertina rigida: 24 pagine

Per chi è adatto? Per bambini dai 3 anni in su. Un messaggio meraviglioso anche per noi adulti.

Editore: Sassi

Collana: Sassi Junior

 

Gli abissi

Sassi Editore - gli abissiConosci i libri luminosi? Accendi la torcia e preparati a dare la caccia a più di 60 oggetti e animali nascosti tra i fondali!

I 5 oceani, Le barriere coralline, l’Antartide, Le Everglades, In fondo al mare e il fantastico mondo sottomarino. Sono questi i luoghi sorprendenti dove far brillare la magica torcia.

Un libro davvero nuovo nell’idea e davvero molto bello nelle illustrazioni.

Il meccanismo della torcia è davvero semplice e il nostro bimbo si intrattiene a lungo muovendola e cercando gli animali.Sassi Editore - gli abissi internoLa parte che ci piace di più è quella delle Everglades (parola che il nostro giovane viaggiatore pronuncia in maniera molto buffa “Evegle”) alla ricerca dei coccodrilli che avevamo visto nel nostro  on the road in Florida.

La copertina è rigida e le dimensioni molto contenute per cui è un libro perfetto da portare anche in viaggio.

Titolo: Gli abissi

Autore:  Mel Plehov e Amanda Enright

Copertina rigida: 12 pagine

Per chi è adatto? Per bambini dai 3 anni in su, anche questo molto resistente.

Editore: Sassi

Collana: Sassi Junior

 

Un buon motivo per cui abbiamo scelto la casa Editrice Sassi Junior

SASSI Junior è la prima casa editrice per bambini interamente dedicata all’ ecologia. L’uso di carta riciclata o certificata ottenuta da foreste sostenibili, gli inchiostri ecologici, l’aspetto naturale dei libretti e dei libri-gioco, caratterizzati dal tipico cartone avana stampato a colori, fanno di SASSI Junior un sinonimo di sostenibilità, eticità, modernità e allo stesso tempo di divertimento e fantasia.

Leggere non è mai stato così facile, ma anche così utile e istruttivo!

Il catalogo completo dei libri e dei giochi sul sito ufficilale Sassi Junior

Cuba con bambini: informazioni e consigli pratici per organizzare un viaggio fai da te

Come organizzare un viaggio a Cuba con un bambino piccolo

Siamo appena rientrati dal nostro viaggio per la meta che sognavamo da tanto: la splendida Cuba!

In questo post cerchiamo di darvi consigli pratici, informazioni, cosa dovete sapere prima di partire, insomma cosa avremmo voluto leggere noi prima di partire per organizzare un viaggio a Cuba con bambini piccoli.

spiaggia Cayo Santa Maria

I nostri occhi sono ancora pieni dei colori di quel mare caraibico, dei colori accesi delle case di Trinidad, dei sorrisi che ci sono stati regalati. Ci sembra ancora di sentire riecheggiare il suono della salsa proveniente dalle vecchie casse dei colorati taxi anni 50 o dalle imposte semichiuse dei decadenti balconi delle case dell’Avana.

coco taxi L'Avana

I nostri occhi sono ancora pieni dei sorrisi del nostro bimbo che è stato così felice!

Era da tempo che sognavamo un viaggio a Cuba ma il Mondo è così grande che fino adesso le altre mete avevano sempre prevalso per motivi diversi. L’anno scorso quando siamo stati in Florida e alle isole Keys , l’abbiamo sfiorata per soli 80 miglia arrivando a Key West, accarezzando l’idea che potesse essere proprio la meta del prossimo “viaggio serio”, come lo chiamiamo noi. E quest’anno una meravigliosa offerta volo non ci ha fatto più dubitare e “carpe diem” abbiamo cliccato ancora prima di cercare informazioni su come organizzare il viaggio.

Magari anche voi avete trovato un’offerta volo ma siete ancora indecisi perché in molti vi continuano a ripetere che Cuba con bambini non è molto indicata, che Cuba “no es facil”, ecco allora i nostri consigli, la nostra esperienza per un viaggio fai da te a Cuba con bambini.

Cuba con bambini – Meta perfetta per noi

Siamo partiti a marzo con una gran voglia di sole, caldo, relax ma anche tanta voglia di staccare la spina e respirare qualcosa di nuovo.

A Cuba non abbiamo trovato solo mare e sole ma anche musica, colori, storia, buona cucina, persone straordinarie. E’ un paese sicuro, ci sono buone strutture ospedaliere (private) ed è stato un viaggio ancora più facile di quanto ci aspettassimo dall’Italia, immersi tra guide, libri e cartine.

Cuba è una meta sicura e baby friendly, abbiamo trovato persone gentili e disponibili: dai taxisti ai proprietari delle case dove abbiamo soggiornato, alle persone incontrate in strada. I cubani hanno spesso un’attenzione particolare per i bambini, un sorriso, delle piccole gentilezze, certo non troverete sempre fasciatoi, seggiolini, seggioloni (anche se in due occasioni lo abbiamo trovato) ma è una meta davvero meravigliosa a cui non si può rinunciare. Le persone che abbiamo incontrato sono state per noi il valore aggiunto del viaggio, cubani che avevano superato la rivoluzione, poeti che citavano versi sull’Italia, tantissimi curiosi e chiacchieroni.

Il nostro itinerario è durato 12 giorni pieni, organizzati in autonomia, spostandoci con taxi compartidos (taxi collettivi) e dormendo nelle casas particulares (case private).

Puoi leggerlo qui  Cuba con bambini: itinerario 12 giorni fai da te

Se anche voi siete amanti di questo tipo di viaggio vedrete che sarete d’accordo con noi nel pensare che sia il modo più bello per esplorare Cuba, anche con i  bambini!

Organizziamo sempre i viaggi cercando di vedere il più possibile spendendo poco e che ci faccia entrare in contatto con le persone e la realtà del paese che visitiamo. Adesso che siamo in tre la nostra filosofia di viaggio non è cambiata.

Cuba con bambini – Volo intercontinentale e jet lag

Volo intercontinentale con bambini

Il volo è la parte del viaggio forse più difficile da organizzare e poi gestire con un bimbo di pochi anni.

vista finestrino volo Air France

Per Cuba le ore sono davvero tante e consecutive. Noi abbiamo volato con Air France da Torino con scalo a Parigi, il volo lungo è durato 10 ore e mezza, non sono poche, ma sono andate incredibilmente bene.

Nei prossimi giorni vi racconteremo in un post come siamo sopravvissuti così tante ore (diurno) con un bambino di due anni, nel suo pieno periodo esplorativo!

Il ritorno (notturno) è stato certamente più rilassante per il piccolo che ha dormito quasi tutto il tempo, ma forse perché noi eravamo già stanchi di tutta la giornata e perché non siamo riusciti a riposare per nulla lo abbiamo trovato invece infinito!

Abbiamo optato per la compagnia Air France (con cui non avevamo mai volato) esclusivamente per una questione di prezzo, viva le offerte voli!! I bambini a partire dai 2 anni pagano tariffa piena e, nonostante ci sia il beneficio del sedile tutto per lui, il prezzo totale nei voli intercontinentali (a differenza di quelli europei low cost in cui la tariffa neonati e adulti spesso si equivale) cambia notevolmente.

pranzo volo Air France

Ci siamo trovati benissimo, menu dedicato ai più piccoli (servito prima degli adulti, ci ha permesso di gestire meglio il suo pranzo e poi anche i nostri) e giochi per colorare.

giochi su volo Air France

Cuffie e mascherine nel kit, sempre meno ricchi, in linea con tutte le altre compagnie.  Ma un servizio a bordo quasi impeccabile, snack, mini magnum e mini liquore delle Antille sulle tratte intercontinentali. Precedenza d’imbarco per le famiglie e puntualità nei voli in tutte le tratte. Insomma un’ottima scelta per un volo in economy! Abbiamo visto i sedili della premium economy ma a nostro parere non valgono la differenza di prezzo.

Jet Lag

Per quanto riguarda il jet lag abbiamo portato la Melatonina (abbiamo acquistato quella dell’Humana) ma il nostro piccolo non ha mai accusato problemi, dobbiamo essere sinceri, anche quando si addormentava prima che potessimo somministrarla. In realtà la differenza di fuso l’ha sempre tollerata molto bene. Avevamo calcolato di svegliarci molto presto all’Havana per via del jat lag ma abbiamo dormito come sassi tutti e tre, come non succede mai a casa!

Cuba con bambini – Prima di partire

Tutto quello che non dovevamo dimenticare di fare o di portare!

Passaporti e Visti

Oltre al passaporto con validità residua di almeno 6 mesi, a Cuba è richiesto il visto d’ingresso.

La tarjeta de turista, letteralmente “cartellino del turista”, ha validità di un mese con possibilità di 1 ingresso e 1 uscita dal Paese.

Noi, dopo aver letto tante informazioni in rete, lo abbiamo richiesto on line sul sito di Pampero Viaggi al costo di 25 euro a visto più la spedizione (unica per 3). Sono stati molto seri e veloci (3 giorni lavorativi dalla ricezione del pagamento) e lo abbiamo visto recapitare a casa con raccomandata. Vi chiederanno solamente di compilare un modulo con i vostri dati anagrafici e del passaporto. Consigliato.

Assicurazione medica

La facciamo sempre per ogni viaggio ma a Cuba è indispensabile. Oltre al passaporto e al visto, per l’ingresso a Cuba, dal 1 maggio 2010, occorre obbligatoriamente essere in possesso di un’assicurazione viaggio medica.  Attenzione però perché non tutte le assicurazioni sembrano valide per l’ingresso a Cuba. Noi l’abbiamo acquistata contestualmente alla prenotazione del volo, comprensiva anche di annullamento viaggio, chiedendo una conferma via mail direttamente all’assicurazione (non si sa mai).

Medicinali e Vaccinazioni

Per il viaggio a Cuba con bambini non è obbligatoria nessuna ulteriore vaccinazione.

Altro discorso per i medicinali, nel bagaglio a mano abbiamo portato il nostro solito “kit di farmaci per il viaggio” con qualche prodotto in più, in quanto le farmacie non mancano ma non è così semplice reperire medicinali da banco ed è meglio essere pronti ad ogni evenienza.

Il nostro kit comprende sempre un antipiretico, un analgesico, un antidiarroico, melatonina, termometro, salviettine disinfettanti e cerotti (ora che ha 2 anni ed è in continuo movimento sono davvero serviti), fermenti lattici, un collirio, un antibiotico a largo spettro e ovviamente per le mete di mare crema solare, doposole e se necessario uno spray antizanzara (vista 1 sola zanzara in 12 giorni).

Unico consiglio per i bimbi piccoli, ma anche per gli adulti, evitate di bere l’acqua del rubinetto. Lavate anche denti, ciucci e posate con acqua in bottiglia, come suggerito anche dalle stesse famiglie delle case private.

Pannolini

Avevamo letto che non si trovano così facilmente, così abbiamo preferito portarli da casa, anche per non perdere tempo nella ricerca, comunque in qualche supermercato ci è capitato di vederli.

Alimenti per bambini

A Cuba ovviamente non manca quasi nulla, ma non è così facile trovare supermercati ben riforniti  e aperti dopo le 17, anche se alcuni chiudono alle 18 e altri dopo le 21, ma in realtà spesso li abbiamo trovati chiusi comunque prima.

Portate in generale tutto ciò di cui potrete aver bisogno, trovarlo non sarà così scontato. I prodotti come shampoo e creme sono poche e care. Sarà più facile trovare bottiglie di Havana Club!

Il nostro piccolo viaggiatore si è sempre adeguato ai nuovi sapori fin dai primi mesi, quindi abbiamo portato solo i suoi biscotti preferiti utili per ingannare le ore di volo e da sgranocchiare in spiaggia.

Se alloggiate nelle casas particulares, come abbiamo fatto noi, saranno disponibili a soddisfare il più possibile ogni vostra esigenza con i bimbi.

Passeggino

Fosse stato più piccolino probabilmente avremmo optato solo per il marsupio ma ha (già) 2 anni è abbiamo pensato che potesse essere d’aiuto per la nanna e il relax.

In realtà lo abbiamo usato solo in Havana i primi due giorni in quanto abbiamo camminato tanto. Gli altri giorni alternando visite, taxi e spiaggia è rimasto inutilizzato e i suoi piccoli piedini hanno percorso tanta strada.

Se il vostro bimbo è passeggino dipendente portate il più piccolo e leggero che avete.

passeggino L'Avana Cuba

In spiaggia non vi occorrerà, Trinidad è tutta ciottolata e se salite sui cocotaxi in Havana e vi spostate con i taxi condivisi più leggeri siete meglio è! Lo stesso consiglio vi diamo per i bagagli: viaggiate leggeri, sempre! meno bagagli, più mani libere.

Cuba con bambini – Noleggio Auto si o no?

Questo è stato l’interrogativo più grande. Per un viaggio a Cuba con bambini noleggio auto si o no?

Eravamo convinti di noleggiare un’auto per essere più indipendenti come orari e come percorsi, anche se avevamo letto che le indicazioni stradali erano scarse e le strade in condizioni pessime, oltre alla presenza di persone e animali per strada. Ma avendo già noleggiato l’auto in Sudafrica ci sentivamo pronti per affrontare le strade cubane.

Dopo averle viste, possiamo dire che in effetti la guida richiede molta prudenza, si incrociano molti animali come cani, caprette, cavalli che trainano carretti o che brucano l’erba a bordo strada, bambini, persone che camminano o fanno autostop, inoltre le buche sono tante e insidiose. L’autopista, che non è una vera autostrada, invece è in buone condizioni, però spesso è attraversata da incroci non ben segnalati da cui sbucano auto o mezzi pesanti e anche qui incrocerete persone e animali. Ma alla fine con un po’ di attenzione e prudenza si può guidare tranquillamente una macchina, abbiamo anche provato le mappe offline di Google che sono abbastanza precise e si possono utilizzare per ovviare al problema della scarsa segnaletica.

cavallo con carretto Cuba

Dobbiamo così ringraziare le varie agenzie di noleggio auto e la loro scarsa affidabilità. Ci modificavano continuamente il prezzo definitivo con la motivazione che le auto a Cuba scarseggiano. Erano inoltre molto lenti nelle risposte. All’ennesimo aumento dell’ennesima agenzia (super recensita) on line ci siamo stufati e abbiamo deciso che non avremmo noleggiato un’auto e ci saremmo spostati in taxi.

E’ stata la scelta migliore che potessimo fare!

Vi daremo i costi con i dettagli nei prossimi post ma vi possiamo assicurare che abbiamo speso metà di quanto ci avevano chiesto.

Ma c’è un motivo fondamentale per cui è bello muoversi a Cuba, anche con i bambini, con i taxi condivisi: la splendida esperienza umana che farete.

Sono i taxi compartidos (taxi collettivi) infatti il mezzo più bello per esplorare l’isola.

Taxi compartido Playa Larga

Pensavamo di usare qualche taxi privato (che poi sono gli stessi taxi ma pagate anche il posto delle altre persone) ma non è stato necessario.
Il nostro piccolo è stato davvero bravissimo e tenendolo in braccio abbiamo pagato solo per due persone.

I taxi sono tutti anni 50, colorati, divertenti, abbiamo condiviso questa esperienza con giapponesi, argentini, ecuadoriani, spagnoli, norvegesi, brasiliani (con cui ci siamo scambiati i contatti per inviarci le foto) è stata un’esperienza a livello umano davvero straordinaria, che non avevamo ancora fatto.

Avevamo letto prima di partire di esperienze un po’ folkloristiche, di taxi che si fermavano con problemi meccanici ma a noi è andato tutto bene, sicuramente tornassimo a Cuba non avremmo nessun dubbio su come girarla!

Li prenotano direttamente le case particulares e all’orario indicato vi verranno a prendere e vi porteranno all’indirizzo che lascerete.

Ricordatevi che i bimbi, se molto piccoli dovranno viaggiare in braccio, perché le macchine non sono dotate di cinture di sicurezza, quindi non si possono utilizzare i seggiolini auto.
Se invece preferite noleggiare la macchina non ci sono problemi, perché sono più recenti e dotate di cinture.

Cuba con bambini – Dove dormire

Dove dormire a Cuba con bambini? La nostra risposta è sicuramente nelle casas particulares.

Casa particular Remedios

“Casa particular” significa casa privata. Noi abbiamo dormito sempre in case private durante tutto il viaggio e vale anche qui lo stesso consiglio come per i taxi. L’esperienza umana è impagabile. Risparmierete e avrete un punto di riferimento per qualunque cosa. Sono stati davvero tutti gentilissimi con noi e il nostro bimbo, riempiendolo di attenzioni. Non potevamo chiedere di meglio!

Abbiamo prenotato tutto dall’Italia (come facciamo sempre) anche se tanti si affidano in loco proprio da un proprietario all’altro. Le abbiamo trovate tutte pulite, sicure ed economiche.

Non ci siamo appoggiati alle agenzie, ma le abbiamo prenotate tutte  tramite e-mail trovate e recensite in rete o tramite Airbnb (come sempre perfetto!)

Colazione casa particular

Saremo felici di condividere tutti i nostri contatti delle case in cui abbiamo dormito (le raccomandiamo tutte!).

La media spesa è stata dai 18 ai 25 euro a notte in 3.

Abbiamo sempre fatto colazione nelle case (costo a parte di 5 CUC) e provato almeno in 2 case la cena, altra abbondante e divertente esperienza. Consigliamo sicuramente entrambe le cose.

Prelievi

A Cuba esistono due tipi di moneta il CUC, o peso convertible, e il PESO cubano.

CUC

Con la moneta turistica, il CUC, pagherete quasi tutto: ristoranti, negozi, taxi, casas particulares.

Il PESO cubano è invece la moneta usata dai cubani per i negozi locali. Qualche PESO vi sarà utile per acquisti ai mercati o per comprare della frutta dai carretti.

Potrete cambiare i primi CUC nella cadeca (casa di cambio) dell’Aereoporto all’Havana (la troverete, dopo aver ritirato i bagagli, al primo piano) per pagare il taxi oppure potrete prelevare i contanti al piano terra dagli ATM.

A Cuba i contanti li cambierete nelle CADECA oppure in Banca, muniti sempre di passaporto, e senza pagare commissioni.

Avevamo letto delle difficoltà dei prelievi a Cuba così siamo partiti con contanti. In realtà non abbiamo avuto problemi a prelevare con carte di debito che si appoggiano ai circuiti VISA. Con i circuiti Maestro non si può prelevare.

Le carte di credito conviene averle sempre dietro. Vengono accettate la VISA e la Postepay, in qualche esercizio la Mastercard. Non vengono però assolutamente accettate carte dei circuiti americani (esempio la American Express).

In realtà non le abbiamo mai utilizzate, nei posti e nei locali in cui siamo andati accettavano solo contanti. Solo qualche negozio, ad esempio dove vendevano sigari e rum, accettava la VISA, ma con una commissione del 3%.

Il nostro consiglio è di partire con i contanti e/o dotarsi di bancomat  e carte di credito che si appoggiano su circuiti VISA. Noi siamo partiti con tutti e tre.

Wifi

La “sconnessione” internet di Cuba che pensavamo fosse un problema ci ha fatto invece davvero bene all’anima, una quasi disconnessione dal Mondo di cui avevamo proprio bisogno!

A Cuba c’è una solo operatore telefonico, lETECSA, che gestisce tutta la telefonia fissa e mobile, compresa la connessione internet.

tessera Etecsa

Dal 2015 ci si connette grazie ad una serie di hotspot WiFi nelle piazze principali di tantissime città cubane e in alcuni giardini turistici.

Per collegarvi ad internet avrete bisogno di una scheda “Nauta”, simile alle nostre vecchie schede telefoniche, con un codice univoco da cancellare che sarà richiesto al momento della connessione. Accedete ai servizi wifi del vostro cellulare e cercate la rete “ETECSA”, inserite codice e psw ( “usuario” e “clave”) e aspettate la connessione con pazienza.

Le schede internet le trovate nei centri ETECSA (non semplici in realtà da trovare), nei grandi alberghi, in alcune casas particulares o direttamente dai cubani. Il costo varia dalla città e dal posto in cui la comprerete, per un’ora di connessione (una schedina) da 1 a 3 CUC.

Le schede valgono in tutta Cuba, potrete acquistarne qualcuna fin da subito e usarle durante tutto il viaggio.

Come fare a trovare i punti wifi in Cuba? Sarà semplicissimo, quando vedrete in una piazza o in un giardino una gran quantità di persone con smartphone allora saprete che siete nel punto giusto!

Ps: ricordate di sconnettervi dal servizio (“cerrar sesion”) in quanto non basta spegnere il wifi, se no consumerete tutto il credito.

Non aspettatevi però una connessione come quella di casa, abbiamo spesso faticato a collegarci, a mantenere la rete attiva, quindi il giusto atteggiamento è approfittare per staccare davvero la spina e godersi il viaggio, godersi il Rum, la salsa, la meravigliosa Cuba con bambini!

Se ti è piaciuto l’articolo clicca mi piace e condividilo!

Leggi anche Cuba con bambini itinerario 12 giorni fai da te

Leggi anche Cosa vedere a l’Avana con bambini

Sardegna: i nostri 5 motivi per tornare con il nostro bimbo

Caprera, spiaggia di cala Coticcio

Caprera, spiaggia di cala Coticcio

Sognate una vacanza in Sardegna con bambini? Noi si! Ecco 5 motivi che ci spingono a tornare in un luogo speciale con il nostro piccolo viaggiatore

Amiamo vedere posti sempre nuovi ma vi è mai capitato di voler ritornare con i vostri bimbi negli stessi posti che vi hanno fatto vivere un momento speciale?

Abbiamo ritrovato in questi giorni e come capita spesso, per caso, le foto della nostra vacanza in Sardegna. Tanta nostalgia nel rivedere quei giovani visi spensierati e lo stupore dei colori di un’acqua caraibica proprio nella nostra amata Italia.

Sardegna con bambini

Quel viaggio in Sardegna ci è rimasto proprio nel cuore, le sue spiagge, il suo mare, i suoi colori.

Ed è su quelle spiagge bianche che pianifichiamo di tornare presto per rivivere quella vacanza, questa volta con il nostro bambino, all’insegna del mare e del sole, scegliendo come allora il campeggio.

La Sardegna è tra le migliori destinazioni con bambini. Sabbia finissima, mare cristallino e buona cucina, i suoi paesaggi non si dimenticano facilmente.

Sardegna con bambini

Ecco i nostri 5 motivi che ci spingono a tornare con il nostro piccolo viaggiatore:

1. Sardegna con bambini – Spiagge a misura di bambino

Acque cristalline e spiagge dalla sabbia finissima, la Sardegna è il paradiso della vacanza al mare per le famiglie con bambini.

alt=

Bandiera verde 2018

Bandiera verde 2018

Il 2017 è stato l’anno del decennale dell’inizio dall’indagine condotta da pediatri per identificare le spiagge adatte ai bambini a cui assegnare la «Bandiera verde» e la Sardegna spicca tra tutte le regioni per quantità di spiagge. I criteri vincolanti sono l’acqua limpida e bassa vicino alla riva, sabbia pulita e adatta a costruire castelli di sabbia, spiagge sicure e attrezzate, spazi per cambiare il pannolino o allattare, e nelle vicinanze locali per mangiare o comprare bibite.

Cala Brandinchi-Capo Coda Cavallo

Nell’elenco proprio le nostre preferite, quelle dove abbiamo lasciato un pezzettino di cuore: San Teodoro, Capo Coda Cavallo e Santa Teresa di Gallura.

Cala Brandinchi - Capo Coda Cavallo

Cala Brandinchi – Capo Coda Cavallo

2. Sardegna con bambini – Grande offerta di strutture ricettive

Che la vostra idea di vacanza sia in strutture eleganti e colme si servizi family friendly o sistemazioni più economiche e sportive, la grande offerta delle strutture ricettive non vi deluderà.

Porto Cervo

Chi ci conosce sa che la nostra vacanza non è all’insegna dei resort 5 stelle  All inclusive e dell’animazione e baby dance.
Ma è giusto che ognuno viva la propria vacanza secondo i propri canoni e i propri desideri.

Il nostro è quello di tornare a rivivere la Sardegna nord orientale, in quei posti che ci hanno fatto battere il cuore, proprio come abbiamo fatto la prima volta, in campeggio.

3. Buona cucina

Una delle cose che ci ricordiamo più con piacere della Sardegna è il vino e il buon cibo.

Vedi i piatti tipici della Sardegna e saprai cosa mangiare in vacanza

La cucina sarda è una tradizione fatta di pani tipici, formaggi e paste ripiene ed è caratterizzata dalla sua varietà.

I maloreddus e i culurgiones, classici ravioli sardi, accompagnati da un buon cannonau sono sapori che ci mancano!

4. Ricco partimonio naturalistico

Da Nord a Sud il grande patrimonio naturalistico sardo è davvero ricco a affascinante.

Abbiamo avuto la fortuna di visitare il  Parco Nazionale dell’Asinara, nel quale si trovano alcune delle spiagge più belle della Sardegna. E’ qui che vorremo che il nostro piccolino agitasse i suoi braccioli.

Sardegna con bambini

5. Un’isola da visitare tutto l’anno

Scopri la guida Sardegna tutto l’anno

guida-informativa-sardegna-2018

realizzata da TraghettiPer Sardegna

Tra i motivi per cui tante famiglie non scelgono la Sardegna sono che non sempre le strutture sono sulla spiaggia e i prezzi elevati ma il clima dell’isola permette di godere di natura, spiagge e tradizioni in ogni momento dell’anno.

Arcipelago della Maddalena

Arcipelago della Maddalena

Miniere, grotte, parchi regionali, la Sardegna è mare ma anche natura e meravigliosi luoghi da scoprire.
Ci siamo fatti rapire dalla bellezza del mare ma la Sardegna offre molto altro, un motivo in più per tornarci!

 

 

(sponsored post)

Riquewihr, il villaggio di “La Bella e la Bestia” è in Alsazia

Viaggio in Alsazia con bambini, alla scoperta del pittoresco borgo di Riquewihr

Riquewihr - il borgo più bello della Francia

C’è un borgo in Alsazia da visitare assolutamente con i bambini. E’ nell’elenco dei paesini più belli di tutta la Francia e ha ispirato i disegnatori del film della Bella e la Bestia.

Alla scoperta della fiabesca Riquewihr

In questo post continua il nostro viaggio in Alsazia con bambini alla scoperta dei borghi più caratteristici da non perdere.

Riquewihr con bambini

Abbiamo già lasciato un pezzettino di cuore nella nostra tappa di avvicinamento in Alsazia deliziando i nostri occhi e il nostro palato a Friburgo, in Brisgovia.

Può interessarti il post  Viaggio in Alsazia con bambini con tappa a Friburgo – giorno 1

Martinstor Gate Friburgo
Martinstor Gate – Friburgo

e passato una giornata meravigliosa alla scoperta della fiabesca Colmar.

Può interessarti il post  Viaggio in Alsazia con bambini a Colmar, un libro di fiabe a cielo aperto – giorno 2

Colmar
Colmar

Ora continuiamo il nostro viaggio alla scoperta del pittoresco borgo di  Riquewihr che raggiungiamo da Colmar in mezz’ora di auto.

Riquewihr, una favola

Riquewihr è una di quelle mete da visitare assolutamente con i bambini, qui si respira davvero aria di fiaba.

Questo caratteristico paesino alsaziano ha infatti ispirato i disegnatori Disney per l’ambientazione del villaggio del cartone animato “La Bella e la Bestia“.

Riquewihr - il borgo più bello della Francia

Ci sono luoghi al Mondo che sembrano usciti da un libro delle favole e che ne ispirano le ambientazioni e Riquewihr ne è un perfetto esempio.

Per visitare il paesino caratteristico di Belle, la protagonista dell’originale cartone Disney, non serve portare i nostri bimbi su un set cinematografico o in un parco a tema.

Il villaggio del cartone animato ci insegna che “Non si giudica un libro dalla copertina e che la bellezza è ciò che sta dentro in ognuno di noi” è in Alsazia.

Riquewihr - il borgo più bello della Francia

Riquewihr, centro storico

Pensavamo che nessuna meta potesse ancora stupirci finché non siamo arrivati in questo piccolo borgo che con i suoi appena 1200 abitanti è davvero un sogno.

Case a graticcio e atmosfera medioevale, Riquewihr è considerato uno dei paesi più belli di tutta la Francia e non è difficile comprenderne il motivo.

Riquewihr - il borgo più bello della Francia

Passeggiare attraverso i suoi vicoli ci regala scorci stupendi, tra fontane e mura medioevali perdiamo il senso del tempo.

Percorrendo la Rue du Gènèral de Gaulle ammiriamo le case più belle d’Alsazia. Il clima è deliziosamente mite e non resistiamo al profumo delle patate e salsiccia che sfrigolano nei padelloni giganti delle bancarelle allestite lungo la via.

Riquewihr - il borgo più bello della Francia

Botteghe, ristoranti, piccoli alberghi e winstub sono incastonati nelle deliziose vecchie case.

Il Winstub, che in origine nasceva come una stanza aperta al pubblico dove i viticoltori potevano vendere il surplus della loro produzione, è il tipico ristorante alsaziano.

Qui si mangia su tavoli in legno generalmente coperti da tovaglie a quadrettoni e il vino è generalmente servito in caraffa e accompagnato da piccoli piatti semplici della tradizione alsaziana.

Riquewihr - il borgo più bello della Francia

Passeggiando per il centro storico pedonale notiamo che è molto tranquillo, animato solo dal chiacchericcio dei turisti.

Riquewihr con bambini

Raggiungiamo la Torre del Dolder, indiscusso simbolo delle città, sede del Museo di Storia Locale. La torre medioevale in pietra che funge da torre campanaria è la porta d’accesso a un mondo fatato che non vorremmo più abbandonare!

Riquewihr - il borgo più bello della Francia

Quando andare

E’ una destinazione magica durante il periodo natalizio è vero (e lo possiamo confermare!) ma lo può essere altrettanto anche nella stagione estiva.

Riquewihr fa parte infatti del percorso  Le strade dei vini d’Alsazia, 120 km da nord a sud attraverso i meravigliosi vigneti della campagna alsaziana, attraversando i borghi più caratteristici.

Un trekking a piedi tra i vigneti e le cantine vede proprio l’estate come la stagione perfetta per godere di questa meraviglia. Magari degustando un bicchiere del pregiato RIESLING GRAND CRU Schoenenbourg de Riquewihr.

Cosa portare:

Valle d’Aosta con bambini: Baby Snow Park di Ollomont in Valpelline

Baby snowpark Ollomont - Aosta

Una Valle d’Aosta ancora tutta da scoprire: Baby Snow Park di Ollomont per un week end sulla neve anche con i bambini piccoli.

Lo scorso fine settimana avevamo voglia di neve e di fare la nostra valigia per tre.

Desideravamo partire per un posticino non troppo lontano e goderci la montagna senza troppa folla, senza spendere un capitale, con il solo obbiettivo di respirare aria di montagna e giocare tutti e tre con la neve. Ci siamo riusciti? Direi di si!

Scegliamo la Valle d’Aosta che dista davvero poco dal Piemonte, siamo fortunati, da Torino ci si arriva in appena un’ora e mezza.

La Valle d’Aosta con i bambini è davvero una scelta ideale. I suoi paesaggi incontaminati e un’ampia scelta alberghiera di alto livello rendono questa regione una destinazione perfetta per le famiglie con bambini anche piccoli.

Ma c’è una Valle d’Aosta ancora da scoprire, lontano dalle chiassose e affollate località sciistiche, una Valle d’Aosta meno frequentata ma ugualmente meravigliosa.

Partiamo direzione Valpelline!

Strade innevate, Ollomont - Aosta

Valpelline, in Valle d’Aosta con bambini

La Valpelline è una valle incantevole in ogni stagione dell’anno.

La Valle prende il nome dal suo capoluogo Valpelline , un piccolo paese di media montagna che si trova ad un’altezza di 960 mt. Ha un piccolo borgo caratteristico, bar, ristorante, forno, piccolo market, macelleria e farmacia.

Comune di Valpelline - Aosta

Una zona poco nota, tranquilla e riservata dove potersi concedere il sapore della montagna di una volta, in cui cultura e tradizioni fanno da contorno ideale per una vacanza formato famiglia.

I verdi pascoli, i fiori, i laghi e i trekking a piedi e a cavallo lasciano spazio in inverno a una candida coltre di neve e quindi via libera allo sci, agli Snow park e ai giochi sulla neve.

Casette sulla strada per Ollomont - Aosta

Di impianti, seggiovie o funivie però qui non se ne vedono. Questa Valle si colloca nell’ambito dei principi del turismo eco sostenibile, che non offre al turista tutto ciò che chiede, ma è la meta ideale di un turismo slow che può godere della vera montagna, rispettandola e ammirando la sua anima selvaggia.

Baby snow park di Ollomont

Snowpark per bambini a Ollomont - Aosta

La prima esperienza di discesa col bob del nostro piccolino? E’ a Ollomont!

Pista di Bob a Ollomont - Aosta

Il baby snow park di Ollomont è dotato di tapis roulant, castelli gonfiabili, una pista tubing, bob e giochi gratuiti anche per bambini piccoli.

Giochi gonfiabili per bambini a Ollomont - Aosta

Il nostro piccolino si è divertito in tutta sicurezza in un ambiente non troppo grande e non particolarmente affollato, condizione ideale per un dolce approccio alla neve.

Giochi per bambini nello snowpark di Ollomont - Aosta

La Sciovia Berio e il Parco giochi sulla neve di Ollomont si trovano in Loc. Le Morion. Da Valpelline seguite le indicazioni che deviano a sinistra verso Ollomont  e dopo una decina di minuti, senza troppe curve, troverete lo Snow park sulla vostra destra. Parcheggio non affollato e un bar ristorante.

Snowpark per bambini a Ollomont - Aosta

Sulla neve il tempo passa davvero in fretta e lo splendido sole rende la giornata perfetta, fino alle 16 il parco è soleggiato! Ci buttiamo sui giochi morbidosi in cerca della prima abbronzatura.

Scivolo gonfiabile per bambini nello snowpark di Ollomont - Aosta

Troverete bob, slittini e giochi cavalcabili.Tutto compreso con l’ingresso allo Snow park.

Giochi per bambini nello snowpark di Ollomont - Aosta

Il caschetto per i bimbi è obbligatorio quindi se ce l’avete portatelo! Oppure potete noleggiarlo, come abbiamo fatto noi, al costo di 3 euro nella capannetta all’interno del parco, dopo la biglietteria.

Snowpark di Ollomont - Aosta

Apertura Baby Snow Park Ollomont

l parco è aperto dal 08 dicembre fino al 31 marzo  con i seguenti orari 09:00 – 16:30

Costi Baby Snow Park Ollomont

Intero: € 7.00 – ridotto: € 6.00 – pomeridiano: € 4.00 – minori di 2 anni: gratuito.

Baby snowpark di Ollomont - Aosta

Impianti sciistici Sciovia Berio

Se invece volete sciare e farlo con i vostri piccolini dovrete aspettare che abbiano compiuto i 4 anni e mezzo (noi siamo impazienti!!) .

Impianti sciistici Sciovia Berio - Aosta
I costi qui sono abbastanza contenuti. Un maestro per un’ora di corso vi costerà 35 euro e 10 euro in più per ogni bambino che si aggiunge.
Impianti sciistici Sciovia Berio - Aosta

I costi degli impianti sciistici 2017/2018 non sono cambiati dall’anno scorso e li potete trovare su Prezzi Sciovia Berio .

Piste da sci per bambini a Ollomont - Aosta

Dove dormire

Le proposte in zona sono innumerevoli tra hotel, chalet, b&b, agriturismi, dalle sistemazioni più rustiche a quelle più esclusive.

Noi abbiamo scelto un delizioso b&b ovviamente family friendly.

Leggi il post B&B il Canto del Bosco: un soggiorno family friendly a Valpelline

Attività in zona

Se avete più di una giornata a disposizione potete salire fino a Bionaz (che a giudicare dalle foto anche in estate deve essere proprio un meraviglia!) per fare pupazzi di neve o tuffarvi alla scoperta della vicina Aosta.

Aosta in mezza giornata

Aosta dista davvero pochi km da Valpelline e da Ollomont.

Dopo aver giocato nella neve nel borgo di Bionaz decidiamo di andare ad Aosta.

Arriviamo per l’ora di pranzo e  lasciamo la macchina nel parcheggio vicino alla Porta Pretoria.

Porta Pretoria Aosta

Torre Porta Pretoria Aosta

Proprio li accanto potete visitare il Teatro Romano di Aosta e tuffarvi in epoca romana!

Abbiamo percorso tutto il centro pedonale via Edouard Aubert pranzando in un localino caratteristico a base di gnocchi rigorosamente alla fonduta (il nostro piccolino ne va matto!).

Arriviamo fino alla Piazza Émile Chanoux davanti al Municipio dove noncuranti della pioggia corriamo dietro ai colombi, viva le gioie semplici!

Piazza Émile Chanoux davanti al Municipio - Aosta

Piazza Émile Chanoux davanti al Municipio - Aosta

Concludiamo la visita con la Cattedrale di Santa Maria Assunta e San Giovanni Battista e, chi viaggia o ha viaggiato con una bambino di due anni lo sa che spesso è bene farlo, rendiamo la cosa divertente anche per il nostro fagiolino. Tutti e tre a rincorrerci e a  giocare nelle pozzanghere davanti alla Cattedrale, troppa Peppa Pig!

Cattedrale di Santa Maria Assunta e San Giovanni Battista - Aosta

Aosta è una delle poche città europee in grado di abbinare la cultura millenaria dell’epoca romana alle rinomate zone sciistiche.

Campanile della Cattedrale di Santa Maria Assunta e San Giovanni Battista - Aosta

La città offre negozi, musei, arte e tradizioni culinarie (non dimenticatevi di portare a casa le famose e deliziose tegole).

E se al vostro soggiorno non volete far mancare una famosa e rinomata località sciistica non perdetevi assolutamente la vicinissima Pila: super panoramico paradiso della neve che domina Aosta.

Insomma una regione che accontenta ogni gusto, dal più riservato a quello più mondano, dallo sciatore principiante al più esperto, insomma una Valle d’Aosta davvero spettacolare per tutti.

B&B il Canto del Bosco: un soggiorno family friendly a Valpelline

C’è la Valle d’Aosta delle famose e affollate località turistiche e poi c’è quella che piace a noi, più riservata e silenziosa.

Lo scorso week-end siamo proprio andati alla scoperta di una Valle d’Aosta più accessibile, dove si respira il profumo della montagna di una volta, dove le persone accolgono le famiglie come fossero amici di lunga data.

Luoghi in cui le case sono in tipico stile valdostano con muri in pietra e tetti in lose, dagli interni in legno riscaldati dal fuoco di un camino.

Sognavamo un ambiente caldo e familiare, nella quiete di una montagna innevata. E dopo una giornata sulla neve allo snow park di Ollomont, tra slittini e giochi gonfiabili, abbiamo trovato tutto questo in un luogo speciale a Valpelline: il delizioso Bed and Breakfast Il Canto del Bosco.

Il poetico suono del nome ci aveva incuriositi fin da subito e dando una sbirciata sul loro sito non potevamo certo immaginare che la realtà superasse la bellezza del luogo.

Un B&B family friendly

Quando si viaggia con bambini al seguito si vuole avere una tranquillità sulla struttura in cui si soggiorna, si sogna un luogo caldo e familiare, ci si augura di trovare persone che con le loro premure sappiano ricreare l’ambiente perfetto che ricordi casa.

Quando viaggiamo con i nostri bimbi vogliamo la sicurezza che, per qualunque cosa possiamo aver bisogno, ci sia qualcuno che si prenda cura di noi e dei nostri piccoli.

Stanchi del viaggio e di una sfrenata giornata sulla neve (ora la discesa col bob al nostro bimbo non fa più paura!)  abbiamo trovato un’accoglienza speciale al B&B il Canto del Bosco.

Deborah, la proprietaria, ci ha accolto come se stesse aspettando degli amici di lunga data. Ci ha ospitato nel suo nido con una dolcezza impagabile e piena di premure per il nostro piccolino, occupandosi di tutto ciò di cui potevamo aver bisogno.

Asciugamani morbidi, stanze che emanano il profumo di legno e di torte di mele appena sfornate.

Ci è stato chiesto se  il nostro piccolo viaggiatore avesse necessità di prodotti particolari per la colazione.

Il b&b dispone inoltre di lettini, culle, seggioloni, giochi e libri. In stanza per la gioia del nostro piccolino abbiamo trovato un peluche e libri di favole, che meraviglia!

Otre ad essere questo B&B Baby-friendly, è anche animal-friendly! Hanno già ospitato cani, gatti, conigli e vivono con loro un cane pastore, Luna, e due gatte con cui il nostro bimbo ha giocato tantissimo!

Il B&B Il Canto del Bosco

Il B&B il Canto del Bosco nasce come vecchio rustico del 1790 è  stato di recente ristrutturato in stile alpino, mantenendo intatte le sue caratteristiche originali.

La casa comprende l’abitazione principale dei proprietari e dispone di due camere, che possono ospitare rispettivamente 2 e 4 persone. Entrambe hanno un ingresso indipendente che risulta un valore aggiunto per la privacy degli ospiti!

Le camere in legno e pietra sono arredate con gusto, cuori in legno e dettagli montani arricchiscono deliziosamente le stanze.

Entrambe sono dotate di bagno privato e cucinino con tutto l’occorrente per scaldare le bevande per la prima colazione o il latte della sera per i piccoli.

Ma veniamo alla prima colazione! L’abbiamo consumata comodamente tutti e tre in pigiama e pigiamino nella tranquillità del nostro nido.

La premurosa Deborah ci ha fatto trovare torta di mele e cannella fatta in casa, tè, latte, succhi di frutta, succo di mele fatto da lei (squisito!). E poi biscotti, cereali, yogurt, caffè, pane integrale della Valle d’Aosta. Tanti prodotti locali e a km 0. Insomma non siamo riusciti a finire tutto!

Abbiamo avuto la libertà inoltre di arrivare già dal mattino, senza limiti di orario. La proprietaria offre quest’agevolazione a tutti, compatibilmente con le altre prenotazioni, per dare la possibilità agli ospiti di sentirsi immediatamente a proprio agio e per potersi organizzare al meglio.

Si possono così lasciare i bagagli, fare il check-in e andarsi a godere la montagna!

Valpelline

Amiamo i piccoli borghi d’alta quota, quella montagna autentica, lontano dalle note località più famose ma più care e affollate.

Valpelline è un piccolo paese di media montagna che si trova ad un’altezza di 960 mt.

Ha un piccolo borgo caratteristico, bar, ristorante, forno, piccolo market, macelleria e farmacia.

Incastonata in una deliziosa valle che offre numerose opportunità sia d’estate che d’inverno, qui è la voce della natura selvaggia e incontaminata a farla da padrona.

Una Valle d’Aosta più tranquilla ma ugualmente meravigliosa, ovviamente formato famiglia.

E se proprio volete tuffarvi nei negozi e nei locali ricercati, Aosta con il suo centro storico caratteristico (e meravigliosamente pedonale) dista appena 10 km , 20 minuti d’auto.

ps: se vi servono consigli sui posti da visitare, borghi da non perdere o posti dove mangiare chiedete a Deborah! Su suo consiglio per un posto semplice e baby friendly (e vicino al b&b) abbiamo cenato alla pizzeria Vecchio Suisse (seggiolone, cuscini e fumanti pizze alla Fontina e Bleu d’Aoste).

Attività in zona con i bambini

La Valle d’Aosta e la Valpelline hanno l’imbarazzo della scelta quando si parla di attività da fare con i bambini.

In estate passeggiate a cavallo, trekking, rafting, parchi avventura.

In inverno baby snow park, kid zone fun park, tanta neve e piste da fondo e discesa, dove poter avvicinare con calma i piccoli allo sci.

Noi siamo andati a divertirci nel baby snow park di Ollomont, tra castelli gonfiabili e discese col bob (la prima esperienza del nostro fagiolino!) .

Il giorno successivo siamo andati invece alla scoperta del borgo di Bionaz per poi dirigerci verso Aosta.

Troverete utilissimo e indispensabile il Sito Ufficiale del Turismo in Valle d’Aosta con una ricca sezione dedicata alle attività da fare con i bambini. Davvero ricco di informazioni!

In conclusione

Il B&B il Canto del Bosco è un piccolo gioiello incastonato nella deliziosa Valpelline.

Un ambiente caldo e caratteristico arredato con gusto e raffinatezza e una splendida e abbondante colazione fatta di prodotti ottimi, locali e genuini.

La dolcezza con cui siamo stati accolti e le premure per il nostro bimbo, unite alla bellezza della struttura, hanno reso il nostro soggiorno indimenticabile!

E’ stato un onore poter essere ospiti del  B&B il Canto del Bosco.

Potrete trovare tutte le informazioni sulla struttura, tariffe agevolate per famiglie e per soggiorni di più notti su B&B il Canto del Bosco .

Buona Valle d’Aosta a tutti!

Viaggio in Alsazia con bambini a Colmar, un libro di fiabe a cielo aperto – giorno 2

Alla scoperta della fiabesca Colmar con bambini, una splendida esperienza invernale in Alsazia

Continua il nostro viaggio verso l’Alsazia, oggi destinazione Colmar!

Se ti sei perso il post del primo giorno di tour in Alsazia in cui raccontiamo come siamo arrivati, cosa abbiamo visto e dove abbiamo dormito lo puoi trovare qui:
Viaggio in Alsazia con bambini giorno 1 – tappa a Friburgo

Friburgo negozio strade
Un delizioso scorcio della città di Friburgo, 1 giorno

Ma torniamo a noi!

Dopo una ricca colazione presso il nostro albergo, siamo impazienti di dirigerci verso la tappa che ci ha fatto programmare questo viaggio: Colmar stiamo arrivando!

Colmar, questa piccola città dell’Alsazia francese, è stata definita “un libro di fiabe nordiche a cielo aperto” e passeggiando lungo le caratteristiche vie del centro storico, tra case in legno e pietra, si respira davvero aria di fiaba.

Colmar, case tipiche

La cittadina più famosa dell’Alsazia dista da Friburgo in Brisgovia appena un’ora di piacevole strada a scorrimento veloce, si passa il confine senza neppure accorgersene.

La storia ha deciso che dovesse essere francese ma a Colmar l’influenza tedesca è evidente e si riscontra bene nel suo stile e nelle sue usanze. Un’anima tedesca che si avverte principalmente nello stile architettonico della maggior parte delle case e dei palazzi.

Colmar

Le vie del centro sono infatti caratterizzate dalle tipiche “Maison à colombages”, le case con tipiche intelaiature a traliccio di legno che sostengono tutta la struttura. Questa architettura segue gli schemi della tradizione germanica che si ritrova in tutta l’Alsazia.

Colmar, Maison à colombages
Maison à colombages

Passeggiare per queste pittoresche stradine, tra canali e case color pastello, è estremamente affascinante… è amore al primo sguardo!

E’ la prima volta che visitiamo questa zona francese e ci chiediamo perché non l’abbiamo fatto prima!

Viaggio a Colmar con bambini – cosa vedere

Colmar è un gioiello incastonato tra i boschi e i vigneti dell’Alsazia, che riteniamo una delle regioni più belle e caratteristiche di tutta la Francia, deliziosamente punteggiata da castelli, vigneti e borghi pittoreschi.

E’ una cittadina facile da visitare con i bambini, le strade del centro si percorrono agevolmente con il passeggino e le piccole vie tranquille permettono di lasciare liberi i bimbi di correre e passeggiare senza pericolo.

Colmar, via pedonale

Si lascia l’auto in uno dei tanti parcheggi a pagamento e si raggiunge comodamente il centro storico a piedi, quasi interamente pedonale.

Le temperature invernali che abbiamo trovato, inoltre, ci hanno piacevolmente sorpreso, consentendoci di girare tranquillamente quasi tutta la giornata, stanchezza dei pupetti permettendo.

A Colmar c’è tanto da vedere grazie al suo patrimonio culturale e artistico, ma è passeggiando tra i suoi viali acciottolati e suoi canali, ammirando le case del centro, che l’abbiamo voluta scoprire e assaporare.

Piccola Venezia

La “Piccola Venezia” è il luogo più romantico di Colmar.

Anche se ha ben poco da paragonare alla nostra meravigliosa città, in questo quartiere si vedono le tipiche ordinate casette alsaziane affacciarsi sugli scenografici canali.

Colmar e i suoi canali

La zona seppur piccolina è molto graziosa.

Con pochi euro potrete anche concedervi un giro in gondola di 25 minuti con tanto di gondoliere, esperienza semplice ma simpatica per i bimbi.

Passeggiamo per il centro storico di Colmar che conserva la divisone caratteristica in quartieri, l’elegante Rue Merciére è un susseguirsi di edifici affrescati e negozi tipici e non manchiamo gli acquisti di  dolci e souvenir.

Dolce tipico Colmar

Maison Pfister

Uno tra gli edifici più fotografati di tutta Colmar è Maison Pfister che, con i suoi caratteristici balconcini a torretta delle case nobiliari alsaziane, è la casa simbolo di questa cittadina.

Difficile non restare con il naso all’insù!

Colmar Maison Pfister
Maison Pfister

Collegiata di San Martino

Difficile passeggiando per il centro non trovarsi davanti alla suggestiva piazza della cattedrale, il cuore della città, in cui ammirare la maestosa collegiata di San Martino. E’ una delle chiese gotiche più importanti dell’intera Alsazia.

Colmar, collegiata di San Martino
Colmar, collegiata di San Martino
collegiata di San Martino

Musée du Jouet

Se vi ritagliate un pochino di tempo potete fare un salto al Musée du Jouet, il Museo del Giocattolo proprio in centro Colmar.

Questo piccolo ed economico museo non vi porterà via molto tempo, si rivolge non solo ai piccolini ma anche ai genitori che faranno un salto nel passato tra bambole e trenini.

Su tre livelli e con più di 1.000 giocattoli in mostra, il museo offre una vasta collezione di giocattoli dal 19° secolo ad oggi.

Personalmente non lo abbiamo visitato, i bimbi alternavano sonnellini nei passeggini a passetti nel centro, abbiamo preferito goderci la deliziosa atmosfera nelle viuzze del centro.

Potete trovare informazioni qui: Musée du Jouet

Cosa portare:

Viaggio a Colmar con bambini – dove mangiare

Sono innumerevoli i posti in cui mangiare in città.

I luoghi in cui assaggiare le prelibatezze culinarie sono sicuramente le bierstub e le winstub, ristoranti e birrerie tipiche contraddistinti da una caratteristica atmosfera .

Colmar, dove mangiare

Anche in fatto di tradizioni culinarie l’Alsazia risente dell’influenza della vicina Germania, e troviamo così in comune anche molte specialità a base di carne e i tipici bretzel.

Abbiamo notato ovunque seggioloni e addirittura il simpatico “parcheggio passeggini”.

parcheggio passeggini

I prezzi tuttavia non sono quelli tedeschi, Colmar è per eccellenza la meta più famosa di questa regione e di conseguenza la più cara.

I menu turistici dei locali sono piuttosto alti per i nostri standard “low cost” e optiamo per un pranzo veloce al Marché Couvert, anche questo un punto caratteristico vicino al quartiere della Piccola Venezia.

Colmar, Marché Couvert
Marché Couvert

Comunque ottimo posto per ripararsi un po’ dal freddo invernale curiosando tra le bancarelle dei prodotti locali!

Questo piccolo mercato coperto accoglie banchi con prodotti tipici della zona, bar/ristoranti e panetterie che sfornano baguette e bretzel . Qui si trova ogni sorta di frutta e verdura, formaggi di tutte le qualità, specialmente quelli di capra, che potrete accompagnare con un calice di Gewurztraminer d’Alsace.

Viaggio a Colmar con bambini – dove dormire

La cittadina ha un’offerta alberghiera di alta qualità spaziando tra appartamenti, hotel e chambres d’hotes, la versione francese dei bed&breakfast.

Se avete intenzione di visitare Colmar nel periodo dei Mercatini di Natale preparatevi tuttavia a prezzi non proprio economici e prenotate con largo anticipo.

La città in questo periodo è gettonatissima e le strutture vengono prese d’assalto.

Anche nel periodo subito a ridosso dei Mercatini, a Capodanno, non siamo riusciti a trovare una sistemazione adatta ai nostri budget e abbiamo preferito soggiornare in territorio tedesco a Friburgo.

Abbiamo prenotato una deliziosa struttura a un prezzo decisamente più basso e a meno di un’ora di macchina dal centro di Colmar.

Una valida alternativa potrete trovarla nella graziosa cittadina di Mulhouse, a una quarantina di minuti a Sud o nei paesini delle campagne alsaziane vicini alla città (anch’essi però gettonatissimi).

Se volete però godervi la Colmar illuminata la sera, i suoi ristoranti e godervi una passeggiata serale nella Piccola Venezia senza muovere la macchina prenotate con largo anticipo!

Viaggio a Colmar con bambini – quando andare

Colmar merita di essere visitata in ogni periodo dell’anno.

Il periodo più suggestivo per visitare la città però è senza dubbio il periodo natalizio.

addobbi natalizi a Colmar

Un tripudio di luci e colori, chalet in legno e alberi di Natale, la città si accende di magia e le case del centro sono protagoniste di questa favola a cielo aperto.

Colmar vetrina negozio

Pur visitandola a Capodanno, a mercatini appena smontati (a Colmar finiscono presto!), dobbiamo dire che l’atmosfera è in ancora pieno fermento Natalizio.

Nonostante la folla abbia già abbandonato la piccola Colmar i parcheggi sono ugualmente pieni, i ristoranti prenotati e gli alberghi completi. Insomma tutti vogliono andare a Colmar e a quanto pare … rimanerci!

finestra con addobbi natalizi

Le strade e gli edifici ancora deliziosamente addobbati con decorazioni, luci e cuori di legno. Dalle finestre delle case a graticcio spuntano orsacchiotti giganti, ghirlande e palle di Natale.

finestra con orsetti

Ci riempiamo gli occhi di tutta questa meraviglia… qui è ancora Natale e siamo ancora tutti bambini.

I dolci, i biscotti, gli orsacchiotti, il profumo del sidro di mele… non vorremmo più lasciare Colmar!

finestre con addobbi natalizi

Viaggio a Colmar con bambini – i dintorni da non perdere

Il nostro viaggio procede alla scoperta di altre due mete da fiaba: Riquewihr e Kaysemberg.

Circondate da vigne queste città fortificate sono altri due amatissimi e pittoreschi borgi,  due veri gioeiellini.

Colmar luci di Natale

Leggi il prossimo post Riquewihr, il villaggio di “La Bella e la Bestia” è in Alsazia – giorno 3