Chiese ortodosse a Santorini

Santorini con i bambini, le cose da sapere prima di partire

Se si organizza una vacanza in Grecia con i bambini, soprattutto se piccolini, forse Santorini non è la prima isola delle Cicladi a cui si pensa. Prima di prenotare il nostro volo ci avevano detto che visitare Santorini con i bambini non sarebbe stata cosa semplice per via dei molti scalini, delle spiagge con ciottoli anziché sabbia e della mancanza di seggioloni nei ristoranti.

Ma siamo partiti ugualmente! Per il nostro primo viaggio in tre desideravamo tanto vedere qualche isola delle Cicladi e, non avendola mai vista prima, di sicuro non potevamo saltare la magica Santorini.

Santorini con bambini città bianca
Casette bianche, gialle e cupole blu, questa è Santorini!
Cupola blu vicino una pianta fiorita

L’isola, bisogna ammetterlo, è il paradiso delle coppie grazie ai romantici tramonti e ai deliziosi locali a picco sul mare. Noi l’abbiamo girata con il nostro bimbo di pochi mesi e vi assicuriamo che è fattibilissimo anche con i piccolini, certo con qualche compromesso. Le abbiamo dedicato tre giorni e non ci siamo pentiti, anzi è stato indimenticabile.

Da Fira a Oia con marsupio
Primo giorno a Santorini!
Casette bianche punteggiano la costa di Santorini
Santorini, un’emozione!

Il nostro itinerario ha previsto 2 settimane in giro tra la vulcanica Santorini, le bianche spiagge di Naxos, l’isola delle biciclette Koufonissi e i mulini a vento di Mykonos. Avendo scelto di goderci le spiagge e il mare sulle altre isole, ci siamo concentrati sull’esperienza emozionale di Santorini. Ci siamo lasciati trasportare dai suoi colori, dai profumi, dai rossi tramonti, dalle case bianche e blu. E’ in fondo questo che si cerca a Santorini, no?!

Le cose da non perdere a Santorini con bambini

In viaggio con i bambini a Santorini
Primo viaggio a Santorini in tre!
Santorini con bamnbini
Santorini con tatino

Oia

Santorini è una di quelle isole che emozionano ancora prima di partire e sicuramente Oia (si pronuncia ia) è considerata uno dei borghi più suggestivi di tutte le Cicladi.

Arroccata sulla punta a nord-ovest dell’isola, Oia sembra nascere dalle altissime scogliere della costa occidentale a picco sul mare ed è assolutamente da non perdere.

Case color confetto ed edifici bianchi sovrastati da cupole di un bel colore blu acceso, vista da lontano sembra quasi che un candido manto di neve si sia adagiato sulle coste dell’isola.

Oia il villaggio più bello di Santorini
Mulini a vento di Santorini

Oia è un sogno ed è conosciuta in tutto il Mondo per i suoi tramonti…affollati! Quindi se volete assistere al calar del sole, armatevi di pazienza e andate a prendere un posto in prima fila per tempo.

Ma lo spettacolo non finisce qui. Appena la luce indietreggia davanti all’oscurità, migliaia di lucine si accendono creando un paesaggio da presepe. Le famiglie si ritirano e l’isola si anima al ritmo della movida.

E’ possibile raggiungere Oia con un’auto a noleggio o, come abbiamo fatto noi, con il bus cittadino dal nostro albergo sito in Fira.

Fira (Thira)

Fira, conosciuta anche come Thira, è la capitale di Santorini. Altrettanto bella quanto Oia, offre un panorama mozzafiato su tutta la caldera, oltre a molte vie caratteristiche piene di negozietti.

Avete presente sulle cartoline le foto della Chiesa bianchissima con il cupolone blu cobalto con le tre campane (The Three Bells of Fira) che si stagliano sul mare e sul cielo blu? Se volete gli stessi scatti dovrete recarvi proprio a Fira.

Le Three Bells di Fira

La bellezza di Fira con le sue case bianche, il dedalo di stradine e le viste straordinarie sulla Caldera regala suggestivi paesaggi da cartolina.

Chiese ortodosse a Santorini
Chiese ortodosse

Firostefani e Imerovigli

Si dice che il tramonto ad Oia sia il più bello ma ne ammirerete di splendidi anche a Firostefani e Imerovigli. I due borghi sono ciò che si cerca in Santorini: viuzze e case bianche.

Firostefani è soprannominata “il tetto dell’isola” perché si trova nella parte più alta di Fira e grazie alla sua posizione regala una vista diversa sul vulcano. È collegata con Fira attraverso una stradina acciottolata che costeggia la caldera, intersecata da vicoli e scale che creano suggestivi labirinti.
Non troverete veri e propri confini essendo Firostefani un’estensione di Fira.

La costa di Santorini vista da Firostefani
La costa di Santorini vista da Firostefani

Imerovigli è un villaggio tranquillo e raffinato, decisamente chic. Anche da qui è possibile godersi il tramonto che ogni sera l’isola regala ai suoi visitatori (per alcuni il tramonto è anche più suggestivo rispetto a quello di Oia). Imerovigli è soprannominata “il balcone dell’Egeo” per le sue magiche viste sul mare e i tramonti da favola!

Una gita in barca per ammirare la Caldera

La celebre Caldera è ciò che fondamentalmente caratterizza Santorini. L’isola nasce da una catastrofica eruzione che la seppellì interamente sotto la lava, cambiandone la conformazione da rotondeggiante alla forma attuale.

La caldera vista da Fira
La caldera vista da Fira

L’ampia baia a forma di mezzaluna che ne deriva è fronteggiata da un gruppo di isolotti vulcanici ed è considerata il cuore di Santorini.

Santorini con i bambini Nea Kameni
Nea Kameni

Sono molte le crociere in barca e in catamarano che propongono gite collettive o private per ammirare la Caldera. Solitamente si naviga verso Nea Kameni per fare un’escursione fino al cratere del vulcano attivo e alle sorgenti con pranzo in barca compreso.
Noi abbiamo ammirato la caldera con una lunga passeggiata di circa 3 ore da Fira a Oia.

Spiagge famose di Santorini

Le spiagge più famose dell’isola sono sicuramente la White Beach, la spiaggia prende il nome dalle candide scogliere che si stagliano dietro al piccolo litorale, e la Red Beach, un’affascinante distesa di sabbia rossa. Si trovano entrambe nella parte sud occidentale dell’isola e sono raggiungibili in barca o a piedi.

Noi abbiamo deciso di vedere la Red Beach che si può raggiungere in barca oppure in auto o in pullman (come abbiamo fatto noi) e poi con una camminata di circa dieci minuti. Il sentiero piuttosto è scosceso, se lo affrontate con i bimbi ci andrà un po’ più di attenzione e prudenza.

Questa sensazionale spiaggia è di origine vulcanica ed ha un colore rosso scuro, tendente in alcuni punti al nero. E’ racchiusa da alte e suggestive scogliere, anch’esse rosse.

La Red Beach è uno tra i punti più fotografati e frequentati dell’isola. Vale una sosta di un paio di ore, a nostro parere è sicuramente da vedere per la sua particolarità! Tuttavia se volete passare una giornata al mare meglio preferire altre spiagge, più attrezzate e con mare cristallino.

Spiaggia di Red Beach
Spiaggia di Red Beach

Le spiagge migliori a Santorini con i bambini

Premesso che Santorini non è una meta che si sceglie per fare vita di mare, le spiagge più adatte alle famiglie (per servizi e comodità) sono sicuramente le spiagge di Kamari e Perissa che si trovano lungo la costa sudorientale di Santorini.

Perissa e Kamari si somigliano, entrambe sono spiagge di origine vulcanica con sabbia a grana grossa e ciottoli scuri.

Perissa

La spiaggia di Perissa è adatta ai bimbi in quanto pulita, molto ampia e lunga. La sabbia è scura (quasi nera) e il mare è trasparente, anche se i fondali scuri non gli rendono giustizia.

Qui si può scegliere se affittare lettini e ombrelloni oppure andare in spiaggia libera. I ristoranti che hanno lo stabilimento balneare solitamente danno l’uso della spiaggia con ombrellone e lettini per i clienti che pranzano o consumano in spiaggia. Diversamente il costo per un ombrellone e due lettini è comunque contenuto, per la giornata si aggira sui 10 euro.

Ombrelloni nella spiaggia di Kamari
Spiaggi attrezzata di Perissa
Cicladi con bambini

Perissa offre un bel panorama e ha un lungomare molto rilassante e tranquillo, adatto alle serate con i passeggini. Oltre ai locali e ai ristoranti troverete qualche negozietto di souvenirs.

E’ un’ottima soluzione per rilassarsi a Santorini con i bambini per una mezza giornata, se siete di passaggio, o anche per più giorni se volete fare qualche giorno di mare.

Kamari

Kamari è altrettanto carina e attrezzata ma, a nostro parere, più animata. E’ infatti un po’ più chic come spiaggia e questo si riflette nell’affluenza dei turisti e nei prezzi.

Spiaggia di Kamari
Spiaggia di Kamari

Mare trasparente e spiaggia ampia e pulita ma più ciottolosa, abbiamo preferito da questo punto di vista Perissa.

Consigli utili per visitare Santorini con i bambini

Santorini, non ci stanchiamo di ripeterlo, è un emozione per tutti i sensi. Non rinunciate a vederla, non aspettate a vederla, se viaggiate con bambini piccoli abbiate solo qualche accorgimento e informazione in più. Questo vi permetterà di godervi appieno l’incanto della perla delle Cicladi e di portare nel vostro cuore uno dei viaggi più belli con i vostri bimbi.

Noi, avendo pochissimi giorni a disposizione, non abbiamo noleggiato un’auto ma abbiamo preferito l’uso dei mezzi pubblici. Gli autobus, guidati con pittoresca esuberanza, sfrecciano per le strade dell’isola portando i turisti nei luoghi di interesse. Evitate le ore di punta, specialmente nella tratta per Oia perché rischiate di non trovare posto a sedere.

Santorini con i bambini: passeggino sì o no?

Se visitate Santorini con bambini in età da passeggino sappiate che i suoi villaggi sono un susseguirsi di gradini e saliscendi.

Quindi munitevi di marsupio, fascia o zaino porta enfant (a seconda di che età avranno i vostri bimbi) e tanta voglia di camminare!

Scorcio di Oia

Noi avevamo un passeggino pieghevole ultraleggero a cui abbiamo legato una tracolla per poterlo portare a spalle ed aprirlo all’occorrenza per far riposare il piccolo o usarlo nelle taverne sprovviste di seggiolone.

Palia Kameni Bar
Palia Kameni Bar

Per raggiungere le spiagge invece abbiamo avuto ci sono grossi problemi, le strade sono pianeggianti per cui passeggino si!

Ristoranti a Santorini con i bambini

La visita di Santorini passa anche attraverso il gusto e quindi fermandosi ad assaggiare la cucina tipica locale nei suoi ristoranti, anzi nelle sue taverne. Sedie e tavoli bianchi e blu, mazzetti di fiori sui tavoli, il profumo del pesce grigliato e di gyros appena preparato.

Non sempre troverete seggioloni per bambini piccoli, dipende dai posti, e per questo vi sarà utile avere con voi o un seggiolino portatile leggero o un passeggino ultraleggero per poter mangiare più comodamente.

Di localini meravigliosi ce ne sono moltissimi sull’isola, con i bimbi evitate gli orari di punta più affollati per avere più spazio tra i tavoli e più attenzioni da parte dei gestori.

Mangiare nelle taverne a Santorini

Dovrete assolutamente provare l’insalata greca (immancabile feta a dadini, pomodoro a fette, cetrioli, cipolla, olive, sale, origano, olio), il gyros, il cibo da strada tipico della Grecia, molto simile al kebab ripieno di carne di maiale che viene cotta su lunghi spiedi e tagliata in fette sottili, la moussakà che ricorda la nostra parmigiana, il Souvlaki, spiedini di carne marinata e tante altre delizie!

I vostri bimbi apprezzeranno il famoso yogurt greco più nelle versioni dolci con miele e noci o con le amarene, piuttosto che nella salsa Tzatziki, altro assaggio immancabile invece per i grandi.

Non potrete lasciare l’isola senza assaggiare i baklava, dolci (ma davvero dolci!!) di pasta sfoglia a strati ripieni di noci tritate addolciti con il miele.

I famosissimi dolci baklava
I famosissimi dolci baklava

Abbigliamento e protezione solare

Le isole Cicladi sono ventose per definizione e Santorini non fa eccezione. Ma tranquilli non sarà un vento furioso ma piuttosto una brezza utile a sopportare il caldo nei mesi più afosi. Noi siamo stati a fine giugno e abbiamo avuto giornate piacevoli.

Ci è stato utile portare comunque un paio di k-way per il cucciolo. La temperatura di sera si può abbassare velocemente appena arriva un po’ di vento.

Non dimenticate inoltre di portare per i piccoli una crema solare con un’ottima schermatura. Con il vento infatti la sensazione di calore non si avverte e si è a rischio bruciature.

Scarpine e ciabattine in spiaggia

Per andare in spiaggia con i bambini preferite gli orari non centrali della giornata. Oltre al caldo dovrete fare i conti con la sabbia vulcanica e i ciottoli che nelle ore più calde di luglio e agosto diventano roventi. Non dimenticate a casa quindi ciabattine e scarpine da spiaggia per proteggere i piedini dal calore.

Quando andare a Santorini

L’isola ha un clima mediterraneo temperato con estati calde e soleggiate e inverni miti e brevi. I periodi migliori per andare con i bambini sono la primavera, da aprile a giugno e parte dell’autunno, da settembre a ottobre. Tenete presente che le temperature sono ancora accettabili e si può fare ancora il bagno.

Santorini come arrivare e come muoversi sull’isola

Il modo più semplice per arrivare a Santorini è in volo. I collegamenti con l’Italia sono molti e operati da più compagnie aeree come Ryanair, Easyjet, Volotea, Blue Air sull’aeroporto di arrivo di Thira.

Sull’isola noi abbiamo scelto di muoverci in pullman. Avevamo pochissimi giorni a disposizione e non volevamo essere legati al problema del parcheggio o della restituzione dell’auto a noleggio. L’isola è ben collegata e l’uso del bus ci ha permesso di abbattere il costo del noleggio auto e di muoverci a piedi liberamente tra un paesino e l’altro, non avendo il problema di dover tornare indietro a riprendere la macchina. Preparatevi spiritualmente perché gli autisti parlano a voce molto alta e viaggiano a velocità sostenuta (tenetevi saldi alle maniglie!).

Dove dormire a Santorini con i bambini

Per i nostri tre giorni a Santorini abbiamo scelto, come detto prima, di non noleggiare l’auto. Ci siamo fatti venire a prendere dalla struttura in cui soggiornavamo, che ci ha anche accompagnato ai traghetti per Naxos.

Abbiamo prenotato a Villa Koronios, un comodo studio a Fira situato in posizione strategica per chi come noi aveva la necessità di prendere i mezzi pubblici. Dista infatti alcune centinaia di metri dalla fermata dei bus che portano in ogni direzione. Colazione a bordo piscina per iniziare bene la giornata!

Santorini con bambini un tuffo in piscina
Un tuffo in piscina!
Colazione in piscina
Colazione in piscina

Molti hotel non accettano bambini per motivi di sicurezza. Le strutture, specialmente quelle più caratteristiche, con terrazze con vista sulla caldera non hanno protezioni adeguate per i più piccoli. Controllate sempre prima di prenotare.

Soggiornare a Perissa o Kamari è sicuramente più indicato se volete dedicarvi di più al mare

Booking.com

Lascia un Commento